Connect with us

News

Zhang al veleno: Del Pino sei un pagliaccio

Published

on

In un durissimo sfogo su Instagram pubblicato a poche ore dall’intesa per la ridefinizione del calendario di campionato dopo i rinvii per l’emergenza coronavirus, Zhang si scaglia contro il numero 1 della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, per la decisione di far giocare il recupero del big match Juventus-Inter lunedì 9 marzo a porte aperte

“24 ore? 48 ore? 7 giorni? Cos’altro? Quale sarà la tua prossima mossa? Ora ci vieni a parlare di sportività e di una competizione limpida – incalza Zhang -. Come puoi farlo quando non proteggi i nostri calciatori e i nostri tecnici, chiedendo loro la disponibilità a giocare per te tutti i giorni, a tutte le ore? Sto parlando con te, Paolo Dal Pino, il nostro presidente di Lega. Vergognati. Devi alzarti e prenderti le tue responsabilità, questo è quello che si fa nel 2020. Ovunque nel mondo, e non conta che una persona tifi Juventus o Inter o che non tifi a prescindere, si mette la sicurezza al primo posto. E’ la cosa più importante per tutti: per la famiglia e per la società”, conclude il presidente nerazzurro. L’Inter avrebbe preferito ripartire dal recupero della partita con la Sampdoria, che resta senza data e senza ipotesi.

Dopo oltre quattro ore di trattativa, nella giornata di lunedì il Consiglio della Lega Serie A era riuscito a trovare un accordo da sottoporre ai club per uscire dal campo minato della ridefinizione del calendario dopo i rinvii per l’emergenza coronavirus: recuperare fra sabato 7 e lunedì 9 marzo le sei partite rinviate nello scorso fine settimana, con Juventus-Inter destinata a diventare il Monday Night. L’ok definitivo era atteso per oggi ma l’attacco dell’Inter potrebbe mettere tutto in discussione. Parere positivo è già arrivato invece da Roma, Atalanta, Juventus, Brescia e Lazio. Per ora è perplesso il Napoli per la Coppa Italia. Un puzzle su cui si lavora da giorni e che ha cominciato concretamente a prendere forma lunedì mattina in una riunione fra il presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, e quello della Figc, Gabriele Gravina. L’assemblea di mercoledì a questo punto potrete essere inutile.

Su tutto ciò incombe l’emergenza coronavirus e i provvedimenti per contenerla. Fino a domenica al momento vige il divieto di trasferta ai tifosi di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, regioni focolaio in cui si gioca a porte chiuse. Quindi si dovrebbero giocare a porte aperte le due semifinali di coppa Italia, Juventus-Milan mercoledì e Napoli-Inter giovedì, mentre potrebbero essere collocati al lunedì i recuperi a rischio della settima giornata di ritorno, Milan-Genoa, Parma-Spal e Sassuolo-Brescia, oltre Juventus-Inter (partita da 5 milioni di incasso per il club bianconero), con Sampdoria-Verona e Udinese-Fiorentinafra venerdì e sabato. Poi tutto il campionato slitterà di una settimana, fino al 13 maggio, quando sarà inserito un turno infrasettimanale. Le gare rinviate del sesto turno verrebbero recuperate più avanti, con Torino-Parma, Verona-Cagliari e Atalanta-Sassuolo mercoledì 18 marzo, mentre resta da individuare una data per Inter-Sampdoria. “Un bel rebus”, l’aveva definito Marotta, notando che era di “buon senso” l’idea di giocare il derby d’Italia lunedì 9 marzo. L’Inter è fra le squadre con due partite da recuperare, è in corsa in coppa Italia ed Europa League, quindi è facile immaginare che ad Antonio Conte un calendario ancora più fitto non può fare piacere. “Basta figli e figliastri”, ha protestato Massimo Ferrero, il presidente della Samp, che a sua volta deve recuperare anche il match con il Verona.

Leggi anche:   Adani alla Bobo TV : " La Lazio non è favorita per il quarto posto ma..."

Un caos così non si era mai visto, e non a caso è intervenuto Gravina. Alla riunione con Dal Pino si sono collegati anche i consiglieri federali della Lega, il presidente della Lazio, Claudio Lotito, e Marotta, che avrebbe approvato l’impostazione mostrandosi però contrario per il recupero non ancora definito. Quella proposta è stata poi portata in Consiglio di Lega che, dopo oltre quattro ore di riunione, ha dato l’assenso diffondendola alle società in modo da avere un riscontro da tutte già domattina. E in molti sono sicuri che l’Inter alla fine accetterà. In caso di stallo la Figc non starà a guardare

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Sturm Graz-Lazio, Sarri in conferenza stampa: ” Partita di coppa europea stasera, alta intensità e aggressività “

Published

on

lazio hellas verona

La Lazio esce con un buon pari in terra austriaca. La qualificazione come prima del girone in attesa della partita tra Feyernood e Midtjylland, ora appare dura ma non impossibile. Al termine della gara mister Sarri ha commentato il match in conferenza stampa:

Che partita è stata?

Partita di coppa europea, alta intensità e aggressività. Abbiamo in parte sofferto, in parte ci abbiamo messo del nostro. non possiamo sbagliare così tanto tecnicamente, un po’ anche per il terreno, troppe palle perse in modo banale. Non abbiamo fatto bene, ci sono aspetti positivi, una squadra che perde così tanti palloni mette la difesa in difficoltà. Potevamo sfruttare di più il loro calo. Si poteva perdere non avendo espresso il meglio. 

La testa non fa muovere le gambe?

Ho visto errori tecnici, qualcuno anche banale. Fosse stato un problema di testa non saremmo rimasti solidi, avremmo perso. 

Lo scorso anno questa partita si sarebbe persa? 

Uno degli aspetti positivi la solidità difensiva, anche Gila ha fatto una gara di altissimo livello. Tanti aspetti positivi, quando si gioca così spesso la serata in cui giochi sporco tecnicamente può uscire fuori. Mentalmente la partita non è stata sottovalutata, i ragazzi in campo c’erano, poi si può giocare bene o male. Ma ci siamo stati. 

Condizioni difensori?

Gila penso abbia contrattura per il dolore sentito. Romagnoli ha avuto un disturbo gastrointestinale a fine gara. 

Leggi anche:   Fiorentina-Lazio: l'arbitro della gara
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Sturm Graz – Lazio, le pagelle

Published

on

La Lazio pareggia in casa dello Sturm Graz nell’ultima partita di andata dei gironi di Europa League. Uno zero a zero che non convince e che porta i biancocelesti a soli quattro punti in classifica dopo tre giornate.

LAZIO (4-3-3) -Provedel 7; Hysaj 6, Gila 6 (29′ st Patric 5.5), Romagnoli 6.5, Marusic 7- (1′ st Lazzari 5.5); Milinkovic 5 (18′ st Vecino 5), Cataldi 5.5, Luis Alberto 6; Felipe Anderson 5(1′ st Zaccagni 6), Immobile 5.5, Pedro 6(27′ st Cancellieri 5.5).  A disp.: Maximiano, Magro, Radu, Marcos Antonio, Basic, Romero. All. Sarri

Leggi anche:   Biglietti Fiorentina-Lazio: info e costi
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Sturm Graz Lazio 0-0| cronaca e tabellino del match

Published

on

La Lazio non centra i 3 punti nella sua seconda trasferta europea della stagione e complica ancora di più la corsa al primo posto nel girone. I ragazzi di Sarri confermano il trend negativo fuori casa delle ultime stagioni, e l’ultima vittoria in Europa League lontana dalle mura amiche risale ormai allo scorso novembre contro la Lokomotiv Mosca.

LA CRONACA DEL MATCH

PRIMO TEMPO

Al 18’ Provedel sbaglia un rilancio, Vick intercetta e serve Horvat che dal limite non inquadra lo specchio.

Al 32’ ancora lo Sturm con Prass, che dalla distanza spara alto.

SECONDO TEMPO

Al 51’ sul cross di Dante si inserisce Ajeti, la palla poi finisce sui piedi di Affengruber che da buona posizione non trova la porta.

Al 61’ Zaccagni conclude con il sinistro e Siebenhandl si immola in tuffo salvando i suoi.

Al 62’ sul cross di Pedro si distende Immobile che però manda fuori con il destro.

Al 79’ il Var annulla un gol alla Lazio per posizione di fuorigioco di Immobile.

Al 81’ lo Sturm rimane in dieci per la doppia ammonizione di Gazibegovic.

IL TABELLINO DEL MATCH

STURM GRAZ-LAZIO 0-0

STURM GRAZ (4-3-1-2): Siebenhandl; Gazibegovic, Affengruber, Wuthrich, Dante; Hierlander (76′ Ljubic), Stankovic, Prass (84′ Ingolitsch), Horvat (70′ Kiteishvili); Ajeti (76′ Sarkaria), Boving (70′ Fuseini).

A disp.: Maric, Schutzenauer, Borkovic, Jantscher, Oroz, Schnegg, Wels.

All.: Christian Ilzer

LAZIO (4-3-3): Provedel; Hysaj, Gila (74′ Patric), Romagnoli, Marusic (46′ Lazzari); Milinkovic (63′ Vecino), Cataldi, Luis Alberto; Felipe Anderson (46′ Zaccagni), Immobile, Pedro (72′ Cancellieri).

A disp.: Maximiano, Magro, Radu, Marcos Antonio, Basic, Romero.

All.: Maurizio Sarri

Arbitro: Benoît Bastien (FRA).

Assistenti: Hicham Zakrani (FRA) – Aurélien Berthomieu (FRA)

IV uomo: Jérémie Pignard (FRA)

V.A.R.: Rob Dieperink (NED)

A.V.A.R.: Ingmar Oostrom (NED)

NOTE. Ammoniti: 23′ Ilzer (S), 25′ Cataldi (L), 34′ Hierlander (S), 35′ Gazibegovic (S), 88′ Patric (L), 90′ Siebenhandl (S), 90’+5′ Kiteishvili (S).

Espulsi: 81′ Gazibegovic per doppia ammonizione (S)

Recupero: 5′ st.

UEFA Europa League | Gruppo F, 3 ª giornata

Giovedì 6 ottobre 2022, ore 18:45

Stadion Graz Liebenau, Graz (AUT)

Leggi anche:   Sky go all’estero: come godersi dirette sport e TV in maniera facile e sicura
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.