Connect with us

News

Personaggi storici SS Lazio: “El Cholo” Simeone

Published

on

simeoneDiego Pablo Simeone, conosciuto anche come “El Cholo”, è stato uno dei centrocampisti più completi dalla metà degli anni ’90 fino alla metà del decennio successivo. Nasce nel 1970 a Buenos Aires e fin da piccolo, come molti altri bambini della capitale argentina, passa gran parte del suo tempo con il pallone tra i piedi. A soli 17 anni esordisce con una squadra professionistica, il Velez Sarsfield, glorioso club del suo paese. Dopo 3 anni dall’ esordio con i grandi arriva una chiamata oltreoceano dall’ Italia, precisamente dal Pisa, che milita nella massima serie e vuole rinforzarsi adeguatamente per la stagione 1990-91. E’ proprio con il Pisa che il giovane Simeone comincia a sfoggiare quelle doti di leader che lo caratterizzeranno per tutta la sua carriera. Nonostante ciò, dopo due anni in Toscana, in cui ha totalizzato 55 presenze e 6 reti, prepara le valige perchè in Spagna è arrivata l’ offerta del Siviglia, che anche se al tempo rappresentava una società altalenante tra Liga e Segunda Division, vedeva nelle sue fila, all’arrivo di Simeone, un certo Diego Armando Maradona. Sono due gli anni passati con la maglia dei “Rojiblancos”, prima di trasferirsi all’ Atletico Madrid, con cui aprirà due diverse parentesi durante la sua carriera, della durata complessiva di 5 stagioni. Il 1996 è uno degli anni più gloriosi per l’Atletico e Simeone: arrivano le vittorie in Liga e Coppa del Re ed “El Cholo” ormai si è consacrato come uno dei migliori incontristi d’ Europa, siglando anche  la bellezza di 12 gol solo in  un campionato. L’ estate successiva riapproda in Italia: a volerlo fortemente è l’ ambizioso presidente dell’ Inter Massimo Moratti che per strapparlo ai “Colchoneros” offre la bellezza di 13 miliardi di lire. Con i nerazzurri resterà per 2 stagioni, nelle quali risulterà fondamentale il suo apporto per la conquista della coppa Uefa del 1998. Nell’ estate del 1999, in seguito a una presunta lite con Ronaldo, sbarca a Roma, sponda biancoceleste. Nel primo anno di Lazio conquista la Supercoppa Europea contro gli “invincibili” del Manchester United e conquista uno storico double, che porta nella bacheca della Lazio il secondo scudetto e la vittoria in Coppa Italia. Simeone risulterà decisivo per la conquista del campionato, siglando il gol vittoria contro la Juve a Torino e marcando il cartellino altre 3 volte nelle ultime 5 partite di campionato. L’ anno successivo comincia con la vittoria della Supercoppa italiana ai danni dell’ Inter, ma il successo non viene bissato in alcun modo e mette in atto quel processo di discesa della Lazio, che pochi anni dopo rischierà il fallimento dato dallo scandalo Parmalat. Simeone, ormai 33enne, fa ritorno all’ Atletico Madrid dove rimarrà per un anno e mezzo, fino al Gennaio 2005, quando sarà il Racing, club del suo paese, a richiamarlo in patria per chiudere la carriera nel 2006. Da questo momento Simeone comincia la carriera da allenatore proprio al Racing, dove rimarrà per soli due mesi, trasferendosi poi sulla panchina dell’ Estudiantes, dove ritrova un ex compagno di squadra e un grande amico, Juan Sebastian Veron e riuscirà nell’ impresa di vincere il campionato di Apertura, titolo vacante nella bacheca di La Plata da 23 anni. Nel Gennaio 2008 conclude l’ avventura con l’ Estudiantes e comincia quella con il Boca, che si apre con la conquista del campjonato di Clausura ma che vede un calo disastroso in quello di Apertura, che comporta le dimissioni dell’ allenatore. Poco dopo le dimissioni dal club di Buenos Aires approda al San Lorenzo, dove rimarrà un anno senza lasciare il segno. Nel 2011 è il Catania a credere in lui e Simeone risponde conquistando una salvezza tranquilla e segnando un nuovo record di punti per la squadra rossoazzurra. Rescinde dopo un solo anno il contratto che lo legava al Catania e torna ad allenare il Racing, dove rimane solo un altro anno, dopo buoni piazzamenti della squadra, che non servono però a placare dissapori con la società. Alla fine del 2011 arriva la svolta: è l’Atletico Madrid a dargli una possibilità come allenatore dopo l’ esonero di Manzano e Simeone a fine stagione porterà nella bacheca dei Colchoneros l’ Europa league e un piazzamento al 5° posto in Liga. La stagione successiva comincia con la vittoria della Supercoppa Europea per 4-1 contro il Chelsea e si chiude con la vittoria della Coppa del Re e un ambizioso 3° posto che garantisce i gironi di Champions League per l’ annata successiva. La stagione 2013-2014 ha del clamoroso: l’ armata di Simeone conquista il primo posto nella Liga e si ritrova in finale di Champions League contro i rivali cittadini del Real. Al 35° Godin sblocca le marcature e il risultato rimane intatto fino al 92°, quando, a 30 secondi dalla fine, è Sergio Ramos a insaccare l’ 1-1 e a protrarre la gara ai supplementari. I Colchoneros passano in poco tempo dalla consapevolezza di aver quasi vinto la Champions contro il Real alla sicurezza che non si ripresenterà più occasione per farlo. Gli uomini di Simeone non ne hanno più e sono distrutti dal gol di Ramos, e ai supplementari lo dimostrano, prendendo l’ imbarcata, subendo altri 3 gol e allontanando ogni sogno di supremazia cittadina. Per Simeone e i suoi è un duro colpo, ma pochi mesi dopo riescono a trovare una piccola vendetta, alzando la Supercoppa Spagnola proprio contro i cugini. La stagione appena passata conferma l’ Atletico di nuovo ai gironi di Champions per l’ anno prossimo grazie al 3° posto finale e e vede Simeone prolungare il suo contratto fino al 2020. Buona fortuna Cholo!

