Since1900 è un sito gestito da utenti che si autofinanziano. Con le nuove leggi, rischiamo di chiudere. Aiutaci a rimanere online con una semplice donazione di 0,80 euro

Accadde oggi: 13 marzo 1994, l’esordio di Alessandro Nesta in Serie A

Per la nostra rubrica storica oggi torniamo indietro nel tempo a 22 anni fa, in un giorno che i tifosi biancocelesti non potranno mai dimenticare. Se vi state chiedendo il perché la risposta è semplice, infatti, esattamente 22 anni fa esordiva in Serie A uno dei più forti difensori della storia della Lazio, ma anche uno dei più forti della storia del calcio mondiale: stiamo parlando di Alessandro Nesta.

Nesta fece il suo in Serie A il 13 marzo 1994 in occasione della gara tra Udinese e Lazio valida per la 27° giornata della Serie A e conclusasi per 2-2. A farlo debuttare nel massimo campionato italiano fu l’allenatore Dino Zoff che lo fece scendere in campo al 78′ minuto della partita al posto di Pierluigi Casiraghi. Iniziava così la storia calcistica di una leggenda del calcio europeo e mondiale. Per la cronaca in quella partita segnarono per la Lazio WinterSignori, che rimontarono per due volte i goal dell’Udinese realizzati da Borgonovo e Pizzi.

Nesta_lazioAlessandro fu inserito, però, nella rosa della prima squadra già nel 1993 da Zdenek Zeman che rimase colpito dalle sue capacità e in quell’anno inoltre vinse il campionato Primavera nella squadra allenata da Mimmo Caso. Nella stagione 1994/95, dimostrò poi tutto il suo valore, mettendosi in luce per la sua classe e la sua intelligenza, tanto che collezionò ben 11 presenze, mentre nella stagione successiva entra in pianta stabile nella formazione titolare della Lazio e le sue presenze sono addirittura ventitré. Diventò quindi un titolare inamovibile nella squadra biancoceleste, tanto che si guadagnò anche la chiamata in Nazionale, da parte di Arrigo Sacchi, per gli Europei del 1996 in Inghilterra. Nel 1998 arrivò poi la prima gioia con la maglia della Lazio, quando Nesta vinse insieme ai suoi compagni la Coppa Italia contro il Milan (guarda caso una segno del destino). A segnare il goal decisivo nella finale di ritorno fu proprio Nesta che regalò così una gioia immensa ai tifosi laziali.

Negli anni successivi arrivarono altre grandi soddisfazioni con l’aquila sul petto. Nel 1999, infatti, Nesta diventò il capitano della Lazio e vinse la Coppa delle Coppe e la Supercoppa Europa. Nelle stagioni successive poi i biancocelesti conquistarono anche lo Scudetto, la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana e fu sempre Alessandro ad alzare al cielo questi trofei. Nell’estate del 2002, però, dopo 9 stagioni e 193 presenze in campionato il difensore lasciò la Lazio e venne ceduto al Milan per risanare le casse societarie dei biancocelesti. Sergio Cragnotti, infatti, fu costretto a venderlo per una cifra intorno ai 31 milioni di euro nella speranza di salvare la Lazio dal fallimento. A Milano andrà a formare una delle migliori difese esistenti insieme a campioni come Paolo Maldini, Alessandro Costacurta, Cafu e Jaap Stam.

Questo un video riassuntivo della carriera di Nesta alla Lazio:

Seguici sui nostri canali e clicca Like
0

Sei soddisfatto del nostro lavoro? Condividici sui social per informare i tuoi amici!