Se ti piace il nostro Format, aiutaci a rimanere online con una semplice donazione di 0,80 €

Lazio-Galatasaray: cosa ne pensano Prandelli, Inzaghi e Calveri

L’urna di Nyon ha riservato un sorteggio non facile, ma neanche impossibile, alla nostra Lazio. I turchi sono una squadra ostica, ma abbordabile, e pur avendo diversi ex “italiani” di alto livello, tra tutti Sneijder Podolski e anche l’ex laziale Muslera, sembra avere, sulla carta, un’organico più o meno simile, per qualità, a quello dei biancocelesti. Vediamo cosa ne pensano alcuni addetti ai lavori, di questa sfida dal sapore di Cahmpions.

Cominciamo con Cesare Prandelli, l’ex ct della Nazionale ha fatto il punto sul sorteggio nelle coppe delle italiane, ai microfoni di Calciomercato.com, soffermandosi anche sul momento dei biancocelesti: “La Lazio è indubbiamente in difficoltà e faccio fatica a spiegarmelo considerando il grado di preparazione di Stefano Pioli. Col Galatasaray però non è un’impresa impossibile. Andrà ritrovata una certa brillantezza dal punto di vista atletico e la partita di Istanbul sarà estremamente complicata sul piano ambientale. Molti dei migliori giocatori della Lazio non stanno rendendo secondo le aspettative e l’eliminazione dal playoff di Champions League ha inciso tantissimo dal punto di vista psicologico”.

Continuiamo con Simone Inzaghi, l’attuale allenatore della Lazio Primavera ha ricordato una sua surreale trasferta ad Istanbul ai microfoni di gianlucadimarzio.com: “Una notizia che ci arrivò in albergo (era l’11 settembre del 2001 ndr) nelle nostre camere. Io appena sveglio vidi quelle immagini tremende, eravamo convinti di non giocare. Sapemmo che saremmo scesi in campo soltanto due ore prima della gara, praticamente nel momento della partenza della squadra dall’albergo. Le partite di quel martedì vennero giocate, sospesero quelle del giorno dopo. Allo stadio l’ambiente era surreale, eravamo certi che l’avrebbero sospesa ed invece non fu così. Una partita in un clima strano per quell’enorme tragedia che aveva colpito il mondo. Perdemmo 1-0, gol di Umit Karan, io entrai gli ultimi venti minuti.Vincemmo poi al ritorno, 1-0 con gol di Stankovic”. Poi ha detto la sua sul confronto di febbraio: “È un ambiente caldo, ma la Lazio ha tutto per passare il turno”.

Infine chiudiamo col segretario generale della Lazio, Armando Calveri, presente a Nyon durante i sorteggi, che al portale turcosabah.com ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Siamo stati sfortunati nella partita col FenerbacheNon siamo riusciti a ottenere il passaggio in semifinale. Speriamo che questa volta vada in modo diverso, vogliamo raggiungere traguardi importanti in Europa. Giocare contro il Galatasaray vuol dire affrontare una squadra di grande tradizione. Siamo lieti di tornare a Istanbul. E siamo pronti ad accoglierli nel modo migliore a Roma”. Poi un commento sul possibile interessamento da parte della Lazio per l’ex tecnico dei turchi Hamza Hamzaoglu, voce smentita dallo stesso Calleri: “Non abbiamo avuto alcun contatto con Hamzaoglu. Per il momento il nostro tecnico è Stefano Pioli. Non credo che un qualsiasi allenatore possa portare cambiamenti radicali”.