Connect with us

Focus

Pagellone di fine anno

Published

on

Puntuale come una tombola a Natale, arriva il pagellone di fine anno. Analizzeremo tutti i protagonisti che hanno alzato la coppa italia lo scorso 15 maggio, e scusateci se lo faremo in un modo un po simpatico. Tanto si sa, qua a Roma l’ironia è ben accetta… COMINCIAMO

STRAKOSHA : voto 8. Salva la pelle della Lazio in tante partite, in altre non si ricordano parate di Tommy (semicit.), da rivedere i rinvii con i piedi, che molte volte fanno rimpiangere le impostazioni di Wallace. AMMIRABILE

PROTO: Voto 5,5. Gioca in totale meno partite dell’amico che viene chiamato all’ultimo per salvare le partite con gli amici, nel complesso un buon portiere, da sicurezza tra i pali, peccato per i gol incassati in relazione alle partite giocate. SALVATORE

GUERRIERI: voto 5. Gioca una partita, inutile al fine della classifica, incassa 3 gol, sbaglia un pò di uscite, ma è giovane diamogli tempo. PICCOLETTO

DIFESA

ACERBI: voto 10, se la Lazio è arrivata in finale di coppa ed è riuscita a vincerla, se in campionato in molte partite siamo riusciti a vincere è sopratutto merito suo. Un leone in campo, un signore fuori. Bakayogo e Kessie ancora lo cercano in sogno. DEVRIJ CHI ?

WALLACE: voto 2, ma davvero vogliamo dare un voto alla stagione di Fortuna Wallace. Regala la Champions all’Atalanta, fa più danni della grandine, l’unica volta che c’ha regalato na gioia è stato intorno al mese di Gennaio quando si è infortunato. PUNTO NERO.

BASTOS: voto 6,5. L’angolano regala momenti da difensore vero e alterna giocate pessime. Anche lui gioca poco rispetto al potenziale, un po di infortuni e in un certo momento Inzaghi gli preferiva Fortuna. Ricordiamo anche due gol, e sopratutto il capolavoro col bologna. Sicuramente l’anno prossimo dobbiamo ripartire da lui (dandogli fiducia al 100%). ASSENTEISTA

BASTA: voto SN, l’ultima partita risale al derby dello scorso anno, dove fece anche un bel gol. Scherzi a parte, Dusyno è arrivato probabilmente alla fine della carriera, stagione segnata solamente dalla rimozione coatta della macchina in pieno centro a Roma, per il resto nessuna presenza in campionato o quasi. INVISIBILE

DURMISI: voto 4, ancora mi chiedo come sia possibile che il signor Claudio Lotito abbia acquistato un giocatore come lui, capisco le sculate in Albania, ma qua si vedeva da lontano, che sarebbe stato un acquisto inutile. A Roma se dice, è piu alta na vigorsol de te, e forse dopo aver visto Riza, comincio a crederci. Quando entra in campo fa piu danni de Wallace, o forse no, credo sia impossibile. Detto questo, regala un rigore al Milan che gli farà vincere il match. Lo si ricorda per la crisi di nervi e la depressione, e per le 1500 nazionalità diverse. Speriamo sia solo un brutto ricordo. ELFO

LUKAKU : voto 2, si contano più presenze al Mc Donalds che in campo. L’ultima partita giocata risale a inizio campionato. Forse un pò è mancato li sulla fascia, troppo fragile fisicamente e mentalmente secondo noi. Pero se in forma potrebbere essere un arma in più. ASPETTIAMOLO

L. FELIPE: voto 7, l’unico insieme ad Acerbi e Bastos che può dare sicurezza li dietro, ogni tanto pecca di personalità, e delle volte sbaglia anche lui. Ma è giovane e può migliorare tanto, aspettiamo anche lui, con la speranza che possa migliorare sempre di più. GIOVANOTTO

MARUSIC: voto 4, diteci che è stato clonato e il Marusic della scorsa stagione è stato rubato. Irriconoscibile, sbaglia quasi tutto durante l’anno. bello il gol a Marsiglia, ma troppo poco. Ci si aspettava di più da lui, cosi come da tutta la Lazio. METEORA

PATRIC: voto 2, lascio a voi la parola, io le ho finite. INUTILE

RADU: voto 7,5, il boss che si conferma tale. Ennesimo campionato giocato a grandi livelli, peccato la fragilità muscolare, sennò insieme ad acerbi diventava INTOCCABILE. l’anno prossimo inizierà l’ennesima stagione con l’aquila sul petto VETERANO.

Leggi anche:   Lazio-Spezia: ecco quanti tifosi tingeranno l'Olimpico di Biancoceleste!

CENTROCAMPO

BADELJ: Voto 4. Mi aspettavo molto di piu dall’ex capitano viola, forse questo calo è dovuto alle poche presenze, ma molte volte sembrava essere più veloce DAZN di lui. Peccato, perche la tecnica e la qualità c’era. Vedremo il mercato cosa ci dirà. IRRICONOSCIBILE

BERISHA: voto 3, i tifosi della Lazio lo ricordano solo per il rigore tirato all’olimpico quando vestiva la maglia del salisburgo, che ci ha escluso dalla semifinale di europa. Troppi infortuni, recuperava uno, ricadeva in un altro, quando gioca, ci mette solo la cattiveria agonistica, peccato poteva essere un buon giocatore. PUNTO INTERROGATIVO

B. JORDAO, non mi sento di giudicarlo, deve crescere ancora tantissimo, può essere il futuro della nazionale portoghese, vedremo cosa ci dirà il campo.

CATALDI: voto 6, quando gioca lo fa bene, segna bei gol, indimenticabile quello nel derby, sinceramente quando viene chiamato in causa fa il suo lavoro, la sua porca figura, bravo Danilo . FIGLIOCCIO

L.LEIVA: Voto 11, quando il biondo, si infortuna la Lazio va in blocco, a centrocampo non riusciamo a fare filtro, si sente l’assenza e l’esperienza di uno come lui. Quando torna è sempre uno dei migliori, da dire pero ogni tanto in calo rispetto al Leiva della scorsa stagione, ma cosi come molti. Ma sti cazzi, perchè noi siamo matti di lui. INTOCCABILE. BIGLIA CHI?

LULIC: voto 71. Il capitano un po in calo, l’eta avanza e ogni tanto va in confusione servirebbe un alternativa valida e piu giovane che possa permettere al bosniaco di riposare. Speriamo arrivi Lazzari. DIO.

PAROLO: voto 7, quando gioca fa il suo. Gioca di meno, perche il mister cambia modulo, e lui non fa una lamentela, quando gioca mette l’anima e il cuore. Come si fa a non amarlo. COSTOLETTA

ROMULO: voto 7,5. arriva a Gennaio e da subito convince, merita infatti il riscatto dal genoa. su quella fascia spinge tanto e crossa pure bene finalmente diremmo noi. Bravo Romoletto. ROMOLETTO

L,ALberto: voto 6-, non è quello della scorsa stagione, irriconoscibile molte volte, infastidisce per i suoi atteggiamenti. Manifesta di voler tornare in Spagna, polemicizza con l’ambiente e personalmente non è un giocatore da Lazio uno che fa cosi. INCOMMENTABILE

SMS: voto 8, stagione buia, al di sotto delle aspettative per il sergente, che pero entra e decide una coppa italia, molti vogliono venderlo, io non sono d’accordo, dobbiamo ripartire da lui, costruire una squadra intorno al serbo. E’ il nostro punto di riferimento, è giovane e incarna la mentalità da laziale. BLINDIAMOLO

ATTACCO

IMMOBILE: voto 8-, rispetto ai 41 gol della scorsa stagione, segna di meno, ma è tutta la Lazio a giocare male rispetto all’anno precedente. Lui non molla mai, gioca, lotta, e combatte per la Lazio. Non gli si può rimproverare nulla. Tanta sfortuna anche, tanti pali bloccano ciruzzo. Ma è il nostro bomber. IMMENSO

CORREA: voto 8. arrivato come meteora si conferma invece un campione, decisivo in coppa, altalenante in campionato. Gioca bene spesso, altre volte si spegne, ma decisamente positiva la prima stagione del tucu. L’anno prossimo crediamo possa essere ancora meglio. Sei forte tucu, ti vogliamo bene. TUCUMANDANTE

CAICEDO: voto 7,5, ampiamente e decisamente meglio della scorsa stagione. E’ decisivo quando ciro non illumina. Segna gol decisivi e importantissimi. mai una parola fuori posto. si guadagna la stima della tifoseria a suon di partite giocate lottando per la maglia. Bravo PANTERONE

INZAGHI: voto 7. se lo scorso anno era un bel 8.5-9 quest’anno delude un po. ottimo in coppa, malino in cmpionato. Sbaglia un po troppo. Ancora non capisco la formazione contro Sassuolo e Chievo. Resta da capire il destino del tecnico, se dobbiamo ripartire da lui, diamogli quello che chiede.LAZIALE

CURVA NORD 1000. PER CENTO ANNI ANCORA!

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Focus

Chi è Joseph Minala e dove gioca ora?

Published

on

joseph minala

Quanti anni ha Joseph Minala?

Il centrocampista Camerunense Joseph Minala ( Joseph Marie Minala ), nasce a Yaoundè il 24 Agsoto 1996 ). La sua storia è quella di un ragazzo che voleva esaudire il suo sogno di diventare un calciatore ma, quando arrivò in Italia, il suo percorso non è stato facile, anzi.

Come si apprende, si trasferisce in Italia per fare un provino con il Milan, una promessa fatta da un osservatore che alla fine si rivelerà tutto finto, abbandonandolo alla stazione Termini. Il ragazzo però non si scoraggia ed il destino gli bussa alla porta facendo un periodo di prova col Napoli. Quando si trasferì a Roma, ha ritrovato il pallone con la Polisportiva Vigor Perconti. In quell’annata ( 2012-2013 ) venne al campo Alberto Bollini che lo segnalò ad Igli Tare facendogli firmare un pre contratto con la Lazio.

Linciaggio mediatico

Accantonato il brutto episodio sul falso provino che gli ha fatto abbandonare il suo paese natale ancora minorenne, il calciatore si vede aprire un’inchiesta dalla FIGC per dei dubbi sulla sua età. Si accusarono all’epoca ( estate 2013 ) sia la società che il ragazzo, accuse categoricamente rigettate. Ma non ci fu un inchiesta solamente burocraticamente, ci fu anche un linciaggio mediatico con titoli imbarazzanti delle maggiori testate giornalistiche sportive. Sappiamo tutti come funziona il giornalismo italiano ma in quel periodo ci fu un vero Body Shaming verso Joseph Minala: ” Come fa ad avere quell’età? Sembra che abbia 40 anni “.

A difendere il giocatore ci fu, oltre la Lazio, anche il suo agente Tavano: “Sono illazioni, ora Joseph è sereno. Ha avuto un’infanzia difficile, ecco il punto. E se ci parli capisci dai suoi discorsi che è in tutto e per tutto un ragazzo di 17 anni” ed il suo primo Presidente della Vigor:“Non posso negare che dimostri più degli anni che ha ma i suoi documenti sono ok”. 

Dubbi anche tra i giocatori e Club

Ma contro di lui, non bastava la gogna mediatica, arrivarono dei commenti e dei dubbi dove si chiedeva chiarezza anche da moltissimi ex avversari e da alcune squadre.

Sembrerebbe che l’Udinese infatti, non lo tesserò perchè il loro dubbio sull’età era più forte delle sue capacità calcistiche. Ora, pensate di essere un ragazzo di 16 anni con un passato difficile e di una nazionalità africana.

Arrivare in Italia, paese conosciuto moltissimo anche per il razzismo, scoprire che il vostro sogno si fermi alla Stazione Termini abbandonato da un finto osservatore ed un finto provino che non arriverà mai. Provare a mettersi in gioco e trovarsi in un frullatore mediatico dove l’unica colpa è l’aspetto fisico che ti fa sembrare più grande. In pochi lo abbiamo difeso e questa cosa ci fa arrabbiare molto. Si parla di integrazione e di altro ma quando ad alimentare i dubbi e queste situazioni sono le grandi testate giornalistiche, vuol dire che l’Italia ha fin troppa libertà di stampa ( becera ).

