Connect with us

News

Prepartita, Pioli: “Battere il Frosinone”, Stellone: “Firmo per un pari”

Published

on

Pensieri diversi attraversano Pioli e Stellone in vista dell’impegno tra Lazio e Frosinone. Entrambe le squadre vogliono confermarsi, ma la squadra romana deve avere continuità, i ciociari puntano sull’entusiasmo e provare a fare risultato anche nelle partite a loro meno congeniali.

Pioli è sicuro: “Non abbiamo fatto ancora nulla. C’è il Frosinone, dobbiamo avere l’approccio giusto, giochiamo in casa e quindi vogliamo fare la partita. La squadra ora è più compatta e solida, ha lo spirito di chi sa che deve dare il massimo in campo. Quest’anno non abbiamo interpretato bene un paio di gare, ma abbiamo imparato qualcosa da quelle partite. Abbiamo tanti giovani, dobbiamo cercare equilibrio. Candreva? Se risponderà bene, allora sarà del match”. Ballottaggio tra Matri e Djordjevic e possibile terza partita di Biglia in una settimana: “Possono stare bene entrambi. A ieri le condizioni della squadra erano buone, dobbiamo fare uno sforzo e muovere la nostra classifica in avanti. Lucas ieri stava bene, è stato l’unico ad allenarsi con quelli che non avevano giocato contro il Saint-Etienne. La maggior parte delle volte, però, la fatica arriva dopo 48 ore dopo la partita. Lui è un diesel, sarà della partita”.
Su Cataldi, Pioli si sente un catechizzatore nei suoi confronti: “Danilo sta facendo bene, deve crescere, fare delle scelte ancora più precise. Ma sono soddisfatto di lui, anche se per ora ho preso altre decisioni”. A chi gli imputa difficoltà difensive risponde così: “Se continuiamo a confrontare ogni partita con il campionato dello scorso anno, allora non siamo sulla strada giusta. Abbiamo cambiato giocatori, altri sono stati infortunati. Abbiamo gettato le basi la stagione scorsa, dobbiamo crescere. Smettiamo di guardarci alle spalle. Abbiamo fatto l’anno scorso qualcosa di eccezionale, a cui credevamo solo io, i giocatori e la società. Ora è un altra storia, sappiamo che dobbiamo crescere, il lavoro verrà fuori”. Prosegue su Milinkovic: “E’ un centrocampista offensivo, sa attaccare bene l’area. Rispetto agli altri giocatori offensivi ha grande fisicità, deve crescere, ma sta facendo bene. Può fare l’interno, da trequartista però ci dà maggiore presenza nell’area avversaria”

Quattro punti nelle ultime due partite, ma Stellone non vuole abbassare la guardia e giocarsela: “Nella gara con la Juventus anche noi abbiamo giocato in fase offensiva e non ci siamo solamente chiusi, e quindi anche domani dovremo essere bravi a capire quando bisognerà aspettare o attaccare o anche di stare in undici dietro la linea della palla per sfruttare al meglio le ripartenze. Inizieremo con un 4-2-3-1 che può diventare anche 4-4-2. Firmare per un pareggio? L’anno scorso avrei detto di no, però quest’anno… Serve essere un po’ più cinici e obiettivi e quindi direi di si. Noi domani dobbiamo essere bravi oltre che a difenderci anche nel risistemarci bene e più velocemente possibile quando attacchiamo. La Lazio è una squadra molto forte, hanno risolto i loro problemi. Squadra che in casa gioca bene e molto offensiva. Squadra che accorcia bene e che ha grandi individualità. Però qualche cosa la concedono e più andrà avanti la gara e più potremo far bene se non passiamo subito in svantaggio”.

Continua la Lettura
Advertisement

Since1900, Affiliato ufficiale di Binance

Advertisement

Ultime notizie

Classifica

Advertisement

Copyright © 2023 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.