Giovanni Lopez: “De Vrij manca troppo in difesa. Biglia doveva dare la fascia a Mauri”

Ai microfoni di Radio Incontro Olympia 105.8 Giovanni Lopez, l’ex vice di Reja quando era allenatore della Lazio, ha analizzato il momento no della squadra biancoceleste. Ecco le sue parole:“La Lazio non è una squadra da dodicesimo posto, ma secondo me non è nemmeno così forte. Rispetto all’anno scorso ha perso De Vrij, la difesa senza di lui è imbarazzante. Klose ha un anno in più, Biglia si è fatto male spesso, alcuni stanno deludendo. Le conseguenze in campo si stanno vedendo. Non penso che Lotito voglia cambiare allenatore, è difficile che lui esoneri qualcuno. L’ultima volta che l’ha fatto ha chiamato me e Reja, ma la Lazio era penultima in classifica. Non è facile gestire la situazione in un ambiente come quello di Roma. Io penso che si debba andare avanti con Pioli, l’anno scorso ha dimostrato di essere un buon allenatore. La difesa è imbarazzante, secondo me è una questione di giocatori, non di allenatore”.

Lopez prosegue e senza mandarle a dire a nessuno commenta anche il mercato operato da Lotito e Tare: “La rosa andrebbe rinforzata. Se una società va a giocarsi un playoff di Champions, allora dovrebbe investire sul mercato. E invece per l’ennesima volta la Lazio non l’ha fatto. Mancano giocatori importanti come Candreva e Felipe Anderson, ci sono annate così, non stanno dando quello che potrebbero. Ma il discorso vale per tutta la squadra. Ho avuto il piacere di allenare Candreva con Reja, non può essere quello di adesso. Adesso la Lazio subisce, ha paura alla minima difficoltà. La mancanza di risultati comporta queste cose. Ma non ci sono calciatori che giocano contro il proprio tecnico. O almeno non è il caso della Lazio”.

Infine un salto nel passato alla stagione 2011 quando Reja venne chiamato da Lotito per salvare la Lazio dalla Serie B. L’allenatore goriziano ci riuscì in questo modo: “Fece tutto mister Reja, si deve lavorare sulla testa dei giocatori. La prima cosa fu quella di mettere in campo Ledesma che in quel periodo era fuori. Ora l’obiettivo della Lazio deve essere quello di uscire il prima possibile da questa situazione. Poi magari potrà puntare a qualcosa di importante. Ma ripeto, la squadra deve essere rinforzata, a parte de Vrij tutti gli altri centrali sono imbarazzanti. Da fuori Biglia mi sembra il giocatore con lo spessore giusto per trascinare il gruppo. La fascia da capitano però, una volta tornato, l’avrei data a Mauri. Forse Biglia stesso doveva riconsegnargliela”.