Connect with us

News

Personaggi storici SS Lazio: Paolo Di Canio

Published

on

“Essere laziale è qualcosa di speciale, diverso dalla massa. È stato l’istinto a spingermi verso i colori biancocelesti e la passione per l’aquila, un animale affascinante, regale, fiero.”

Paolo Di Canio è uno dei personaggi più discussi e controversi che fanno parte della storia della prima squadra della Capitale.

Nasce il 9 Luglio 1968 a Roma, precisamente nel quartiere del Quarticciolo, un rione dove essere laziali è una scelta coraggiosa, in quanto si avrà la certezza di essere quasi soli, a differenza degli odiati cugini giallorossi.

Viene notato giovanissimo dai dirigenti della Lazio quando militava nelle giovanili della Pro Tevere Roma. Passa quindi l’ adolescenza nel settore giovanile biancoceleste, che a soli 17 anni lo manda a fare esperienza in serie C2, alla Ternana. Dopo un anno torna a casa, con la Lazio che si trova in serie B e riesce, alla fine della stagione 1987-1988, a raggiungere la promozione che la riporta nella massima serie. In questa stagione Di Canio non troverà mai spazio, poichè giudicato ancora troppo acerbo. E’ nella stagione successiva, in serie A, che l’ allenatore Giuseppe Materazzi decide di puntare sul giovane attaccante del vivaio. Lo fa esordire il 9 Ottobre 1988 in occasione di Cesena-Lazio 0-0, e da quel momento Di Canio diventa un punto fermo della squadra. Durante la stagione 1988-1989 sigla un solo gol, ma determinante, poichè sblocca il derby capitolino del 15 Gennaio 1989, esultando con il dito alzato sotto la curva giallorossa, emulando un gesto proprio di una leggenda biancoceleste degli anni ’70: un certo “Giorgio Chinaglia”. Il derby si concluderà 1-0 per i biancocelesti, che proprio grazie alla rete del giovane Di Canio ottengono una vittoria nella stracittadina, dopo 3 anni di assenza dalla massima serie. Alla fine della stagione successiva, il presidente Calleri lo cede alla Juve per 7.5 miliardi di lire, scatenando l’ ira del giocatore stesso. Dopo un anno sotto la guida di Maifredi, il rapporto tra Di Canio e i bianconeri comincia a vacillare, complice l’ arrivo di Trapattoni sulla panchina bianconera, che con Di Canio non ebbe mai un bel rapporto.  Dopo due anni di convivenza forzata tra il giocatore e l’ allenatore si apre una ferita insanabile, e perciò Di Canio fa le valigie e approda in prestito alla corte di Lippi, a quei tempi allenatore del Napoli. La stagione a Napoli è piuttosto positiva per l’ attaccante romano, che però non verrà riscattato dai partenopei. Giunge l’ anno dopo a Milano, sponda rossonera. Anche con Capello (allenatore del Milan) il rapporto è instabile e perciò dopo due stagioni in rossonero è costretto a trasferirsi nuovamente, questa volta oltremanica, in Scozia, al Celtic per la precisione. La stagione 1996-1997 è forse la migliore in tutta la sua carriera, in quanto viene nominato a fine stagione il miglior giocatore del campionato scozzese. L’anno successivo passa allo Sheffield Wednesday, dove rimarrà un anno e mezzo, segnando 15 gol, ma venendo squalificato per 11 giornate a causa di una spinta ad un arbitro. Nel Dicembre del 1998 approda al West Ham, dove rimase per ben 4 stagioni e mezzo, lasciando un segno davvero positivo nel cuore dei tifosi degli Hammers, segnando più di 50 gol tra campionato e coppe. Nella sua carriera al West Ham c’è sicuramente un episodio che va ricordato più di ogni altro: è il 18 Dicembre del 2000, al Goodison Park va in scena Everton-West Ham, al 90° minuto, sul risultato di 1-1, il portiere della squadra di casa, Gerrard, si infortuna durante un’ uscita al limite dell’ area, Sinclair (ala del West Ham), mette una palla al centro per Di Canio, che anzi che insaccare in rete prende la palla con le mani e ferma il gioco, consentendo ai medici di soccorrere l’ estremo difensore avversario. Lo stadio esplode in un boato di lodi per Di Canio, che, grazie a questo gesto, conquista il premio Fair Play del medesimo anno e viene inserito nella squadra ideale del West Ham di tutti i tempi. Al termine della stagione 2002-2003 il West Ham retrocede in Championship e Di Canio è lasciato libero di andare: sceglie però di rimanere a Londra, al Charlton Athletic, per un anno, in cui segna 4 reti in 31 presenze. Nell’ estate del 2004 Di Canio segue ciò che gli dice il cuore e rinuncia ad un’abbondante porzione del suo stipendio per tornare a casa, nella Lazio. Della sua nuova esperienza a Roma viene ricordato sicuramente un secondo gol nel derby romano dopo quello del 1989. Anche stavolta sblocca la partita, ma il risultato finale sarà di 3-1 per i biancocelesti. Celebre e ricorrente, in questa parte della sua carriera, il saluto romano mostrato ai suoi tifosi durante alcune partite, che costerà a giocatore e squadra molteplici ammende e un particolare interessamento della FIFA. Anche nella stagione successiva è titolare nella Lazio guidata da Delio Rossi, che si piazza a fine stagione in zona UEFA. Ma il presidente Lotito non desidera in alcun modo proseguire il rapporto con il giocatore, che termina cosi la sua seconda avventura in biancoceleste e si accasa nell’ estate 2006 alla Cisco Roma, militante in serie C2. Dopo due stagioni alla Cisco, complici l’età e i ripetuti infortuni negli ultimi anni di carriera, Di Canio sceglie di appendere gli scarpini al chiodo. Dopo il ritiro viene invitato regolarmente in alcune trasmissioni calcistiche e ricopre spesso la veste di commentatore sportivo in Europa League. Dal 2011 sceglie di allenare lo Swindon Town, squadra inglese militante nella Football League Two, equivalente alla nostra vecchia serie C2. Nel primo anno da allenatore ottiene il primato nella classifica finale e la conseguente promozione nella Football League One. Nella stagione successiva, dopo alcune divergenze con la dirigenza, decide di dimettersi. Nel Marzo del 2013 viene ingaggiato dal Sunderland, che naviga nei bassifondi della classifica in Premier League. Dopo una serie di risultati postivi il Sunderland ottiene un’ insperata salvezza e Di Canio viene confermato anche per la stagione successiva. La stagione 2013-2014 si apre con 5 incontri senza neanche una vittoria e perciò Di Canio viene esonerato dalla dirigenza. Dalla stagione 2014-2015 è opinionista per Fox Sport.

Leggi anche:   Pimenta agente di Romagnoli, " Nella trattativa ha fatto tutto Lotito e ci sono altri progetti "

Lorenzo Martini

 

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Lazio, ore decisive per Mertens

Published

on

Da quando la notizia è entrata in circolazione, quello di Dries Mertens è diventato uno dei nomi più chiacchierati dai tifosi biancoceleste durante questa sessione di mercato estivo. Un sogno che sembrerebbe potersi realizzare, anche nelle prossime ore.

Al belga serviva tempo per riflettere sul suo futuro. D’altronde lasciare dopo nove anni una città che ti ha amato e una squadra che ti ha cresciuto non è affatto semplice. Per questo l’attaccante starebbe ancora riflettendo, ma il Napoli sembrerebbe essere oramai soltanto un ricordo. In queste ultime ore potrebbero esserci sviluppi importanti. Contatti fra l’entourage del giocatore e la società biancoceleste che potrebbero portare a un punto di svolta sulla trattativa.

Per lui sarebbe previsto un contratto da quasi 3 milioni di euro. Un offerta più alta rispetto a quella dei partenopei. Tutto potrebbe chiudersi nel fine settimana, oppure all’inizio della prossima. Sarà solo del belga la scelta. Roma o Napoli?

Leggi anche:   Abbonamento ss Lazio 2022-2023, dati alla mano
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Pimenta agente di Romagnoli, ” Nella trattativa ha fatto tutto Lotito e ci sono altri progetti “

Published

on

Rafaela Pimenta è intervenuta ai microfoni di Radiosei per raccontare la trattativa che ha portato Romagnoli alla Lazio. Ecco di seguito le sue parole:

LA VOGLIA DI ROMAGNOLI- “Ho seguito la trattativa Romagnoli, è stata dura e bellissima. Non sempre capita che un giocatore sia un tifoso. E’ stata un’esperienza positiva, molto bella, il ragazzo avrebbe potuto fare tante altre scelte diverse come la Spagna o la Premier. Ha scelto la Lazio per il rapporto con i tifosi, per la maglia, per il rapporto con il presidente, per il centro sportivo. Il suo cuore gli ha detto di andare a Roma ed il presidente Lotito ha fatto tutto. Tutto lui, ha veramente voluto vincere questa partita e questa gara per il bene della Lazio. Faccio questo lavoro da 22 anni, un giocatore appassionato come Romagnoli non l’ho mai visto. Mi diceva che voleva andare alla Lazio e non a Londra per il rapporto con i tifosi, per la sua fede calcistica”.

LA VITTORIA DI LOTITO – “Ci sono stati momenti anche di difficoltà nella trattativa. Un professionista deve fare una valutazione economica e ad un certo punto ci siamo posti una domanda in merito. Lì Lotito è stato troppo bravo, ha parlato tanto con Romagnoli, l’ha convinto sulla qualità della vita che lo avrebbe aspettato alla Lazio. Dopo l’incontro con Lotito non c’è stato più nulla da fare. Era fatta, sarebbe stato impossibile fare altro. E’ stata la scelta giusta, non ci sono giocatori che fanno bene non essendo felici. Un aneddoto, Lotito ci ha mostrato una foto del posto per parcheggiare la macchina. Presidenti così non se ne trovano in giro molti. Altri affari con Lotito? Si, stiamo parlando con lui ancora di due progetti diversi, l’ho sentito ieri, vediamo se le cose andranno bene”.

Leggi anche:   Lotito alla presentazione: " Vogliamo che supportiate la nostra squadra...."
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Calciomercato Lazio | Jony allo Sporting Gijon a costo zero

Published

on

jony sporting gijon

Il calciomercato della Lazio prosegue con le cessioni di Muriqi e Jony. Quest’ultimo è reduce di un presto allo Sporting Gijon anche se la sua ultima stagione lo ha visto protagonista per gli infortuni e rendimenti sotto la media delle aspettative. Nonostante ciò però il club ha chiesto al giocatore di ritornare ma ad una condizione: arrivare a costo zero.

Il suo contratto con la Lazio scadrà nel 2023 quando avrà 32 anni. L’unica soluzione, che pare stia avvenendo in queste ore, è la rescissione del contratto che lo lega con i biancocelesti. Una decisione che non porta nessun euro nelle casse di Claudio Lotito ma che alleggerirà il tetto ingaggi con due stagioni in meno da pagare all’esterno spagnolo

Leggi anche:   Pimenta agente di Romagnoli, " Nella trattativa ha fatto tutto Lotito e ci sono altri progetti "
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design