Connect with us

News

Murgia si confessa: “Il mio idolo? Cerco di ispirarmi a Biglia”

Published

on

alessandro.murgia.lazio.primavera.facebook.2014.2015.538x358
Dopo essere stato uno dei protagonisti della primavera di Inzaghi, ora Alessandro Murgia, classe ’96, vuole dimostrare di che pasta è fatto anche in prima squadra. A Pioli sembra piacere molto e un suo impiego dal primo minuto nell’amichevole di domani non è escluso. Il mediano laziale ha dei piedi fatati, una grande visione di gioco e un grande senso d’inserimento, ma Murgia non ha fretta di crescere e rimane con i piedi per terra. Della sua esperienza e di molto altro ancora ha parlato ai microfoni di Lazio Style Channel. Ecco le sue dichiarazioni:

Sei appena tornato dal bagno nel lago di Misurina…

“Il lago era molto freddo, ma dopo l”allenamento fa bene, si recupera in fretta”.

Per te questa è una bellissima esperienza…

“Certo, io sto cercando di sfruttarla la massimo. La prendo con filosofia e sto tranquillo, il mister è una grande persona, mi sto impegnando e voglio viverla fino all’ultimo giorno”.

Ci sono delle analogie tra Inzaghi e Pioli?

“Pioli mi parla molto, mi stimola a far meglio, a farmi vedere, a giocare a due tocchi perchè l’intensità è diversa rispetto alla Primavera. Radu, Braafheid e Gentiletti mi danno una grossa mano. Sto tranquillo, gioco come so giocare e voglio migliorarmi”.

Murgia assomiglia a qualcuno dei calciatori presenti in rosa?

“Abbiamo tanti giocatori, sono tutti fenomeni. Mi ispiro a Biglia, mi piace giocare davanti la difesa, è un grande campione e cercherò di rubare il più possibile con gli occhi”.

Sei in stanza con Palombi?
“Si, sono con lui. Oggi aveva problemino, si è fermato. Ci conosciamo bene, per noi è una grande opportunità”.

Cataldi?

“E’ un onore essere paragonato a lui, l’ho ringraziato. Sono molto contento, ha grandi margini di miglioramento. Lo stiamo aspettando e sono sicuro che anche lui può insegnarmi tantissimo”.

La Lazio punta sui giovani. E’ importante per voi..

“Ci stimola molto questo fattore, è una grande occasione. Sarà il mister a decidere, ma già allenarsi con campioni del mondo è una cosa irripetibile”.

Le amichevoli sono una chance per mettersi in mostra agli occhi di Pioli…

“Io sto dando tutto, poi se il mister mi darà la possibilità di scendere in campo darò il mio meglio. Il mister è una gran persona, i compagni anche mi stanno vicino, sono tranquillo e gioco come so”.

Qual è stata la tua partita più bella?

“Forse il derby di andata a Formello quando segnai di testa su assist di Cataldi. Ce ne sono tante di partite che ha giocato bene, ma sempre grazie alla squadra, siamo un bel gruppo e ci aiutiamo molto”.

Il rapporto con i tifosi?

“Non posso negarti che vedersi chiedere foto o autografi mi fa ancora strano. Ma allenarsi e sentire la voce dei tifosi ti dà una carica immensa, tutto quello che abbiamo fatto è merito loro”.

C’è già l’adrenalina per la finale di Supercoppa e il preliminare di Champions?

“Tra meno di un mese c’è un appuntamento molto importante, lavoriamo ogni giorno per arrivarci preparati. Se si lavora sorridendo e con serietà si ottengono molti risultati e questo gruppo può ottenerli facilmente”.

Come impieghi il tempo libero?

“Guerrieri ha portato la Playstation, ogni tanto giochiamo. Passo molto tempo in compagnia, ma soprattutto riposo tanto perché gli allenamenti sono molto duri”.



Resta Aggiornato con il nostro Canale WhatsApp! Ricordiamo che il canale è protetto da Privacy ed il tuo numero non è visibile a nessuno!Iscriviti Subito cliccando qui sul canale di Since1900

Continua la Lettura
Advertisement