Connect with us

Primavera

Che cosa accadde quel famoso 11 Marzo 1973 in Sud ?

Published

on

1175541_176562372527936_1869120430_n
Ricorderete tutti uno degli ultimi capolavori fatti dalla nord,la coreografia che recitava “la verità da me tiella pè certa” …pensando a quei versi del Belli bisogna renderci ancora più consapevoli che noi tifosi laziali siamo e saremo LA VERITA’ di Roma di padre in figlio, e per restare in tema evangelico saremo sempre NON profeti in patria nostra. Ma questa verità va trasmessa sempre alle nuove generazioni, della scelta che fanno amando la Lazio. Solo ed esclusivamente per onor di verità (perché qui non si tratta di dimostrare chi era coniglio, chi furbetto e chi gran fico) verrà ripercorso quel 11 marzo 1973, fantasiosa leggenda che i nostri dirimpettai giallorossi ad arte hanno creato, per provare a radicare delle “nobili” origini che in realtà evidentemente mancano e vedrete che in realtà i fatti furono molto più semplici di quanto favoleggiato.

Certo capiamo: che trattandosi di leggenda si da ampio spazio alla fantasia, ma se i fatti sono addirittura menzogneri, questa leggenda può attecchire giusto tra di loro…perché la verità reale è che NESSUNO CI HA MAI CACCIATO DALLA SUD !

Ma veniamo alla storiografia di quel giorno :
I primi club laziali e romanisti amavano stare in Sud perché dal parterre sottostante uscivano le squadre, nei derby quindi in sud c’erano sempre scazzottate che con gli anni di piombo divennero molto violente. Loro erano in maggioranza per il semplice fatto che erano sinistroidi e quindi avevano un più forte richiamo giovanile anche di curva ( non è un disonore affatto ammettere che il rapporto era 10 a 1) .

L’11 marzo 1973 i laziali ( ragazzi di monte verde dell’ eur di s.giovanni ed i lazio boys), consapevoli dell’azione che avrebbero intrapreso e calcolato lo svantaggio numerico, riuscirono ad entrare prima in curva sud piazzandosi sopra l’ambito muretto.
Mentre la curva continuava a riempirsi,scoppiarono molte colluttazioni e diversi parapiglia tra biancocelesti e giallorossi fino a quando le “forze dell’ordine” intervennero, entrando sugli spalti per dividere i contendenti.

Ristabilito l’ordine grazie all’irruzione della celere, i laziali erano riusciti a conquistare mezza sud, la parte destra per la precisione, dove rimasero per TUTTA LA PARTITA ! Questo fu un fattore di grande smacco per i giallorossi che non riuscirono ad avere la meglio su una gioventù laziale in nettissima minoranza (queste cose bisogna riportarle altrimenti non si riesce ad essere obbiettivi e onesti sui fatti).

Quella per noi laziali fu una grande vittoria,vittoria che però non potemmo perpetuare nel derby seguente, non per fantomatici picchetti giallorossi (basti ricordare il compianto Tassinaro e i suoi ragazzi nel piazzale davanti alla sud che diedero vita a un pre partita a dir poco “caldo”), ma per una circostanza del tutto diversa. Infatti, come riportato fedelmente anche nel libro “Forza Roma, daje lupi.” Scritto da Marco Impiglia, la settimana precedente al derby successivo a quello del marzo 73, Via Ruffini (la polizia di stato n.d.r.) chiamò a se i capi delle associazioni del tifo delle due squadre (Renato Faitella commissario del Centro di Coordinamento Roma club e Tonino Di Vizio assieme a Camiglieri responsabili dei Lazio Club) , per evitare nuovi incidenti, “ordinando” ai laziali di andarsene in Nord e “assegnando” la Sud ai romanisti.

Particolare di non poco conto, quello relativo alla fantastica organizzazione dell’Associazione dei club giallorossi (con relativa schiacciante voce in capitolo) e alla disorganizzazione e improvvisazione della nostra. Basti pensare che fu proprio Renato Faitella a proporre un tunnel per difendere i giocatori al momento dell’entrata in campo dal fitto lancio di bottigliette e agrumi dalla Sud; tunnel mobile realizzato da lì a poco. In realtà, senza “battagliare” a quel tavolo, subimmo questa decisione PROVENIENTE DALL’ALTO e ci ritrovammo a dovercene traslocare in Nord. 

Questa è la pura e semplice verità storica….chiunque dica o si ostini a divulgare altro è semplicemente perché non può avere riscontri dalla realtà, per cui l’unica via di scampo rimane il rifugiarsi nella fantasia, unica dimensione in cui certe leggende continuano ad avere luogo !

( fonte: www.forumlazioultras.it )

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Primavera 2 | La Primavera vola in classifica con un poker alla Ternana

Published

on

lazio primavera ternana

Ennesima vittoria per la Lazio Primavera nel girone B della Primavera 2. Lazio – Ternana termina 4-0 con doppietta di Crespi che insacca il pallone al 22 esimo di gioco e al 45 su rigore. La Ternana prova il pareggio al 32 esimo con Ferrante in mezzo alla doppietta del bomber biancoceleste. Allo scadere del secondo tempo arrivano i gol di Colistra al minuto 88 e Rossi firma il definitivo 4-1 al minuto 93.

La Lazio batte l’ultima in classifica e prosegue il suo cammino per la promozione in Primavera 1. Con al vittoria casalinga, i ragazzi di Sanderra si portano al terzo posto a quota 19 punti con Ascoli e Cosenza. La prima posizione occupata dal Benevento dista solo 2 punti ed un solo punto dal secondo posto del Pisa.

Le parole di Colistra

“Sono molto felice per la vittoria, era importante dare continuità ai risultati precedenti. Abbiamo vinto anche con lucidità, chiudendo la partita con il mio 3-1, al termine di una grande azione. Gli inserimenti di noi centrocampisti sono sempre imprevedibili, possiamo sfruttare il lavoro sporco degli attaccanti.

La Ternana ha fatto la sua partita, siamo riusciti a prendere il largo nella ripresa, dopo un primo tempo equilibrato. L’entrata di Troise, da trequartista, ci ha aiutato. Pensiamo gara per gara, dopo un avvio non semplice stiamo ingranando. Da lunedì penseremo già al prossimo impegno”.

Le parole di Di Tommaso

“Sto bene, abbiamo battuto una squadra che ci è venuta subito a prendere alta. Hanno lottato ma abbiamo avuto la meglio noi, anche se il 4-1 nasconde un po’ le difficoltà di questa partita.

Questa squadra ti permette di giocare sereno, però dobbiamo ancora migliorare. Siamo forti, vogliamo la promozione in Primavera 1. Dobbiamo affrontare ogni partita con la stessa determinazione”.

Il Tabellino

LAZIO-TERNANA 4-1

Marcatori: 22′, 45′ rig. Crespi (L), 32′ Ferrante (T), 88′ Colistra (L), 90+3′ G. Rossi (L)

 

LAZIO (4-4-2): Morsa; Floriani Mussolini (90′ Jurczak), Petta, Dutu, Bedini; Di Tommaso, Colistra (90′ A. Rossi), Bertini, Sana Fernandes (76′ G. Rossi); Crespi (90′ Napolitano), Brasili (57′ Troise).

A disp.: Martinelli, Renzetti, Cannatelli, Bigonzoni, Milani.

All.: Stefano Sanderra

 

TERNANA (4-2-3-1): Morlupo; Ciucci, Picchiantano, Bonugli, Koffi (85′ Nischwitz); Ferrante, Nunzi; Marcelli, Salerno (43′ Montecolle, 85′ Flaiani), Monese (56′ Manucci); Bustos Cordoba.

A disp.: Antonini, Cipi, Schettini, Manni, Megaro.

All.: Marco Onesti

 

 

Arbitro: Gabriele Sacchi (sez. di Mantova)

Assistenti: Sbardella – Pandolfo

 

NOTE. Ammoniti: 61′ Mussolini (L), 63′ Bustos Cordoba (T), 67′ Ferrante (T), 68′ Bedini (L), 75′ Di Tommaso (L), 86′ Bonugli (T), 90+4′ G. Rossi (L)

Recupero 3′ pt, 4′ st

 

Campionato Primavera 2 | 11ª giornata, girone B

Sabato 3 dicembre 2022, ore 14:30

Campo Mirko Fersini, Formello (RM)

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Primavera 2 | Cambio di rotta per la Lazio che vede vicina la vetta! Pescara – Lazio 0-2

Published

on

pescara lazio primavera

Arriva un cambio di rotta in casa Lazio nella Primavera 2. I biancocelesti vincono per la terza volta consecutiva e lo fanno in trasferta contro il Pescara.

I ragazzi di Stefano Sanderra trovano i 3 punti che li proiettano nella zona playoff cambiando una rotta che si stava mettendo male. Crespi e Dutu portano i compagni a quota 16 punti a pari di Ascoli e Cosenza occupando il sesto posto per differenza reti.

Pescara-Lazio si sblocca nel secondo tempo quando dopo 3 minuti dalla ripresa, Crespi insacca il pallone dell’1-0. Dopo 6 minuti Dutu raddoppia per il definitivo 2-0 finale.