Leggi anche:   2 anni senza Arturo Diaconale: il ricordo della Lazio

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Maneskin vs Lazio: la società risponde a Damiano dopo lo sfottò della fan con la maglia della Lazio

Published

on

maneskin lazio

Nell’ultimo concerto dei Maneskin avvenuto a Philandelphia, c’è stata una rissa. Damiano per stemperare gli animi ha attaccato la Lazio ed una sua fan che indossava la maglia biancoceleste tra le prime file degli spettatori. Tramite il suo profilo Twitter ha sottolineato come la cosa peggiore della Rissa fosse stata la maglia della Lazio indossata proprio dalla sua fan, scatenando uno sfottò sull’ultimo derby della Capitale.

Non poteva mancare la risposta della Lazio tramite il profilo Twitter citando proprio una loro canzone Zitti e Buoni:  «Sai com’è… – Cit.».

 

Leggi anche:   Lazio niente ritiro all'estero: parla Lotito
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Il regalo della Lazio a chi ha sottoscritto l’abbonamento Tribuna Tevere Top

Published

on

lazio tribuna tevere top

La S. S. Lazio ha organizzato due giornate dedicate ai tifosi biancocelesti che hanno sottoscritto per questa stagione l’abbonamento in Tribuna Tevere Top.

Domani venerdì 2 dicembre e sabato 3 dicembre, questi abbonati potranno farsi fotografare insieme al nostro simbolo vivente, l’aquila Olympia, con il suo falconiere Juan Bernabé.

Queste indimenticabili foto potranno essere effettuate:

– venerdì 2 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 21:00 presso il Centro Commerciale Roma Est all’interno dello spazio antistante il Lazio Style 1900 Official Store;

– sabato 3 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 19:00 nella piazzetta di via della Mercede, accanto al Lazio Style 1900 Official Store di via di Propaganda 8A.

Sarà sufficiente esibire il proprio abbonamento di Tribuna Tevere Top per poter usufruire gratuitamente del servizio e scattare la foto con Olympia.

Vi aspettiamo!

Leggi anche:   L'Avvocato Grassani: " La Juventus rischia la retrocessione "
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

2 anni senza Arturo Diaconale: il ricordo della Lazio

Published

on

diaconale lazio

Arturo Diaconale ci ha lasciato esattamente 2 anni fa. La Lazio tramite i suoi profili ufficiali ha voluto ricordarlo così:

Il 1º dicembre 2020 ci lasciava Arturo Diaconale, un grande giornalista, uno straordinario laziale: ha sempre difeso le sue idee e i nostri colori con fermezza, passione e convinzione. La S.S. Lazio lo ricorda nel secondo anniversario della scomparsa con affetto e commozione.

https://twitter.com/OfficialSSLazio/status/1598254950219665408

Leggi anche:   2 anni senza Arturo Diaconale: il ricordo della Lazio
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza