Connect with us

ExtraLazio

Perdonateci, ma abbiamo piene le “cosiddette”

Published

on

Quanto ancora deve durare questa farsa?

La Santa Inquisizione era il potere esecutivo e al tempo stesso giudiziario della Chiesa cattolica, istituito per punire l’ortodossia e tacciare, violentemente e non, chiunque si ribellasse agli insindacabili dogmi religiosi.
Beh, e allora? E allora provate a dire che, in fin dei conti, il razzismo in Italia non esiste; provate a sostenere fermamente la vostra posizione, argomentando e ribattendo a chi vi dice che siamo diventati un Paese di incivili e rozzi bianchi eterosessuali sostenitori del padronaggio bianco. Vi spoilero il finale: sarete linciati. La nostra nazione, ma in generale tutto il mondo occidentale, vive in questo limbo a metà tra il senso di colpevolezza e la rabbia che si tramuta in punizione autoinferta, discernente da motivazioni che adducono alla nostra storia di razzisti seriali e aggressivi. Fermiamoci un momento. Siamo un Paese di prima accoglienza, c’è rispetto dei ruoli e della persona, abbiamo una radicata tradizione cattolico-cristiana che ci impartisce lezioni sulla fratellanza tra umani, abbiamo tra uomini, donne, bianchi e neri pari diritti, l’ultima legge elettorale (Rosatellum) ha addirittura imposto le quote rosa nelle candidature. Poi un giorno si sentono degli ululati, dei cori offensivi e tutto crolla magicamente come un castello di carta: siamo diventati dei buzzurri, degli scaricatori di Porto da trattare come lebbrosi. La via di mezzo, quella che vorrebbe una ragionevole contestualizzazione del coro da stadio, va a farsi benedire. Ma rimaniamo in tema. Coro da stadio, dunque; buu razzisti gravissimi, certo. Nella partita Lazio Novara è stato insultato a più riprese un uomo di una certa età, magari non simpatico a troppi, ma a cui Iddio ha dato una dignità non corrisposta dall’attenzione mediatica. I napoletani hanno recriminato negli anni un comune denominatore di molti stadi dove hanno presenziato per seguire i propri beniamini: le incitazioni al Vesuvio e alle sue pericolose eruzioni. Poco importa però che Milano debba finire in fiamme, cosi come la Capitale, che debbano contrarre l’aids i veronesi o che i tifosi juventini ne contino 39 in meno. Avete presente tutti questi dettagli finiti in secondo piano? Non sono mai passati in rassegna nelle agenzie inquisitorie mediatiche, ma meriterebbero le stesse attenzioni. E sapete cosa succederebbe se da domani facessimo caso a tutto? Qualcuno in questi giorni ha detto psicosi. Io dico che la Santa Inquisizione in confronto potrebbe sembrare un simpatico gioco da tavolo. Orwell profetizzò una polizia del pensiero pronta a randellare chiunque osasse contraddire i dogmi della libertà e orizzontalità a tutti i costi. Il tifoso, con i suoi eccessi e le sue sfumature, è il sale del calcio. Il mondo piatto ci fa onestamente schifo e di queste isterie di balotelliana memoria ne abbiam piene le cosiddette.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

ExtraLazio

Zaniolo insultato da alcuni tifosi romanisti: ” A’nfame…”

Published

on

Nicolò Zaniolo è sempre più lontano da Trigoria. Le voci arrivate nella nostra redazione qualche settimana fa, si fanno sempre più forti con l’attaccante giallorosso ai titoli di coda con il club e la Juventus in pressing per il suo cartellino.

L’attaccante quest’oggi è arrivato al centro sportivo eludendo tutti i tifosi che volevano un autografo senza fermarsi. All’uscita però, qualche autografo l’ha fatto ma in un silenzio tombale. Un gruppo di tifosi prima hanno cercato di convincerlo di non firmare con il club di Agnelli, poi alla ripartenza dell’auto, in un totale silenzio e faccia arrabbiata, qualcuno l’ha insultato con “a’nfame”

https://twitter.com/i/status/1544281206312898560

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

ExtraLazio

Il Lato B della figlia di Totti su Gente in prima pagina. Noi stiamo dalla parte dei genitori!

Published

on

Il Lato B di una tredicenne in prima pagina con allusioni alla madre da parte di una rivista è squallido ed i colori non c’entrano nulla. Quest’oggi non vogliamo parlare di calcio e mettiamo da parte gli sfottò dal momento che dei minori vengono usati per scopi di lucro rischiando anche di alimentare l’interesse della pedofilia e del darkweb.

Non pochi giorni fa, la figlia di Totti è stata paparazzata con il padre al mare. Sappiamo che questi tizi poi vendono le foto a centinaia di euro per lucrarci sopra e a seconda dello scatto più scandaloso il prezzo sale. Ma dal momento che c’è di mezzo una creatura di 13 anni, lo squallore non ha mai fine ed a cadere in quest’ultimo è il settimanale Gente.

Una prima pagina con il titolo ” La Gemella di Ilary Blasi” con il volto oscurato ed il lato b in vista. E non vogliamo credere che ci sia stata la censura alla faccia per motivi classici per chi ha la minore età visto che hanno lasciato libero il resto.

Un’ allusione eclatante al limite della denuncia per un settimanale che vende milioni di copie in tutt’Italia.

La stessa Ilary Blasi ha espresso il suo disgusto sulle sue stories di Instagram postando lo scatto e mettendo una faccina che vomita per coprire il lato b della figlia.

Si sono smossi molti utenti nella rete e anche molte associazioni contro il direttore della testata giornalistica.

Il 2020 forse ha fatto perdere il senno a qualcuno che pur di guadagnarci con il Gossip, una categoria che sinceramente non ha senso almeno per chi sta scrivendo queste righe, alimenta gli occhi della pedofilia.

Un disgusto totale ancora una volta per quel giornalismo che vuole a tutti i costi vendere copie e guadagnarci sopra, ok le fake news di mercato, ok a cavalcare l’onda della notizia che fa parlare di se… ma questa volta si è superato ogni limite!

Noi siamo dalla parte dei genitori!

Il giornale Gente….. gente di merda…..

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

ExtraLazio

Manchester United nello scandalo: Arrestato Harry Maguire in Grecia

Published

on

maguire arrestato

Il Manchester United ha una vicenda da risolvere in Grecia e spegnere lo scandalo che sta creando Maguire arrestato dalle autorità mentre era in vacanza.

Secondo alcune fonti si parla di una rissa con dei tifosi inglesi ed il classe ’93 è stato arrestato insieme al gruppo che ha creato disordini.

Il The Sun pubblica il comunicato ufficiale dei Reds:

 “Il club è al corrente del presunto incidente che ha coinvolto Harry Maguire a Mykonos. Sono stati avviati contatti con Harry che sta collaborando totalmente con le autorità greche. In questo momento non faremo ulteriori commenti”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.