Lazio: chi ben comincia…

L’esordio in campionato non è stato dei migliori, non è stato ciò che i sostenitori biancocelesti si aspettavano e speravano; il gruppo di mister Inzaghi ha comunque tenuto in mano il pallino del gioco contro una modesta SPAL, senza però trovare quel pizzico di cattiveria e cinismo in più che ci avrebbe certamente fatto portare i 3 punti a casa.

“Chi ben comincia è a metà dell’opera”; non si potrebbe dire questo della Lazio, dopo un pareggio interno contro una neopromossa, ma andiamo ad analizzare nel dettaglio, gli esordi in campionato delle ultime cinque stagioni.

2013/14 Lazio-Udinese 2-1: i biancocelesti reduci dalla brutta sconfitta in Supercoppa contro la Juventus (0-4), superano l’Udinese con gol di Hernanes e di Candreva su rigore. Fu la stagione dell’avvicendamento in panchina fra Petkovic e Reja, e di un misero nono posto finale.

2014/15 Milan-Lazio 3-1: brutto falso passo per gli uomini del nuovo mister, Stefano Pioli, con la Lazio che cade al “Meazza” in una sera d’agosto. Nove mesi dopo, inaspettatamente la Lazio si trovò al terzo posto ad un solo punto dall’altra, più quotata, società capitolina.

2015/16 Lazio-Bologna 2-1: inizia bene in campionato la Lazio, che dopo la sconfitta in Supercoppa, a Pechino, ancora contro la Juventus (0-2), vince con gol di Biglia e Kishna contro l’ex squadra di mister Pioli; allenatore che verrà poi sollevato dall’incarico, al suo posto arriva Simone Inzaghi. Piazzamento finale: ottavo posto.

2016/17 Atalanta-Bologna 3-4: Bielsa nuovo allenatore, anzi no, è ancora Inzaghi il tecnico dei biancocelesti, una rocambolesca gara allo stadio “Atleti azzurri d’Italia” si conclude con un successo grazie alla doppietta di Immobile ed ai gol di Hoedt e Lombardi. Quinto posto a fine stagione e qualificazione in Europa League.

2017/18 Lazio-Spal 0-0: forse la sbornia post-successo in Supercoppa ha giocato un brutto scherzo alla Lazio, che vede il bicchiere mezzo vuoto alla fine di un match che si conclude a reti bianche.

Il resoconto finale dimostra che non sempre iniziare bene significa finire altrettanto bene. Anzi, l’unica occasione nella quale la Lazio ha perso al debutto nel lustro tenuto in considerazione, coincide con l’unico piazzamento sul podio dei capitolini. Un podio che da questa stagione aggiunge una piazza in più per la qualificazione alla Champions League, per lo più senza passare dai play-off. Una ragione in più per vedere, dopo il pareggio contro la Spal, il bicchiere dalla parte piena.