Lulic rifiuta il rinnovo, ora la Lazio punta tutto su Biglia

La situazione contrattuale di Senad Lulic è ormai sempre più in bilico. Il 31 agosto è stato il giorno in cui Lulic ha rischiato seriamente di lasciare la Lazio, viste le offerte di Inter e Milan, che però sono andate a vuoto perché la Lazio ha ritenuto inappropriate le offerte. Il bosniaco, però, ora come ora, non sembra certo della conferma della Lazio come qualche mese fa. Secondo Il Corriere dello Sport, infatti, Lulic ha rifiutato ancora una volta il rinnovo contrattuale proposto dalla Lazio. L’attuale contratto scade nel 2017 e la  Lazio non sembra intenzionata a proporre un altro rinnovo dopo i tanti rifiuti ricevuti. Così a gennaio l’ex Young Boys potrebbe addirittura lasciare i biancocelesti. L’uomo della storia, che ha deciso con un suo goal la storica finale di Coppa Italia contro la Roma, è vicinissimo a salutare la Capitale. La Lazio voleva blindarlo così come ha fatto con Candreva e Felipe Anderson, ma le richieste di ingaggio del bosniaco hanno lasciato di stucco la società che adesso non esclude di poterlo sacrificare per rimpolpare le casse societarie e rinvestire su mercato per trovare un sostituto interessante.

Leggi anche:   Lucas Leiva Operazione riuscita: le parole del brasiliano ai tifosi della Lazio

biglia
Ora, quindi, la Lazio si concentrerà tutta su Lucas Biglia. Pioli lo reputa un elemento imprescindibile per la squadra e per questo gli ha affidato la fascia da capitano. Come riporta la La Gazzetta dello Sport, infatti, il tecnico di Parma lo considera l’uomo cardine del gioco dei biancocelesti e intorno a lui vuole poter costruire la Lazio del futuro. La società è in simbiosi con Pioli e cercherà, in tutti i modi, di blindare l’argentino. L’attuale contratto di Biglia scade nel 2018, Lotito e Tare ne discuteranno con il suo procuratore e vogliono affidargli le chiavi del centrocampo laziale. Nella testa di Biglia ci sono ancora le lusinghe di Manchester United e Real Madrid, visto che a 29 anni l’argentino poteva fare il definitivo salto di qualità in una big europea. Alla fine, però, gli inglesi hanno scelto Schweingsteiger, mentre gli spagnoli Kovacic e Biglia è rimasto alla Lazio che vuole renderlo protagonista del progetto. Il club biancoceleste, quindi, vuole recuperarlo in primis mentalmente ma anche fisicamente. Non èun caso che con lui in campo la squadra ha battuto Bologna e Bayer Leverkusen all’Olimpico. Senza di lui, invece, sono arrivate due sconfitte e la Lazio soffre tantissimo non riuscendo a costruire gioco. Ora bisogna recuperarlo senza fretta per evitare di ripetere gli errori dello scorso anno, quando Biglia giocò acciaccato con l’Inter,per poi saltare gli appuntamenti decisivi con Juventus e Napoli. Si è già cominciato a parlare di un rinnovo contrattuale fino al 2020, con la società capitolina pronta ad equiparare l’ingaggio di Biglia a quelli degli altri due top player, Klose e Candreva. L’argentino potrebbe arrivare a guadagnare circa 2,5 milioni l’anno, se si considerano anche i bonus, una cifra certamente inferiore a quella che gli avrebbero garantito Real e United, ma comunque più che sufficiente a farlo sentire importante, anche economicamente, e al entro del progetto Lazio.

Leggi anche:   Claudio Lotito vuole riaprire Formello: " Non facciamo attività ludica ma è un lavoro"