Le parole di Sanderra

“La crescita della squadra mi conforta, nel primo tempo alcune cose non mi sono piaciute poi nella ripresa ci siamo sistemati meglio e siamo stati cinici. I ragazzi stanno cominciando a capire le caratteristiche di questo campionato, dove nessuno ti regala nulla. Siamo più umili e i risultati si vedono, anche se c’è molto da lavorare ancora. Ci sono partite nelle partite, a volte devi contenere e altre volte attaccare.

Ci abbiamo messo un po’ per trovare la quadratura, stiamo trovando il modulo giusto, dove tutti riescono ad esprimersi al massimo. Sono soddisfatto anche perché i calciatori che oggi hanno debuttato si sono fatti trovare pronti. Ringrazio D’Urso per il lavoro fatto con i suoi ragazzi, però piedi per terra perché il torneo è ancora lungo. Inutile adesso guardare la classifica, bisogna solo tenere d’occhio le prestazioni.

A livello di risultati sembra esserci stata una svolta, la squadra ha capito che per vincere le partite bisogna fare gruppo. Abbiamo passato dei post partita molto duri e da quelli la squadra ha capito che bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare. Fondamentale però rimanere concentrati perché la partita più difficile è sempre la prossima”.

Le parole di Crespi

“Il primo tempo non è stato ottimo da parte nostra, nonostante un paio di occasioni create. Nella ripresa siamo entrati con la testa giusta e l’abbiamo portata a casa.

La mia continuità con il gol è merito del lavoro della squadra, quando c’è felicità e voglia di sorridere e fare bene riusciamo a tirare fuori il meglio. Sana sta imparando il calcio italiano.

Io e Floriani Mussolini siamo i più esperti del gruppo, per questo spesso andiamo a parlare con l’arbitro. L’obiettivo è rimanere in alto a Natale, serve continuità, questo è un club importante. Sappiamo bene qual è il nostro obiettivo.

La squadra è più compatta, il secondo gol per esempio è arrivato su inserimento di Dutu che è un difensore centrale. Io e Brasili siamo due attaccanti fisici e occupiamo l’area ma aiutiamo sempre tutta la squadra. L’attacco è la prima difesa, spessiamo andiamo a sporcare le linee di passaggio per i mediani avversari”.

PESCARA-LAZIO 0-2

Marcatore: 48′ Crespi, 54′ Dutu

PESCARA: Barretta, Staver, Cappello, Lodovici, Colarelli, Postiglione (76′ Braccia), Gatto (51′ Amore), Dagasso, Patanè, Scipioni, Mehic.

A disp.: Servalli, Aloisi, Reale, Colazzilli, Casciano, Comignani, Diabate, Andreassi, Balleello, Zeppieri.

All.: Ledian Memushaj.


LAZIO:
 Morsa, Floriani Mussolini, Bedini, Colistra, Petta, Dutu, Di Tommaso, Bertini (90+3′ Napolitano), Crespi, Sana Fernandes (89′ Jurczak), Brasili (77′ G. Rossi).

A disp.: Martinelli, Cannatelli, Bigonzoni, Rossi.

All.: Stefano Sanderra.

Arbitro: Domenico Leone (sez. di Barletta)

Assistenti: Spina – Chichi

NOTE: Ammoniti: 52′ Crespi (L), Postiglione (P)

Recupero: 0′ pt, 4′ st

Primavera 2 | X giornata

Sabato 26 novembre 2022, ore 14:30

C.S. Delfino Training Center, Città di Sant’Angelo (PE)

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Primavera 2 | Lazio-Crotone ribaltata dai ragazzi di Sanderra che vedono la zona Playoff

Published

on

lazio crotone primavera

Termina 3-1 in rimonta al Fersini la partita di Primavera 2 tra Lazio-Crotone. Ospiti in vantaggio dopo 20 minuti con un gol di rossi. Al 32esimo e al 45esimo minuto di gioco Crespi sigla il pareggio e la doppietta personale. Di Tommaso al minuto 38 del primo tempo sigla il 2-1 del vantaggio.

I ragazzi di Sanderra vincono in rimonta contro una rosa di alta classifica portandosi ora a quota 13 punti insieme ad Ascoli e Cosenza occupando la nona posizione in classifica. 3 sono le capoliste del girone B a quota 17 punti: Pisa, Viterbese e Benevento. Seguono Crotone, Perugia, Pescara e Virtus Entella a quota 14 punti. Appuntamento Sabato 26 Novembre con uno scontro diretto in trasferta con Pescara-Lazio dove i ragazzi biancocelesti cercheranno i 3 punti per agguantare la zona Playoff.

