Connect with us

Intervista

Derby Primavera, le sensazioni dei protagonisti nel post partita

Published

on

Il Derby Primavera che si è giocato ieri al Fersini di Formello non ha tradito le aspettative, magari con mancanze di concretizzazione da entrambe le compagini. Lazio e Roma non hanno assolutamente preso l’impegno sottogamba e hanno dato una lotta vera, anche se Sadiq forse ha interpretato troppo alla lettera il concetto con quella brutta reazione su Simone Mattia.

Parole di soddisfazione nel post partita, con gli ovvii rammarichi per non aver sfruttato al meglio certe occasioni. In mancanza di un allenatore ufficiale della Primavera, seppur sulla carta sia scritto Santoni, la squadra è stata diretta e seguita passo passo dalla coppia Lensen-Cerasaro ed è proprio quest’ultimo, match analyst della squadra biancoceleste che ha commentato ai microfoni di Sportitalia la sua analisi della partita: “A livello di risultato non abbiamo sfruttato l’espulsione. Le vere occasioni le abbiamo avute fino allo 0-1 .Una partita finita con baci e abbracci perché c’è grande sportività. Dispiace, ma alla fine si è visto che è finita lì”. Sugli obiettivi: “Fino alla prossima giornata manteniamo il terzo posto. È un punto che ci muove la classifica e fa comodo. Sia Petro che Spezio hanno fatto una grande partita. Speriamo di recuperare Germoni”. Infine, su Lazio Style Radio ha precisato il tutto: “C’è rammarico per non aver sfruttato la superiorità numerica. Recuperare la partita dopo lo svantaggio è stata una prova di grande maturità. Sono convinto che se avessimo sbloccato noi il match, avremmo vinto. Volevamo essere più aggressivi, farli palleggiare e poi colpirli. Su Spiezio, faccio grandi complimenti, non era facile esordire in una partita come questa. Bravi i ragazzi più grandi a metterlo a propri agio. Siamo tutti felicissimi per Inzaghi, i ragazzi hanno reagito molto bene. I più esperti, ritornati da Norcia, hanno preso per mano il gruppo. C’è stato l’innesto di Lensen e Santoni: è uno staff allargato col quale lavoriamo molto bene. Attendiamo le ufficialità. Simone (Palombi) è un attaccante fantastico, 99 presenze non si collezionano a caso. Ci siamo dentro speriamo di arrivare terzi, ci crediamo. Sadiq? Immagino sia stato un momento di nervosismo del ragazzo. Ci può stare in un derby”

Anche Simone Palombi a Lazio Style Radio ha parlato della partita, mostrando soddisfazione anche per aver finalmente segnato agli acerrimi cugini: “È il mio primo gol alla Roma, finalmente è arrivato. È un pareggio che ci va stretto, ci siamo svegliati  solo all’ultimo. Ci servivano i tre punti, per noi erano fondamentali. Ci sono tanti rimpianti, dopo l’espulsione la partita per noi era in discesa. La Roma andava aggredita di più, potevamo vincere benissimo”. Sull’Obiettivo play off: “Ci crediamo assolutamente, ce la metteremo tutta per portare a casa questo obiettivo. È nel nostro Dna di non mollare mai, anche oggi ce l’abbiamo messa tutta. Però ci siamo svegliati a 5 minuti dalla fine e non è bastato”. Sulle assenze: “Con le quattro assenze di Manoni e l’infortunio all’ultimo di Cotani eravamo in emergenza in difesa. Adesso ci aspettano due partite fondamentali: prima il Napoli e poi il Lanciano. Le dobbiamo vincere tutte”. Sulla convocazione in  prima squadra: “È stata una settimana fantastica, ho sfiorato l’esordio e oggi il gol nel derby. Non potevo chiedere di più”

Leggi anche:   Ciro Immobile: il comunicato della Lazio sull'infortunio

Sul fronte giallorosso, anche mister De Rossi, ai microfoni di Sportitalia, pensa di tornare a casa con un punto gratificante: “Mi è piaciuta la squadra. Non si è scoraggiata con l’espulsione, ha continuato a lottare. Questa è la cosa più importante. Tuminello ha messo in difficoltà la difesa da solo. Sono rimasto soddisfatto dall’atteggiamento del gruppo, ha mantenuto benissimo la partita. Tra la Lazio e noi c’è grande stima, la nostra rivalità è solo sportiva.” A fargli eco, il centrocampista Vasco, oggetto del desiderio di tantissimi club esteri di prima fascia: “Si è messa male per l’espulsione, ce l’abbiamo messa tutta perché volevamo vincerla. Il pareggio ci va bene, però volevamo la vittoria”

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Intervista

Valeri e l’amore per la Lazio ma…” Penso solo alla Cremonese, ho chi segue il calciomercato…”

Published

on

emanuele valeri lazio

Emanuele Valeri nella sessione invernale di Calciomercato è stato accostato più volte alla Lazio. Il giocatore non nasconde la sua Lazialità e l’amore per la maglia biancoceleste e lo ribadisce in una lunga intervista a La Provincia di Cremona

Sono un tifoso Laziale

 «Sono tifoso laziale. È alla Lazio che ho cominciato la mia carriera. Qualche settimana fa contro la Roma sono tornato all’Olimpico. Non è la prima volta, perché ho fatto il raccattapalle da piccolo. Vedevo giocatori forti, come Klose, Hernanes e non solo. Sognavo di giocare in Serie A ed eccomi qua con la Cremonese e ci voglio restare».