Leggi anche:   Romagnoli: " Ho tenuto la maglia, è la più importante che ho "

La Carriera di Joseph Minala

Passato il momento buio, Joseph comincia la sua avventura con la Primavera della Lazio a 17 anni. Il 6 Aprile 2014, grazie ad Edy Reja, esordisce nella Serie A sostituendo Lulic negli ultimi 13 minuti in Lazio-Sampdoria. Nell’Agosto del 2014 non viene la società biancoceleste gli fa iniziare il suo lungo cammino in prestito.

Il 25 Agosto 2014 viene mandato al Bari dove trova la sua prima rete da professionista il 13 Dicembre 2014 contro il Cittadella.

Dopo una stagione in Puglia torna nel Lazio passando in prestito al Latina ( 6 Luglio 2015). Il 9 Agosto disputa in Coppa Italia contro il Pavia dove venne sconfitto e trova la prima rete nella stagione contro la Ternana (27 Ottobre ).

La stagione successiva torna alla Lazio e viene mandato in prestito solamente nel mercato invernale tornando al Bari. Dal Bari, grazie anche a Lotito e Mezzaroma, trova spazio nella Salernitana con opzione di riscatto per la società campana. In quella città divenne un idolo per la rete decisiva al 96 esimo minuto di gioco nel derby contro l’Avellino. Alcuni tifosi Granata ricorderanno il camerunense in quel match del 15 Ottobre 2017, quando Joseph siglò il 2-3 finale, frutto di una rimonta dal 2-0.

Nel gennaio 2019 torna nuovamente a Salerno con un prestito semestrale tornando poi in estate alla Lazio. Il 28 Febbraio arrivò in prestito fuori dall’Europa, facendo esperienza in Cina con il club Qindao Huanghai.

Il 25 ottobre 2021 si svincola dalla Lazio e viene acquistato dalla Lucchese in Serie C.

Dove gioca ora Joseph Minala

Pochi giorni fa invece, viene ufficializzato dall’Olbia Calcio, squadra sarda che milita in Serie C.

Il Comunicato ufficiale:La Società rende noto di aver acquisito a titolo definitivo i diritti alle prestazioni sportive del giocatore Joseph Minala. Il centrocampista camerunese, nato a Yaoundé il 24 agosto 1996, ha sottoscritto con l’Olbia un accordo valido fino al 30 giugno 2023.

Quanto guadagna Joseph Minala?

Secondo un recente ricerca da parte di un noto sito sportivo, la media degli ultimi anni del giocatore, si aggira sui 35.000 euro al mese. Circa 420.000€ all’anno.

Joseph Minala fidanzata

La fidanzata di Joseph Minala è Viviana. La sua ragazza lo segue con amore dal 2014.

Statistiche Joseph Minala

StagioneSquadraCampionatoPresenzeReti Segnate
2013-2014Lazio A3
2014-2015BariB183
2015-2016LatinaB41
2016 (gen Giu)BariB1
2016-17 (gen-giu)LazioA
2017 (gen-Giu)SalernitanaB161
2018-2019SalernitanaB374
2018-2019LazioA
2019 (gen-giu)SalernitanaB122
2019-2020LazioA1
2020Qindao HuanghaiCSL16
2021 (gen-Giu)LazioA
2021-2022LuccheseC203
2022-2023OlbiaCIn agg.In agg.
Totale12814

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Focus

Chi è Sergej Milinković-Savić

Published

on

milinkovic Savic lazio hellas verona

Milinkovic Savic è entrato nei cuori dei tifosi biancocelesti conquistando quasi fin da subito il palcoscenico. Nel 2015, il sergente stava per vestire la maglia della Fiorentina, atterrando proprio a Firenze ma per poi scegliere all’ultimo la chiamata della Lazio.

Quando è nato Milinkovic Savic?

Milinkovic Savic nasce il 27 Febbraio 1995 a Lleida in Spagna ma con genitori nati in Serbia. Oltre ad essere un calciatore serbo della Nazionale, il centrocampista possiede anche la cittadinanza spagnola.

Biografia Milinkovic Savic, Famiglia di Sportivi

Il Sergente, Milinkovic Savic, nasce a Lleida in Spagna. I suoi genitori però sono entrambi della Serbia e sportivi professionisti. Il padre Nikola Milinkovic fu un calciatore mentre la madre, Milana Savic fu una giocatrice di pallacanestro. La coppia, oltre a mettere alla luce l’attuale centrocampista più forte della Serie A, concepiscono anche suo fratello Vanja Milinkovic-Savic che tutti conosciamo e lo vediamo in porta nella nostra Serie A.

Tecnica e Ruolo

Grazie ai suo 191 centimetri di altezza e i circa 82 kg di peso, mostra un fisico possente che gli permette di vincere numerosi duelli aerei sia in fase di difesa che in fase offensiva. Ma non solo fisico possente, anche agilità. In più occasioni abbiamo potuto notare come riesce a stoppare il pallone tra le linee difensive come se il pallone ed il suo corpo fossero calamitati. Le sue specialità oltre al difendere il pallone e fare possesso palla, sono quella del tiro dalla distanza, punizioni e assistman.

Carriera

Vojvodina

Il giocatore inizia nelle giovanili del Grazer AK a soli 5 anni fino al 2006 quando passò al Vojvodina. Nel 2013 passa al calcio professionistico con quest’ultima squadra realizzando 3 gol in 13 presenze. La sua prima partita da titolare arriva il 22 Febbraio 2014. La prima rete nel calcio professionistico invece, arriva il 9 Marzo 2014. Il 7 Maggio 2014 vince il suo primo trofeo: la Coppa di Serbia. Per lui 16 presenze, 4 reti ed un trofeo alla sua prima stagione nel calcio che conta.

Il Genk

Dopo solamente una stagione, il centrocampista viene acquistato per 400.000 euro dal Genk. L’esordio in Belgio arriva il 2 Agosto 2014. La prima da titolare invece arriva il 13 Dicembre. Il 18 Gennaio 2015 sigla la sua prima rete con la maglia belga. Conclude la stagione con 24 presenze e 5 reti segnate.

Leggi anche:   Passeggiata biancoceleste: le pagelle di Lazio Spezia

La Lazio

La storia la conosciamo tutti. Nel 6 Agosto 2015 venne ufficializzato dalla Lazio. Un acquisto che ha portato Claudio Lotito a sborsare 10 milioni di euro. L’esordio con la Lazio arriva il 18 Agosto nel preliminare di Champions League contro il Bayer Leverkusen ( subentrato ad Onazi). L’esordio invece in Serie A, arriva il 22 Agosto 2015 contro il Bologna. Il primo gol con la Lazio lo sigla il 17 Settembre 2015 nella trasferta di Dnipro ( Europa League ).

Grazie ai suoi rendimenti riesce a conquistare la maglia da titolare dopo solo 5 giornate di Serie A, arrivando a segnare la sua prima rete nel massimo campionato italiano in Fiorentina-Lazio, partita vinta dalla Lazio per 3 reti ad 1. Chiude il campionato senza incidere troppo con 35 presenze e 3 gol segnati.

Nel 2017 alza i ritmi e siglò la sua prima rete nei derby capitolini. Fu in occasione della semifinale di Coppa Italia vinta per 2-0. Termina la stagione con 39 presenze e 7 reti.

Il 13 agosto 2017 vince il suo primo titolo italiano. La Lazio si impose sulla Juventus per 3 reti a 2 portando a casa la Supercoppa Italiana. Un 2017 magico che gli porta anche la sua prima doppietta stagionale contro il Nizza il 19 Ottobre (1-3 in trasferta ). La prima doppietta invece in Serie A, arriva poco dopo in Lazio-Atalanta (3-3 ) del 17 Dicembre. Chiude la stagione con 48 presenze e 14 reti.

Nel 2019 conquista il suo secondo trofeo con la Lazio nello 0-2 di Coppa Italia contro l’Atalanta. Termina la stagione con 41 presenze, 7 reti ed il Premio Lega Serie A come miglior centrocampista.

Nel 2019 conquista il terzo trofeo biancoceleste, nel 3-1 di Lazio-Juventus, sfida di Supercoppa Italiana giocata a Riad.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Focus

Jessica Melena, la moglie di Ciro Immobile

Published

on

moglie ciro immobile

Ciro Immobile e Jessica Melena, una coppia che dovrebbe essere d’esempio per tutti. Un amore vero nato tra il 2011 ed il 2012 quando all’epoca era una studentessa universitaria dell’Aquila. L’incontro tra i due fu quando il numero 17 giocava al Pescara con Insigne e Verratti con Zeman.

Quanti anni ha la moglie di Ciro Immobile?

Jessica Melena è nata il 17 Luglio 1990. Suo padre era un postino mentre la madre era una cuoca. L’età della moglie di Ciro Immobile è dunque ( attualmente nel 2022 ) di 32 anni

Chi è la moglie di Ciro Immobile?

Nata il 17 Luglio 1990, Jessica Milena si incontra con Ciro Immobile in Abruzzo. Viene conosciuta al pubblico proprio grazie alla sua relazione con il calciatore della Lazio. Natia di Bucchianico ( provincia di Chieti ), si sposa con il calciatore biancoceleste e nel 2017 fa le sue prime apparizioni in tv con un docu-reality Le Capitane trasmesso su Spike Tv.

Di dove è la moglie di Ciro Immobile?

La moglie di Ciro Immobile è originaria di Bucchianico , un paesino della provincia di Chieti.

Il comune si trova a circa 330 metri di altezza dal livello del mare ed è composto da circa 4950 abitanti. Una donna dunque piena di valori tramandati dalle classiche famiglie dei piccoli comuni con lavori umili e vita da montagna.

La moglie di Ciro Immobile

Jessica Melena divenne la moglie di Ciro Immobile nel 23 maggio 2014. Dalla loro relazione nata nel 2012, sono nati 3 figli ed un quarto in arrivo: Michela nata nel 2013, Giorgia nel 2015 e Mattia nel 2019.

Cosa Fa la moglie di Ciro Immobile?

Jessica Melena, Moglie di Ciro Immobile, attualmente è un Influencer su Instagram. Viene da una famiglia umile ed il suo sogno era quello di diventare criminologa. Infatti prima di incontrare suo marito, svolgeva degli studi per poi abbandonare la sua passione per seguire Ciro con i suoi spostamenti da calciatore. Nel 2009 ha partecipato a diversi concorsi di bellezza dove nel 2009, a soli 19 anni, venne incoronata con la fascia di reginetta di Miss Mediterraneo presso Lido Luigi Roseto mentre nel 2011 divenne invece Miss Peugeot.

Attualmente svolge il ruolo della mamma a tempo pieno ma, grazie all’avvento dei social, riese a sponsorizzare alcuni prodotti tramite i social e la sua professione da Influencer.

Leggi anche:   Lazio-Spezia: le formazioni ufficiali! Immobile dal primo minuto!

Nel 2017 partecipò al docu-reality Le Capitane facendo la sua prima apparizione in tv.

Una donna sempre con il sorriso che ha fatto sorridere anche il popolo biancoceleste. Sono infatti molte le storie che pubblicava dal suo profilo Instagram con Ciro Immobile attaccato alla Playstation. Il capitano biancoceleste sempre preso con i videogames veniva sempre ripreso dall’obbiettivo di Jessica con degli scherzi per fargli distogliere lo sguardo dallo schermo.

Ma anche come dichiarato dalla stessa Jessica, i due avevano o hanno un profilo social insieme. Come ha dichiarato la giovane donna, entrambi sono molto gelosi e per questo fanno tutto insieme, dai social alle cose quotidiane.

Il Quarto figlio in arrivo

Presto Ciro Immobile e Jessica Melena diventeranno genitori per la quarta volta. La moglie di Ciro è intervenuta anche ai microfoni di gossip raccontando che per ora si fermeranno al quarto figlio, il secondo maschietto dopo le due femminucce, ma che nella vita tutto può succedere. Il nome del quarto figlio è ancora un mistero, dopo Michela, Giorgia e Mattia, Jessica svela come è stato scelto, anche se ancora non vuole dirlo, il nome del quarto figlio di Ciro Immobile:

É stato un gioco divertente. Ognuno di noi, adulti e bambini, ha scritto in un bigliettino il nome che preferiva e poi abbiamo fatto pescare a Mattia. Ma ve lo diremo quanto nascerà.  Niente nomi strani però”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.