Connect with us

ExtraLazio

Balotelli, il racconto di una storia senza fine

Published

on

balotelli immobile

Perché sempre io? Why always me?

Citava, in modo ironico, una maglietta indossata da Balotelli dopo aver realizzato una doppietta nel derby contro lo United nel lontano 2013.
Quando si pensa al calcio italiano è, purtroppo, inevitabile non fare allusioni sul “bad boy” Mario Balotelli. Probabilmente il ragazzo più talentoso cresciuto in Italia negli ultimi anni, ma a 26 anni la sua carriera sembra più in declino che pronta a decollare.
Due giorni fa ha esordito in Francia con una sontuosa doppietta, ma non facciamoci ingannare da questo, parlerà il campo se davvero avessimo dovuto ritrovare un talento nostrano da leccarsi i baffi, nonostante qualche suo atteggiamento discutibile.
Balo esordisce in Serie A a soli 17 anni, realizzando ben 20 reti nelle successive due stagioni e incamerando nella personale bacheca dei trofei ben 3 campionati, una coppa italia, e la Champions League.
I suoi capricci lo portano a trasferirsi nel Man City dove diventa partner di Aguero e fa innamorare un intero popolo vincendo la Premier League, poi si carica la Nazionale di Prandeli sulle spalle, con il suo amico Cassano, portandola fino alla finale europea e realizzando una doppietta formidabile in semifinale contro i tedeschi. E’ nella lista dei 23 per la conquista del pallone d’oro in quell’anno. Ah quel pallone d’oro che ha promesso di conquistare da qui a 3 anni di distanza.

Vedremo.
Purtroppo, la sua caduta è stata tanto veloce quanto la sua ascesa. Comincia il tour delle squadre fra Milan, Liverpool e di nuovo la Milano rossonera per rilanciarsi. Perde il controllo fuori dal campo, nottate brave, vita spericolata, presunzione, un mix che portano Balotelli ad essere considerato un giocatore normale, di fatti neppure da nazionale maggiore. Questa estate ha trovato squadra solo all’ultimo giorno dopo i timidi sondaggi di Palermo, Lazio e Besiktas.
Attualmente si trova in Costa azzurra, precisamente a Nizza, sempre con ingaggio faraonico, e con la speranza che invece di pensare a discoteche e ragazze pensi a riconquistare la maglia azzurra, da lui tanto amata. L’inizio è certamente incoraggiante, ma lui ci ha abituato ad inizi scintillanti e cadute repentine.
Balo, nessuno c’è l’ha con te, hai avuto la fortuna che il tuo ultimo treno è passato in ritardo alla stazione, l’hai preso stando appeso, con un piede di fuori. Non deluderci, mantieni le promesse fatte. Ora tocca a te. Trasforma Normal Mario in Super Mario.

In bocca al lupo.

Continua la Lettura
Advertisement

Since1900, Affiliato ufficiale di Binance

Advertisement

Ultime notizie

Classifica

Advertisement

Copyright © 2023 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.