Maglie in Cremona-Lazio

 «Domenica scorsa ho scambiato la maglia con tre giocatori: Milinkovic Savic, Immobile e Radu della Lazio. Ci tenevo da tifoso laziale».

Il Futuro

 «Voglio rimanere in A con la Cremonese. Ho un contratto fino al 2024, sto bene e voglio togliermi tante soddisfazioni. Il massimo campionato lo abbiamo conquistato e ora dobbiamo fare un’altra impresa. Ora penso solo alla Cremonese, qua sto molto bene e le chiacchIere da bar non mi interessano. Ho chi segue queste cose per me e non voglio sapere nulla di mercato durante il campionato».

Marcelo come Idolo

 «Sono una persona umile. La Serie A non mi ha cambiato per niente. Ho gli stessi amici E sono felicemente fidanzato con Ludovica da diverso tempo. Il mio è un ruolo in cui c’è tanta carenza ed è molto delicato. Devo sia attaccare che difendere. Di terzini forti però ce ne sono tanti. Ho fatto tanta gavetta, ho imparato tanto, ma devo ancora lavorare molto. Il mio idolo è Marcelo, l’esterno più forte al mondo. Non mi mancano solo i suoi capelli, ma anche i suoi piedi».

Cremona non è Roma

«Mi piace rilassarmi, visitare qualche città nuova e guardare qualche serie tv. Poi tanto calcio. La mia famiglia, che sta a Roma, mi manca molto e anche la possibilità di mangiare tardi. Qua a Cremona alle 22 le cucine dei ristoranti chiudono, da me si mangia fino a mezzanotte e oltre. In cucina? Mi piace fare bene le cose. Non chiedetemi di fare una carbonara con il parmigiano invece del pecorino romano».

La Cremonese

«Abbiamo avuto un inizio difficile, con il calendario non ci ha aiutato. Ora arriva la sfida contro il Lecce, una neopromossa. L’affronteremo a viso aperto come facciamo sempre. Certo i valori sono diversi rispetto a Fiorentina, Lazio, Atalanta e Roma. Ci servono punti. Vogliamo prenderci una rivincita contro i leccesi. Lo scorso anno è capitato lo sfortunato autogol di Okoli. Siamo carichi, andremo a giocare il nostro calcio. Il mio primo gol? Una grandissima emozione. Dopo che la palla è entrata, non ci ho capito più nulla».

Leggi anche:   Lotito Senatore: il presidente promette la sua presenza e quella di Enrico Lotito

Nazionale

«La Nazionale  è il sogno di tutti, ma serve lavorare tanto. Dopo sette partite di Serie A credo sia troppo esagerato parlarne».

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Intervista

Beppe Signori sprona la Lazio: ” Perde solo chi si arrende”

Published

on

signori lazio

Torna a parlare ai microfoni della Lazio Beppe Signori. L’ex capitano biancoceleste ha voluto lanciare un messaggio dopo la sconfitta di Europa League:

“Perde solo chi si arrende. Questo è il messaggio che ho voluto lanciare sui social nei confronti della squadra perché ci vuole forza e coraggio. Nella vita c’è sempre la speranza, basta avere pazienza e fare le cose con passione, poi i risultati arriveranno.

L’amore con la Lazio è sbocciato subito, nel 1992. Sono trent’anni di amore reciproco: con i gol ho provato a ripagare i tifosi biancoceleste per l’enorme affetto che mi hanno dimostrato sin dal primo giorno”.

Leggi anche:   La Fake News di Lotito che blocca Immobile in Nazionale! Leggete il comunicato della FIGC!
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Intervista

Lazio-Hellas Verona | Ciro Immobile: ” Risposta che ci aspettavamo”

Published

on

immobile lazio hellas verona

Al termine di Lazio-Hellas Verona, Ciro Immobile è intervenuto ai microfoni dei giornalisti

Tifosi

I tifosi ci hanno sostenuto dall’inizio alla fine, stanno facendo questa cavalcata con noi e speriamo continuino così. Sono stupendi, in queste partite sofferte abbiamo bisogno del loro supporto. Non mi abituo mai ad esultare con loro. L’urlo della Nord è stato come una liberazione, anche per l’andamento della partita: non riuscivamo a sbloccarla e c’era sofferenza”.

Risposta di Crescita

 “Questa era la risposta di crescita che ci aspettavamo da noi stessi. Sappiamo che in Europa sia difficile, porta via energie mentali e fisiche e serviva uno step in più. La società ci ha dato una mano con l’inserimento di nuovi elementi che ci stanno dando una mano. Abbiamo cambiato tanto da giovedì e questo ci ha portato a essere brillanti oggi”.

Sacrificio e gioco corale

 Il nostro è sempre stato un gioco corale, poi i miei compagni mi mettono sempre in condizione di segnare. Dal campo, anche giovedì in Europa League, non ho avuto la sensazione di essere meno coinvolto. Oggi forse ho avuto meno occasioni, ma l’importante è averne una fatta bene e buttarla dentro”. 

Zaccagni

 “L’abbraccio con Zaccagni? Mi aveva chiamato il pallone, ma glielo avrei lasciato lo stesso perché non ce la facevo più (ride, ndr).

Milinkovic e Luis Alberto

 Sergej è un giocatore incredibile, come Luis Alberto. I miei gol vanno divisi con loro. Mi mettono in condizione di esprimermi al meglio e mi conoscono come mia moglie. Faremo una cena a tre (ride, ndr)“. 

Leggi anche:   Lazio Women-Tavagnacco 0-2, prima vittoria in campionato per mister Catini
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.