Connect with us

News

Lotito attacca la Juventus :” Le regole vanno rispettate “

Published

on

Roma vs Lazio - Finale Coppa Italia 2012-2013
Braccio di ferro, né più né meno. La questione su dove si giocherà la Supercoppa Italiana ha assunto ormai i contorni di una disputa. La Lazio – in linea con quanto sostenuto dalla Lega – vuole disputare la sfida con la Juventus a Pechino. Il club bianconero, dal canto suo, sarà impegnato a inizio agosto in una tournée negli Usa: per questo propende per New York oppure per una sede italiana. Ieri sono volate parole poco amichevoli tra i presidenti delle due società Claudio Lotito e Andrea Agnelli. Proprio oggi, al margine del Consiglio Federale, il patron biancoceleste è intervenuto sulla questione, rispondendo alle domande dei cronisti presenti.

A che punto è la definizione per la sede della Supercoppa?
La Juventus deve trovare una soluzione, noi come Lega avevamo deliberato in consiglio che doveva essere data esecuzione al contratto, che prevede Pechino. La Juventus si è organizzata una tournée negli Usa e quindi sostiene di non poter giocare in Cina, ma questo non è un impedimento obiettivo. Adesso vediamo se troviamo una soluzione, altrimenti dovrà essere data esecuzione al contratto. La Lazio peraltro non andrà a fare una tournée (in Sudamerica ndr), rinunciando a importi notevoli, proprio in vista della Supercoppa.

E’ un problema economico in primo luogo?
No, è un problema di rispetto delle regole. Noi stiamo all’interno di un’associazione e occorre che tutti rispettino le regole. La sottoscrizione del contratto deve essere rispettata, altrimenti la Lega ne perde in credibilità. Bisogna che le società si adeguino, altrimenti la società non esiste più.

Quali sono le prossime mosse della Lazio?
La Lazio farà valere l’applicazione delle regole. In assemblea la maggioranza assoluta dei club è conforme ai dettami dell’applicazione dei contratti. Quindi non mi sembra che la Juventus trovi sponde in questo senso.

E’ stato un atteggiamento di supponenza quello della Juventus?
Io parto dal presupposto che, quando uno vive all’interno di una comunità o di un’associazione, vengono prima le regole dell’associazione e poi gli interessi personali. Se tu vuoi far prevalere gli interessi personali, questo comporta dei problemi. La Lazio aveva un torneo in Sudamerica, non vi parteciperà perché sapeva che poteva giocarsi la Supercoppa. Quello che conta è la credibilità del sistema, facendo così il sistema perde credibilità, si diventa inaffidabile.

Tra le ipotesi in ballo c’è anche l’Italia?
Fare una partita a Pechino comporta anche una valenza dal punto di vista della crescita del brand, farla in Italia è completamente diverso. Qui c’è una società che organizza una tournée da cui ricava dei soldi e determina un danno a un’altra società, la quale rinuncia alla sua tournéé e alle somme. Non è solo un problema economico, ma anche uno di organizzazione a certi livelli. Non mi sembra che la Juventus abbia trovato conforto dalle altre società.

Sarebbe disposto a rinunciare a Pechino per giocarla a Roma?
Io ho in testa un’idea di associazionismo che deve prevalere, vedremo se sarà possibile trovare una soluzione che salvaguardi le esigenze della Lega e della Lazio. La proposta di Roma non arriva da noi, una cosa è certa: noi la vogliamo svolgere all’estero, ma se sarà in Italia non sarà certamente Torino. Se qualcuno dice che non si presenta e manda la Primavera, ci sta pure il 3-0 a tavolino.

LALAZIOSIAMONOI

Leggi anche:   Primavera 2 | La Primavera vola in classifica con un poker alla Ternana

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Intercettazioni Juventus: ecco quella su Locatelli!

Published

on

intercettazioni juventus

Giorno dopo giorno spuntano sempre più intercettazioni sul terremoto che ha scosso tutta la dirigenza della Juventus. Repubblica riporta quest’oggi, un affare che ha visto i bianconeri ed il Sassuolo sul cartellino di Locatelli:

“Nel comunicato in cui annuncia l’acquisto del giocatore, il 18 agosto 2021, la Juventus precisa “di avere raggiunto un accordo per l’acquisizione gratuita, a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2023″. E aggiunge che l’acquisizione a titolo definitivo si sarebbe perfezionata con il versamento di 25 milioni, pagabili in tre esercizi, oltre a premi sportivi per 12,5 milioni complessivi”.

“La Juventus al Sassuolo avrebbe promesso bonus talmente facili da raggiungere (bastava fare un solo punto in campionato fra febbraio e marzo 2023) da non potere essere considerati premi di risultato. In particolare, l’accordo avrebbe previsto un “fidelity bonus” da 5 milioni non legato al verificarsi di alcuna condizione. Perché allora non registrarlo come quota fissa? La Juventus inoltre si sarebbe impegnata a versare al Sassuolo il 20 per cento sul valore della eventuale futura rivendita del cartellino del giocatore. Infine, secondo quanto ricostruito dai pm, la Juventus avrebbe concesso ai neroverdi l’intero incasso di un’amichevole al Mapei Stadium da giocarsi nei tre anni successivi alla firma del contratto”.

Leggi anche:   De Laurentiis contro Casini: " è uno schiavo di Lotito "
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

De Laurentiis contro Casini: ” è uno schiavo di Lotito “

Published

on

loito de laurentiis

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis attacca Claudio Lotito e Lorenzo Casini con una battuta poco signorile.

Il numero 1 partenopeo è intervenuto ai microfoni sportivi sulla vicenda che vede la Juventus sotto la mira della Giustizia Sportiva con il caso Prisma.

La vicenda Juventus? Non ne parlo. Ci penseranno i magistrati, che stanno verificando. Non è compito mio, mi dispiace che il calcio, ma non è solo un problema italiano, non sia poi portatore sempre di quei valori che dovrebbero essere d’esempio per le nuove e le giovani generazioni“.

Se può essere una nuova Calciopoli? Non sta a me stabilirlo

La stoccata al presidente biancoceleste ed il presidente della Lega Serie A arrivadurante la presentazione al Coni:

È schiavo di Lotito, è schiavo!“.

Leggi anche:   Serie B Femminile | Chievo Verona-Lazio 2-2, Chatzinikolaou sbaglia il raddoppio ma recupera il risultato
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Infermeria

Infermeria Lazio: Sarri ha un solo assente oltre a Milinkovic e Vecino

Published

on

infermeria lazio

La Lazio prosegue la sua preparazione invernale in questo stop per il mondiale del Qatar 2022. Nella sessione di oggi a Formello, solamente Marcos Antonio non si è presentato per un attacco influenzale. Dall’altra parte si attendono Milinkovic SavicMattias Vecino che sono stati eliminati entrambi dalla campionato mondiale ma che godranno ancora di qualche giorno di ferie.

Tutto il gruppo ha l’allenamento con Maurizio Sarri che vede l’infermeria vuota. Luis Alberto anche è tornato in gruppo dopo aver fatto una giornata di palestra nella giornata di ieri. Felipe Anderson provato ancora da Falso Nueve, in attesa di capire se quest’inverno arriverà un vice Immobile oppure no.

 

Leggi anche:   Primavera 2 | La Primavera vola in classifica con un poker alla Ternana
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza