Connect with us

Intervista

Mendicino: “Alla Lazio fuori rosa per incomprensioni”

Published

on

Ormai Ettore Mendicino non è più un giocatore della Lazio, forse poteva essere una freccia da scoccare nell’arco biancoceleste al giorno di oggi, ma diverse vicissitudini hanno portato il classe ’90 a giocare altrove. Ora si trova ad Arezzo, ma è di proprietà della Robur Siena, l’anno scorso era alla Salernitana di Lotito e quasi è scappato pur di vivere in un ambiente più congeniale a lui.

Ai microfoni di TuttoMercatoWeb ha rilasciato interessanti dichiarazioni, in più ha voluto togliersi una soddisfazione extracalcistica spiegando per bene i motivi. “Il calcio è il nostro mondo, ma in questa intervista vorrei partire dicendo che, lunedì scorso, mi sono laureato in Scienze della Comunicazione e Media. Sono classe 1990 e, a 22 anni, ai tempi della Lazio, dopo 3 anni di serie B, rimasi fuori rosa, al di fuori della mia volontà, per delle incomprensioni. Perché ho deciso di tornare a studiare? Volevo fare esperienze diverse dal mondo dello sport e del calcio. Avevo bisogno di sentirmi vivo, dato che a quei tempi non avevo obiettivi calcistici. Essermi laureato mi riempie di orgoglio, perché, ogni giorno che passa, mi accorgo sempre di più che, ad oggi, in Italia, il calcio non se la passa affatto bene: carenza di strutture, mala organizzazione, progetti senza futuro. Avevo bisogno di avere un progetto tutto mio, al di fuori del mondo del calcio. Nonostante l’impegno negli studi, in questi anni sono, comunque, riuscito a togliermi delle belle soddisfazioni nel calcio, come la vittoria della coppa Italia e del campionato a Salerno, fronteggiando tantissimi problemi di natura fisica, che spesso hanno influito sul mio rendimento. Perché sono andato via dalla Salernitana? Non voglio più affrontare l’argomento: la scorsa estate si è detto tutto e non ho altro da aggiungere su ciò che mi ha impedito di restare. Quest’anno, poche soddisfazioni. Ho scelto Siena, la scorsa estate, perché c’era un progetto che aveva tutta l’aria di essere molto importante ma, purtroppo, cause di forza maggiori hanno impedito che le cose andassero come inizialmente si sperava e pensava. Se i primi mesi sono stati positivi, a novembre c’è stata un’involuzione, che ci ha fatto perdere terreno dalla testa della classifica. Poi nell’ultimo giorno di mercato ho deciso di venire ad Arezzo, spinto da grandi motivazioni. Ho trovato un bellissimo gruppo e un ambiente affiatato ma, purtroppo, l’inizio non è stato agevole, a causa di alcuni problemi fisici. Dopo un primo mese un po’ così, ho ripreso a giocare ma, devo ammettere, che fino ad ora non sono riuscito a rendere sui miei livelli. Chi mi conosce sa che non sono un attaccante da tantissimi gol, ma un giocatore a cui piace molto prendere parte all’azione, senza aspettare l’assist in area di rigore. Ora ci teniamo a concludere in bellezza e blindare la salvezza: proverò fino alla fine a dare il mio contributo alla squadra. Tornerò al Siena, ho ancora un anno di contratto e spero di riuscire a ritrovare un ambiente sereno, per poter provare a togliermi qualche soddisfazione. Penso di essere un giocatore che può dare ancora molto e raggiungere traguardi importanti. Mi auguro di trovare la giusta continuità e un ambiente tecnico che mi aiuti ad esprimere al massimo le mie potenzialità”

Leggi anche:   Romagnoli: " Ho tenuto la maglia, è la più importante che ho "

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Intervista

Lazio-Spezia | Zaccagni:” Ora serve continuità”

Published

on

Lazio spezia zaccagni

Al termine di Lazio-Spezia, Mattia Zaccagni, autore del primo gol biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel

“Siamo partiti molto bene come ci aveva chiesto il mister. Abbiamo disputato una grande partita dando tutto, considerando anche la sosta. Dobbiamo avere sempre questa cattiveria e determinazione. Adesso abbiamo bisogno di trovare la continuità. Il fatto che sigli più gol in casa può dipendere dall’affetto dei tifosi che sono sempre vicini e straordinari.

Giovedì avremo una partita importante, dovremo riscattare l’ultima sconfitta. Andremo lì per conquistare la vittoria.

Mi piace molto la mia posizione, spesso sono in mezzo al campo. Inoltre, mi piace giocare tra le linee e sto crescendo sulla profondità. In settimana provo vari movimenti come quelli che hanno dato vita al primo gol”.

Leggi anche:   Salernitana-Lazio 1-1: la primavera lascia 2 punti nel finale
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Intervista

Romagnoli: ” Ho tenuto la maglia, è la più importante che ho “

Published

on

romagnoli lazio spezia

Alessio Romagnoli festeggia la vittoria e la prima rete con la maglia biancoceleste in Lazio-Spezia.

Al termine della gara, il difensore biancoceleste è intervenuto ai microfoni di Sky Sport.

 “È stato bello. Era ora che segnassi perchè avevo avuto diverse occasioni. Siamo stati bravi, una buonissima partita che oggi non era facile. La maglia del primo tempo l’ho tenuta, la seconda l’ho regalata ai tifosi. Difesa? I miglioramenti non sono solo grazia a me, ma grazie a tutti. Siamo una squadra, giochiamo come tale e difendiamo come tale. Lavoriamo su questo e su tante cose che si possono migliorare. Scudetto? Io credo che sia ancora presto per parlare di quelle posizioni, dobbiamo fare il nostro e cercare di arrivare tra le prime quattro”.

Parole rilasciate anche ai microfoni di Dazn.

Ho tenuto la maglia, è la più importante che ho. L’ho cambiata a fine primo tempo. L’importante è che entrava la palla, non che il gol fosse bello o brutto. Abbiamo fatto una grande prova e ora ce la godiamo. Noi lavoriamo ogni giorno, io sono appena arrivato ma i miglioramenti del gruppo si vedono. Dobbiamo conquistare la qualificazione in Europa e non sarà facile. Mi piace fare gol ma ne faccio pochi, ne devo fare di più, mi dovrò impegnare. Maestrelli è stato un grande mister e una grande persona, è giusto dedicargli la Curva”.

Leggi anche:   Lazio-Spezia: ecco quanti tifosi tingeranno l'Olimpico di Biancoceleste!
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Intervista

Lazio-Spezia parla Lazzari: ” Dobbiamo arrivare più in alto possibile…”

Published

on

lazzari lazio spezia

Manuel Lazzari ritrova il campo da titolare dopo l’infortunio. L’esterno biancoceleste è intervenuto nel pre partita di Sky in vista di Lazio-Spezia.

“Mi è mancato moltissimo il campo, per noi calciatori è un qualcosa di magico. Mi sono fermato solo poche partite, oggi rientro e spero di aiutare la squadra.

Le gare dopo la sosta della nazionali sono sempre un punto interrogativo, però siamo reduci dalla grande prestazione contro la Cremonese e proveremo a dare continuità.

Oggi inizia il tour de force fino alla sosta del Mondiale alla quale dobbiamo arrivare più in alto possibile in classifica. Bisogna preparare ogni partita nello stesso modo e con la stessa determinazione, sia in campionato che in Europa League. Vogliamo partire già da oggi con il piede giusto”.

Leggi anche:   Salernitana-Lazio 1-1: la primavera lascia 2 punti nel finale
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.