Connect with us

News

Ballotta truffato e preso a pugni dalla ‘ndrangheta

Published

on

ballotta ndrangheta

Brutta avventura per Marco Ballotta vittima di un fatto gravissimo da parte della mafia calabrese. Il portiere biancoceleste è stato preso a pugni e minacciato da un finto intermediario per un prestito di 250.000 euro.

L’ex biancoceleste aveva chiesto ad un intermediario un prestito per coprire un debito bancario ed è stato consigliato questo G.B.M, affiliato ad un clan della ‘ndrangheta. A fargli conoscere questo uomo è stato R. R che sii è offerto di trattare con il direttore della banca sotto pagamento di 5000 euro (come fanno i broker ).

Presi questi 5000 euro però, l’uomo non si è fatto più vedere e ne sentire. Quando il portiere scopre che il tizio ha un ufficio a Modena lo raggiunge e escono per strada per parlare, con loro c’è anche questo G.B.M.

Gli animi si accendono e scattano le minacce a sfondo mafioso

 “Io piuttosto che ridarti indietro l’azienda te la brucio con la benzina” e “Se ti rivolgi a un avvocato sappi che ci saranno delle conseguenze” 

sarebbero le frasi di minaccia per Ballotta. Le Forze dell’Ordine stanno tuttora indagando sull’accaduto.



Resta Aggiornato con il nostro Canale WhatsApp! Ricordiamo che il canale è protetto da Privacy ed il tuo numero non è visibile a nessuno!Iscriviti Subito cliccando qui sul canale di Since1900

Hosting Aruba - Scopri di più




Continua la Lettura
Advertisement