Le Parole di Sanderra: ” Ancora molto da lavorare “

“Stiamo effettuando un percorso di crescita, abbiamo dato continuità alla buona prestazione di Pisa. Prima ci capitava di non riuscire a dare continuità, è importante per la mentalità della squadra, che è stata brava a reagire dopo l’iniziale vantaggio, frutto di un errore individuale. Abbiamo tenuto bene la palla, siamo stati cinici, nella ripresa abbiamo gestito il risultato, forse potevamo alzarci di più.

Il gruppo non si è disunito, è rimasto compatto nel lavorare, abbiamo trovato il pareggio e completato la rimonta in poco tempo. Nelle partite scorse, c’era stato un po’ di scollamento dopo lo svantaggio. La mente è tutto in tante cose, nel calcio e nello sport è fondamentale: la squadra sta acquisendo sicurezze, questo conforta perché nelle difficoltà la squadra a lavorare come se non fosse in svantaggio.

Tutto il gruppo è importante, chi non gioca lo è ancora più di chi parte dall’inizio o subentra. Oggi abbiamo cambiato modulo, vuol dire che la squadra sta acquisendo i meccanismi e i principi corretti. C’è ancora tanto da lavorare, un mare: non è ancora la squadra che vorrei ma qualche germoglio iniziamo a vederlo. Abbiamo ampi margini di miglioramento, sia tatticamente sia tecnicamente così come a livello fisico. La Società è stata vicina alla squadra: quando è stato comunicato il ritorno al Fersini, la squadra ha esultato. Abbiamo sofferto tanto, subendo sconfitte umilianti: ciò però ha consentito ai ragazzi di ricompattarsi nello spogliatoio. L’approccio è migliorato.

Ora servirà la continuità: quello che hai fatto non conta nulla, serve sempre guardare al futuro. La sosta forse non arriva nel momento migliore ma sarà utile per recuperare alcuni elementi. I ragazzi guardano la classifica, si vive di questo. Noi andiamo al di là e ci focalizziamo sulla prestazione. I principali nemici siamo noi stessi, lavorare sugli errori ci aiuta a crescere.

Dobbiamo capire chi siamo: finora la squadra ha risposto bene, la mente farà la differenza, lavoreremo sull’approccio. Determinazione e grinta fanno sempre la differenza. Dobbiamo continuare ad avere fame per continuare a lavorare e crescere.

Le parole di Colistra: ” 3 punti che ci danno fiducia”

“Sono contento della vittoria, era una gara complicata. Quella di oggi è stata una vittoria fondamentale, non ci siamo abbattuti dopo il loro gol e abbiamo rimontato. Questo successo ci dà fiducia, soprattutto in vista della prossima con il Pescara. Pensiamo sempre partita per partita. Possiamo disputare ottime partite contro ogni avversaria, dipende sempre tutto da noi.

Tutta la squadra ha reagito, in pochi minuto abbiamo ribaltato il risultato. Abbiamo ora qualche giorno di riposo noi inizieremo a pensare al prossimo incontro. Era la mia prima al Fersini, il campo è bellissimo, la cornice ti responsabilizza ulteriormente”.

Il Tabellino

LAZIO-CROTONE 3-1

Marcatori: 20′ Rossi (C), 32′, 45’+2′ Crespi (L), 38′ Di Tommaso (L)

LAZIO (4-4-2): Magro; Floriani M. (78′ Cannatelli), Ruggeri, Dutu, Bedini; Di Tommaso, Colistra, Marino, Sana Fernandes (71′ A. Rossi); Brasili (71′ Troise), Crespi (87′ G. Rossi).

A disp.: Morsa, Martinelli, Kane, Petta, Bigonzoni, Napolitano.

All.: Stefano Sanderra

CROTONE (4-3-3): Lucano; Filosa, Abbruzzese, Yakubiv, De Paola (55′ Lupinacci); Aprile (85′ Panzarella), Giancotti (37′ Spunticcia), Rossi (55′ Scandale); Cantisani (85′ Elia), Chiarella, Ranieri.

A disp.: Barilà, D’Amora, Abbenante, Tarantino, Luciano.

All.: Francesco Lomonaco

Arbitro: Lorenzo Maccarini (sez. Arezzo)

Assistenti: Antonio Marco Vitale-Fabio Catani

NOTE. Ammoniti: 22′ De Paola (C), 34′ Ruggeri (L), 49′ Spunticcia (C), 55′ Brasili (L), 61′ Aprile (C), 80′ Cannatelli (L)

Recupero: 3′ pt, 5′ st.

Campionato Primavera2 | 9ª giornata, girone B

Sabato 12 novembre 2022, ore 11:00

Campo Mirko Fersini, Formello (RM)

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza