Connect with us

News

Lotito presenta l’Academy Bob Lovati :” La storia non va dimenticata “

Published

on

lovati
 Investire sui giovani: questo è l’imperativo della LAZIO. Una strada intrapresa diversi anni fa e che ora sta iniziando a dare i propri frutti. E adesso la dirigenza biancoceleste non vuole fermarsi per cullarsi sugli allori, ma anzi ha l’intenzione di potenziare ulteriormente un settore che sta diventando un fiore all’occhiello del calcio italiano. Sono queste le motivazioni che hanno spinto alla creazione della nuova Academy, una struttura nella quale si riunirà l’intera attività del settore giovanile al centro sportivo di Formello, dove si allenano la prima squadra e la Primavera e nella quale si seguirà anche l’istruzione delle giovani aquile. Sarà presente anche un albergo foresteria per ospitare sino a 35 ragazzi, un centro medico di proprietà per le analisi, gli esami clinici, monitorando la crescita e la condizione fisica di ogni tesserato. Un progetto in pieno stile Ajax e Barcellona che è stata presentata a Formello – alle ore 16 – dal presidente Claudio LOTITO, il quale ha svelato anche il nome : Roberto Lovati 

Ecco il suo intervento : Roberto Lovati è il nome della struttura, avrei preferito Bob ma all’anagrafe non esisteva (ride ndr). Vorrei parlare di cos’è? L’Academy è un college, vivranno alcuni ragazzi, i giovani fuori sede potranno studiare e vivere qui, ci sarà tutto. Faremo 6 campi di calcio dedicati solo ai giovani, palestra, foresteria con aria studio e aula per lezioni scolastiche. Ci sarà una clinica e servizi per i genitori. Vogliamo avvicinare la gente, renderli partecipi del progetto Lazio; vogliamo educare i giovani e forgiarne il carattere  con i valori della Lazio. La valorizzazione del merito e la legalità: questo spero che scelga la gente. Vogliamo che questi valori vengano tramandati nel futuro: al centro ci sarà la persona. Deve essere un calcio che deve coinvolgere le persone e educarli a questi valori. Nel progetto abbiamo anche recuperato una cisterna romana per coniugare la cultura con lo sport. Vogliamo stare dalla parte dei valori dello sport. Abbiamo fatto si che chi ha fatto il progetto sia laziale. I ragazzi devono sentire l’orgoglio di essere della  Lazio. Noi vogliamo creare una grande famiglia, le persone devono sentire l’orgoglio dell’apparenza. È la prima volta che accade in Italia. Sarà diretta da un olandese, da colui che ha costruito e creato l’Academy dell’Ajax. I ragazzi devono essre campioni nella vita esterna e in campo. In futuro i prossimo passo sarà lo stadio.Il nostro motto è non mollare mai e vogliamo che tutti partecipiate a questo progetto che ci permetterà di rimanere presente nei secoli. Venerdì sono andato a una cerimonia per ricordare la memoria di Giovanni Falcone. Mi è rimasta impresso un frase: “Le persone che abbassano lo sguardo, ogni volta che lo fanno muioiono, mentre coloro che procedono a testa alta muoiono una sola volta”. Noi vogliamo vivere, non sopravvivere. Vogliamo creare una grande famiglia. Questo sarà il progetto che ci permetterà di rimanere presente nei secoli. Vorrei ricordare il 26 maggio. Quest’anno non siamo soddisfatti ma siamo certo che faremo bene con la determinazione e con il gruppo. Ora abbiamo ancora la possibilità di vincere con al Primavera, spero che vinca, che si chiuda bene questa stagione difficile. In me non alberga solo i rigore gestionale ma anche una grande passione. Io sono il custode dei valori Lazio e voglio che rimangano indelebili nel cuore di ognuno di noi per essere orgoglio di tutti coloro che si chiamano Laziali. Abbiamo iniziato un percorso di crescita, spero di chiuderlo con la costruzione dello stadio, questa è la mia mission. L’unica cosa che mi rimprovero è non essere entrato nel cuore dei tifosi. Io sono molto legata a questi colori, loro mi danno la spinta per andare avanti, Spero che i tifosi capiscano che i miei sono sentimenti autentici. Aiutatemi ad essere mago dei sentimenti, grazie a questo faremo le cose per bene. Oggi siamo divisi, non dobbiamo esserlo, l’unione fa la forza. Insieme possiamo raggiungere tanti traguardi. Siamo una società temuta, abbiamo realizzato tutto quello che ci eravamo detti; radio, tv, negozi e faremo per la prima volta l’academy. Ma manca l’affetto, la voglia di stare insieme. In una famiglia il padre assume atteggiamenti forti e duri, ma è il suo compito. Vogliamo l’affetto di tutti i tifosi, sono pronto ad accettare critiche costruttive, già l’ho fatto in passato e lo continuerò a fare. È un percorso di pace non di guerra. Dobbiamo abbattere i rivali ma non possiamo farlo senza i tifosi Si vince tutti insieme. Vorrei che si ripartisse con una logica del dialogo, com una grande famiglia. Dimostriamo di essere un gruppo compatto portatore di autentici valori. Lo dico pensando anche a Fiorini che con quel gol ci sta permettendo oggi di festeggiare. Siamo l’unica televisione che ha una gestione propria. A settembre faremo anche una scuola di giornalismo sportivo. Siamo dinamici, non statici, ma sembra che manchi qualcosa. Manca quel sentimento affettivo passionale che darebbe dei punti di riferimento certi a tutti,oggi siamo disorientati. Noi vogliamo creare nuovi valori, la Lazio è una filosofia di vita. Grazie a tutti, sono contento che tutti voi siate vanti qui e che c’è ganze ce ci lavora dando i massimo per ottenere i massimo. Io non ci sono riuscito…  Ora spero che partiamo tutti insieme, proseguiamo in una strada di crescita che ci regalerà momenti importanti”

Leggi anche:   Lazio: ecco la lista dei giocatori depositati, Acerbi e Akpa In
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Conferenza Stampa SS.Lazio

Lazio – Bologna, le parole di Sarri in conferenza stampa

Published

on

sarri acerbi

La Lazio porta a casa i primi tre punti della stagione con una vittoria di misura contro il Bologna. Di seguito le dichiarazioni rilasciate da Maurizio Sarri nella conferenza stampa post-partita:

“La partita è stata difficile, sembrava una di quelle gare dove ogni episodio ti va contro. La mia preoccupazione era giocare tutta la partita con questo clima. Sono soddisfatto di come la squadra ha tenuto a livello fisico, ma anche dell’aspetto tattico e caratteriale. Siamo riusciti a ribaltare la gara al primo momento utile. 

Ho protestato per tutta la partita ed anche giustamente. Non entro nel merito degli episodi ma la conduzione della gara non mi è piaciuta. 

Prima pagina Gazzetta? Basta non leggere i giornali, io non me ne ero accorto. 

Gli ingressi sono stati tutti di alto livello. Provedel è entrato benissimo, Luis Alberto si è messo in un ruolo che non è suo e si è messo davanti la difesa e lo ha fatto molto bene. Hysaj l’ho visto in grande crescita, Vecino bene ma so che può fare ancora di più. Cancellieri mi ha sorpreso davvero tanto. 

Cancellieri sta facendo un percorso per fare anche un altro ruolo, ora non possiamo chiedergli tutto e subito. Se entra come oggi può fare benissimo l’attaccante centrale. A livello di movimenti ha un ottimo attacco della profondità innato. Vediamo e poi decidiamo se farà l’esterno o il centravanti. 

Lo scorso anno nella classifica dei ribaltamenti del risultato siamo stati una delle squadre migliori. Poi un carattere come quello di oggi l’ho visto raramente. Ora vediamo sulla continuità se siamo leoni oggi e domani torniamo gatti. 

Romagnoli ha chiuso la gara con un po’ di affaticamento ed era normale. A me piace perché è intelligente, ha delle letture importanti e questo sopperisce ad una piccola mancanza di velocità. Per me diventerà un punto di riferimento di questa difesa. 

È inutile parlare con Maximiano in questo momento, appena siamo entrati nello spogliatoio ha chiesto scusa a tutti. È un errore e ci può stare, dobbiamo accettarlo. Le scelte future non si baseranno su un singolo errore”. 

Leggi anche:   Lazio-Bologna | Manuel Lazzari: "Campionato particolare...."
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Lazio-Bologna | Ciro Immobile: ” Gol che pesava tantissimo…”

Published

on

lazio bologna immobile

Ciro Immobile sigla il gol della vittoria al 78esimo minuto di gioco e regala i primi 3 punti in Lazio-Bologna. Il capitano biancoceleste è intervenuto ai microfoni di Sky:

“Un gol che pesava tantissimo, meritavamo la vittoria, oggi non tanto per il gioco espresso ma per le difficoltà che abbiamo incontrato durante la partita e per le situazioni che si sono create. Questa squadra ha dimostrato grande carattere, quello che ci mancava per fare il salto di qualità e che ci ha sempre chiesto il mister. La gente meritava questo tipo di partita: lottare e avere fame di vittoria. Questo gol è per tutto il popolo laziale”.

Gli Obiettivi  “Crescere e migliorare. L’anno scorso siamo arrivati quinti nonostante le problematiche del cambio modulo. Quest’anno alibi zero, sono arrivati tanti giocatori, tutti forti che credono nel progetto. Li abbiamo fatti sentire a casa come sempre. Ci sono ottime potenzialità, manca solo il salto di qualità di cui parlavo prima”.

Capitano  “Faccio il mio lavoro dentro e fuori dal campo, poi ovvio che ognuno vuole giocatori forti e se qualcuno mi chiede qualcosa dico la mia, ma non voglio intromettermi in cose che ancora non fanno parte del mio ruolo, anche se non so cosa farò quando smetterò. Ci tenevo anche a fare il video per gli abbonamenti, abbiamo bisogno di questo, che la gente ci accompagni in casa e in trasferta”.

Leggi anche:   Lazio-Bologna | Manuel Lazzari: "Campionato particolare...."
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Lazio-Bologna 2-1: una rimonta da urlo! Male Maximiano

Published

on

lazio bologna

Dura solamente 6 minuti la partita di Luis Maximiano che prende un rosso diretto per aver preso la palla con le mani fuori dall’area di rigore. Non ricordiamo una partita della Lazio dove debuttano i due portieri. Un ingenuità che lascia la compagine biancoceleste in 10 uomini per tutta la partita. Ma la differenza in campo con l’uomo in meno non si vede e la Lazio riesce a rendersi pericolosa con Ciro Immobile. AL 38esimo di gioco Mattia Zaccagni regala un rigore che porta in vantaggio il Bologna con Arnautovic.

Allo scadere del primo tempo cessa l’inferiorità numerica con l’ennesimo fallo di Soumaoro  che gli costa il doppio giallo.

Nel secondo tempo la Lazio stringe i denti e riprende il controllo del match. Bene Provedel in qualche occasione che salva il risultato ma soprattutto da notare un super Manuel Lazzari che provoca l’autogol di De Silvestri dopo una galoppata. Tutto il Bologna è in balia del terzino biancoceleste. Ci pensa poi Ciro Immobile al 79esimo e siglare il gol che vale i 3 punti.

LAZIO-BOLOGNA 2-1

Marcatore: 38′ rig. Arnautovic (B), 68′ aut. De Silvestri (L), 79′ Immobile (L)

LAZIO (4-3-3) – Maximiano; Lazzari (83′ Hysaj), Patric, Romagnoli, Marusic; Milinkovic (83′ Vecino), Cataldi (65′ Luis Alberto), Basic (8′ Provedel); Felipe Anderson (83′ Cancellieri), Immobile, Zaccagni. 

A disp.: Adamonis, Gila, Radu, Kamenovic, Marcos Antonio, Bertini, Romero, Moro. 

All.: Maurizio Sarri

BOLOGNA (3-5-2) – Skorupski; Soumaoro, Medel, Lykogiannis (64′ Kasius); De Silvestri, Dominguez (74′ Barrow), Schouten, Soriano (64′ Aebischer), Cambiaso (86′ Vignato); Sansone (46′ Bonifazi), Arnautovic.

A disp.: Bardi, Bagnolini, Angeli, Orsolini, Raimondo, Motolese, Amey, Urbanski, Mbaye.

All.: Sinisa Mihajlovic

Arbitro: Luca Massimi (sez. Termoli)

Assistenti: De Meo – Scarpa

IV uomo: Pezzuto 

V.A.R.: Ghersini 

A.V.A.R.: Lo Cicero 

NOTE. Ammoniti: 23′ Sansone (B), 38′ Arnautovic (B), 40′ Soumaoro (B), 53′ Cambiaso (B), 58′ Sarri (L). 71′ Lazzari (L), 86′ Aebischer (B), 90′ Immobile (L)

Espulsi: 6′ Luis Maximiano (L), 45’+4′ Soumaro (B)

Recupero: 5′ pt, 6′ st

Serie A TIM | 1ª giornata

Domenica 14 agosto 2022, ore 18:30

Stadio Olimpico, Roma

Leggi anche:   Lazio-Bologna, Sarri in conferenza stampa: " Se la Roma arrivasse seconda sarei molto deluso"
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design