Connect with us

News

Dalla scuola allo stadio, il modo giusto per sostenere lo sport.

Published

on

Si è rinnovato oggi il consueto appuntamento con “La Lazio nelle scuole”, questa mattina i biancocelesti hanno fatto visita all’Istituto Maria Ausiliatrice di Via Dalmazia 12 a Roma. Protagonisti di oggi il capitano Lucas Biglia insieme a Konko e Berisha; presente all’appello l’aquila Olympia accompagnata dal falconiere Juan Bernabè. L’iniziativa (come riportato ufficialmente dal sito sslazio.it) è tesa alla promozione della formazione della cultura sportiva, i cui valori sono sanciti nella Carta Olimpica, diffondendo ed incrementando i principi legati ad una crescita psico-fisica sana, leale e non violenta, che educhi gli adulti del domani, a comportamenti rispettosi dell’avversario e delle istituzioni.

Biglia sul successo: Serve tanto sacrificio, anche a livello umano. Bisogna lasciare tante cose e mettere la testa al 100% su quello che si fa. Il modo migliore per vincere la partita? Fare bene quello che dice il mister e avere l’approccio giusto“. Il suo rapporto con la fede: “Dopo la morte di mio padre sono diventato molto credente. Non chiedo niente, prego per ringraziare. Soprattutto per la salute di mio figlio“. Sugli errori degli arbitri: “Anche loro possono sbagliare. Bisogna rimanere concentrati, nel calcio può capitare. Commettono errori come noi calciatori“. Sulla piaga del razzismo: “Si tratta di ignoranza, non bisogna guardare il colore della pelle“. Sulla scelta del ruolo: “A 5 anni giocavo a calcetto, ero portiere, ma stavo sempre in panchina. Un giorno chiesi di entrare a tutti i costi, ma il mister mi fece giocare fuori dalla porta e da lì ho cominciato a fare il centrocampista”.

Konko sugli errori in campo: “Sbagliare in un contesto di squadra non è un problema. Bisogna rialzarsi, riprovare finché non si riesce. Questo fa la forza di un gruppo, dare fiducia ai compagni che sono in difficoltà per trovare la strada giusta per andare avanti“. Subire un gol da un ex compagno di squadra? “Il gol dell’ex è un classico, capita spesso purtroppo. Ci fa male prendere un gol, anche se lo segna un compagno che ha lottato con noi magari fino all’anno precedente“. Sul suo futuro: “Già ci ho pensato, mi piacerebbe allenare o lavorare con i giovani. Ma non c’è ancora niente di deciso, comunque mi piacerebbe nel mondo del calcio perché è stata la mia vita“. Anche Konko si è espresso sul razzismo: “Purtroppo il problema esiste, ma sono episodi brutti che non bisogna seguire. I razzisti non servono al mondo dello sport. È una minoranza che non va portato nello sport, che è fatto per tutti. Non ci sono colori diversi in questo ambito. Quando si lavora in gruppo il bello è proprio quello: essere insieme a persone che provengono da altri Paesi e che appartengono ad altre religioni“. Sui rimproveri dell’allenatore:Significa che c’è qualcosa di sbagliato, quindi bisogna reagire ed andare avanti“. Sulle prese in giro: “Non è bello, però anche la nostra tifoseria lo fa. Il calcio italiano è così, finché si rimane sullo scherzo non ci sono problemi“. Più importante un assist o un gol? “Piuttosto non prendere gol perché siamo difensori. Poi se viene l’assist bene, se viene il gol ancora meglio“. Domanda sul ruolo in cui gioca: “A 15 anni già avevo capito dove avrei giocato“.

Berisha: Tanti tifosi pensano che sono bravo, tanti pensano che sono una “pippa”. Anche i migliori del mondo sono criticati… Per me l’importante è giocare nel modo migliore possibile“. L’emozione di giocare in uno stadio importante come l’Olimpico: “Quando sono arrivato qui ero un po’ più nervoso perché ho trovato tanti tifosi. Poi mi sono abituato, i compagni e l’allenatore mi hanno aiutato tantissimo“. Ruolo?: “Esattamente l’opposto rispetto al percorso di Biglia, giocavo a centrocampo, poi a 7-8 mancava il portiere della nostra squadra, l’ho sostituito e il mio allenatore mi lasciò in quella posizione“.



Resta Aggiornato con il nostro Canale WhatsApp! Ricordiamo che il canale è protetto da Privacy ed il tuo numero non è visibile a nessuno!Iscriviti Subito cliccando qui sul canale di Since1900

Hosting Aruba - Scopri di più



Continua la Lettura
Advertisement
Advertisement

Ultime notizie

Classifica