Connect with us

Altre Squadre

Livorno fuori dal calcio professionistico, retrocessione in Serie D

Published

on

Dopo 38 anni e oltre 106 anni di storia arriva una storica retrocessione in Serie D per il Livorno di Spinelli. Ultimo posto e retrocessione matematica che li condanna al calcio dilettantistico abbandonando il panorama professionistico.

L’ultima apparizione, prima del declino in Serie A risale al 2014, da quel momento arriva il declino con retrocessioni ulteriori e penalizzazioni fino ad arrivare alla certezza matematica della retrocessione in Serie D.

Un declino che molti tifosi toscani definiscono “programmata” attribuendo la colpa al presidente e ai componenti societari. Ci sarà nei prossimi giorni una manifestazione di protesta sotto al comune livornese ed ad annunciarlo è la Curva Nord “Fabio Bettinetti:

Livorno in serie D, curva Nord: “Retrocessione voluta da Spinelli”
„”Nonostante l’annata sciagurata e culminata in un’assurda e dolorosa retrocessione – si legge nel comunicato dei supporter -, la famiglia Spinelli continua a rimpallare le proprie responsabilità verso altri. Noi pensiamo che questa stagione disastrata sia stata indubbiamente la peggiore di sempre per il Livorno Calcio, anche più di quelle dei passati fallimenti societari. Una stagione che vogliamo ricordare caratterizzata da una continua agonia, dove la colpevole regia della famiglia Spinelli ha permesso, scegliendo e affidando la società a una banda di dirigenti incompetenti e avventurieri, di intraprendere un campionato assurdo contraddistinto da un via vai continuo di giocatori e dirigenti culminato con delle penalizzazioni che alla fine sono state determinanti per la retrocessione”.“

Livorno in serie D, curva Nord: “Retrocessione voluta da Spinelli”

“Il tutto – continua il comunicato – è stato messo in atto e pianificato in un anno dove la pandemia ha reso praticamente difficile qualsiasi tipo di protesta da parte della tifoseria. Noi vogliamo ripartire però proprio dalla tifoseria, al di là della categoria che per noi non fa differenza, una tifoseria che deve tornare ad essere compatta contro questo scempio e contro questi loschi personaggi che, ribadiamo, devono sparire subito dalla nostra città. Ripartiamo tutti uniti dai campi di provincia come abbiamo già fatto in passato, ripartiamo con la grande passione che ci ha sempre contraddistinto e fatto riconoscere in ogni situazione. Ritroviamoci venerdì 7 maggio davanti al Comune alle 18 tutti insieme per far vedere a questi manigoldi incompetenti che noi ci saremo anche dal basso della serie D, ma ancora più attaccati alla nostra maglia… ma senza di loro. Via tutti da Livorno”.“

Leggi anche:   Abbonamenti Lazio: il dato ufficiale dopo la chiusura

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Altre Squadre

Tifosi della Roma disturbano il sonno del Bodo: ” Suonate i clacson se passate….”

Published

on

roma fair play finanziario

Un’iniziativa insolita quella dei tifosi della Roma con tanto di volantini e post sui social in vista di Roma-Bodo. Un match che vale l’accesso alla semifinale della Conference League con i giallorossi che dovranno vincere con due gol di scarto.

La tensione per questa nuova competizione che equivale alla sottocategoria dell’Europa League, una sorta di Serie C europea, sta salendo ora dopo ora con i due club che si colpiscono a suon di comunicati ufficiali per una discussione tra i tesserati nella gara di andata.

Tornando all’iniziativa dei tifosi giallorossi, è stato diramato il nome e la via dell’Albergo dove alloggiano i Norvegesi. Nella notte è stata messa a disposizione anche una pattuglia della polizia per monitorare la situazione. Un appello nato anche sui social: “Se per caso qualcuno passasse da quelle parti, dalle 23 alle 5, e volesse testare se il clacson funziona…”. Un escamotage, secondo loro, per far perdere il sonno agli avversari ed infastidire il loro soggiorno nella Capitale

Leggi anche:   Biglietti Sturm Graz-Lazio: info e costi
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Altre Squadre

Roma-Bodo, Mourinho lancia un appello: ” Voglio arbitri all’altezza “

Published

on

Al termine di Bodo-Roma, gara valida per l’andata dei quarti di finali di Conference League, Josè Mourinho lancia un appello nelle sue dichiarazioni post gara. La Roma esce sconfitta per 2-1 in Norvegia dove i padroni di casa rimontano dallo 0-1 con una somma totale di 10 gol rifilati ai giallorossi in tutta la competizione.

Il tecnico portoghese spera nel ritorno e dichiara che la Roma è favorita all’accesso alle semifinali con un appello ai direttori di gara:

 “Affronteremo il secondo round davanti alla nostra gente. Non ho problemi a dire che mi sento favorito nella partita di ritorno per qualificarsi alle semifinali, ho piena fiducia nei calciatori, nello stadio che sarà pieno dei nostri tifosi. Ovviamente giocheremo contro una squadra difficile da affrontare, spero di avere un buon arbitro con bravi assistenti: nella partita giocata all’Olimpico nel girone c’erano due rigori nettissimi per noi che l’arbitro non ha visto, e anche stavolta sono stati fischiati due fuorigioco che non c’erano“

Leggi anche:   Abbonamenti Lazio: il dato ufficiale dopo la chiusura
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Altre Squadre

Eriksen atteso in Italia: si valuta la rimozione del defibrillatore

Published

on

Christian Eriksen potrebbe tornare calpestare i campi della Serie A e dopo un mese e mezzo dal suo arresto cardiaco ad Euro2020 con la maglia della Danimarca, il giocatore sta per tornare ad Appiano Gentile. Fra circa una settimana tornerà per salutare i suoi compagni di squadra ma verrà anche per effettuare esami specialistici con lo staff interista e professionisti.

Il motivo dei controlli, oltre a quelli di valutare la sua condizione fisica che, in ogni occasione sarà recuperato in 6 mesi, è quella di valutare la rimozione del defibrillatore cardiaco impiantato d’urgenza dopo il suo arresto cardiaco in campo con la sua nazionale. Una valutazione che in caso avesse l’ok dei medici, porterebbe il giocatore a rivestire la maglia dell’Inter. In caso contrario invece, le regole italiane delle massime competizioni gli sarà vietato giocare a livello agonistico valutando così un trasferimento a qualche campionato estero dove è consentito giocare con quell’impianto.

Leggi anche:   Immobile, Mancini conferma in conferenza stampa: "Ha voluto provarci, ma non poteva rischiare..."
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.