Finisce 1-1 il derby Primavera, tra nervosismo e poco spettacolo

Il derby Primavera si conclude in parità, con LazioRoma che si dividono la posta in palio in una partita che ha saputo regalare ben poche emozioni. I biancocelesti possono recriminare su alcune occasioni non sfruttate al meglio che potevano regalare la vittoria, visto anche che i giallorossi hanno giocato in dieci uomini gran parte della gara. In fin dei conti il pareggio è però il risultato più giusto, dopo una partita che è stata dominata più dal nervosismo che dal bel gioco. Ora vediamo la cronaca del match valido per la 24° giornata del Campionato Primavera.

Si gioca allo Stadio Mirko Fersini di Formello ed è la Roma a partire meglio, andando due volte alla conclusione in porta, prima con Sadiq e poi con Vasco. Al 24′ i giallorossi rimangono in dieci, per l’espulsione di Sadiq. L’attaccante della Roma rifila, infatti, una gomitata a Mattia a palla lontana e l’arbitro dopo essersi coordinato con l’assistente lo manda negli spogliatoi. Nel frattempo in campo scoppia una maxi rissa. Dopo quest’episodio i nervi si fanno molto tesi e la partita non decolla, anzi i falli si fanno sempre più insistenti e l’arbitro deve intervenire molto spesso per placare gli animi. Al 31′ ci prova Murgia su punizione ma la palla è troppo bassa e la barriera respinge. Due minuti dopo viene ammonito Spezio per un brutto fallo. Al 37′ Borecki Di-Livio-la-Roma-Primavera-recupera palla a centrocampo e lancia Ennali che però non conclude al meglio la ripartenza. Al 38′ clamorosa palla gol per la Lazio. Palombi riparte e va verso la porta, poi mette in mezzo per Rossi, ma il suo tiro è murato da Pop. Sulla ribattuta Folorunsho non riesce nel tap-in da poco più di due passi. La gara resta in parità. Al 40′ viene ammonito Quaglia per fallo su Paolelli. Si chiude così il primo tempo, dopo un minuto di recupero, sullo 0-0. Una prima frazione brutta, con poche occasioni e molti falli.

Nel secondo tempo la musica non cambia e le due squadre concludono poco o nulla. Intanto sia Di Livio che Petro sono ammoniti. Al 56′ ci prova la Lazio, ma Palombi in corsa manca la conclusione, dopo l’assist di Rossi. Un minuto dopo Folorunsho ha un’altra ghiotta occasione, ma sciupa tutto. Il nigeriano raccoglie, infatti, una palla vacante sul secondo palo, ma schiaccia troppo col sinistro, sbagliando da pochi passi. Al 61′ è proprio il centrocampista della Lazio ad essere sostituito da Cardoselli, è questo il primo cambio della gara. Al 63′ ancora biancocelesti in avanti, ma Ennali spreca ancora tutto, dopo una gran giocata di Palombi che libera il marrchino in contropiede, Ennail prova il tiro a giro ma spara fuori. Al 65′ ancora Lazio, con Spiezio che scende bene sulle destra e propone un bel cross per Rossi, che in spaccata stava per beffare Pop ma la palla si spegne sul fondo. Un minuto dopo anche la Roma cambia: esce Ponce ed entra Tumminiello. Al 67′ poi la Roma sciupa l’occasione con lo stesso Tumminiello, che controlla bene ma spara alto. Al 73′ Matosevic salva il risultato, parando una difficile conclusione di D’Urso che calcia dal dischetto del rigore. Un minuto dopo giallo per Ennai, che viene dunque primavera-2sostituito da Bezziccheri. Al 76′ la Roma passa clamorosamente in vantaggio con Vasco. Dopo un calcio di punizione battuto dalla destra, infatti, Rossi buca il rinvio e in area la girata vincente è del capitano giallorosso. Al 79′ quindi altro cambio per la Lazio: esce Spiezio, dentro l’ex giallorosso Calì. All’ 80′ ancora Matosevic salva la Lazio. La Roma parte in contropiede con Di Livio che serve Tumminello. La conclusione dell’attaccante però è centrale e il portiere della Lazio allunga in angolo. Quattro minuti più tardi cambia ancora il risultato.Questa volt è la Lazio a segnare con Palombi, che si accentra e spara col destro. Il suo tiro e precisissimo e si insacca alle spalle di Pop. 1-1 e risultato che torna in parità. Al’ 86′ la Roma cambia: esce Di Livio ed entra Grossi. I biancocelesti provano a mettere pressione agli avversari e cercano il goal vittoria, ma i giallorossi si difendono come possono e stringono i denti. Palombi e Tumminielo non sono precisi e il pareggio permane ancora. Petro accusa dei crampi e il gioco si ferma, è tanta la stanchezza sia per la Lazio che per la Roma. Così dopo 4 minuti di recupero termina la gara. Un pareggio per 1-1 che non accontenta nessuno.

TABELLINI:

SS LAZIO (4-3-3) : Matoševič; Spiezio, Mattia (C), Quaglia, Petro; Folorunsho, Borecki, Murgia; Palombi, Rossi, Ennali.
A disp.: Borrelli (GK), Antonucci, Petroselli, Ceka, Bernardi, Miceli, Rezzi, Bezziccheri, Calì, Beqiri, Cardoselli, Impallomeni.
All.: Santoni.

AS ROMA (4-3-1-2) : Pop; Paolelli, De Santis E., Marchizza, Pellegrini; D’Urso, Vasco (C), Pepín; Di Livio; Sadiq, Ponce.
A disp.: Crisanto (GK), Nura, Anočić, Ciavattini, Grossi, Bordin, Ndoj, Spinozzi, Soleri, Tumminello, Franchi, Romagnoli (GK).
All.: De Rossi.

Arbitro: Sig. Niccolò Baroni di Firenze.
Assistente 1: Sig. Massimo Manzolillo di Sala Consilina.
Assistente 2: Sig. Roberto Pepe di Ariano Irpino.