La rivincita di Caicedo

Chi si ricorda più il goal sbagliato contro il Crotone? Adesso quando pensiamo a Felipe Caicedo detto Panterone in mente viene il goal al Derby e adesso il goal contro il Sassuolo al 91’. Un goal importante, forse decisivo per questa lotta alla Champions. Non perché sancisca la qualificazione della Lazio ma perché infilare la quinta vittoria consecutiva da fiducia al gruppo, perché questi 5 successi sono arrivati contro squadre di un certo livello, ad esclusione del Lecce che però due settimane prima aveva fermato la Juve.

Leggi anche:   Milinkovic-Savic: " Non è il momento per fermarci"

Insomma questa è una vittoria che vale di più dei 3 punti che ha portato in classifica. Perché permette alla Lazio di allungare su Milan, Napoli, Atalanta e Torino e permette alla squadra di Inzaghi di tenere il terzo posto. Una partita che lo scorso anno la Lazio avrebbe pareggiato, questo è un segnale importante. E’ un segnale importante vedere Caicedo segnare un goal così importante. Poco dopo un rigore clamoroso non datogli. Caicedo che era a rischio, si era fatto male giovedì, ma ha recuperato ed è sceso in campo. 

Leggi anche:   Serie A Tim: Skriniar tifa Lazio questa sera

Il segnale che anche “le riserve” danno tutto. Caicedo non si sente una riserva e lo dimostra quando entra. Del resto Inzaghi lo ha detto ha fortemente voluto che Felipe restasse e Caicedo lo ripaga in campo. Lo scorso anno, importantissimo il goal nel derby e tante altre reti nella seconda parte della stagione. Quest’anno Caicedo ha messo a segno 2 reti ma questa contro il Sassuolo potrebbe essere la svolta della stagione. Grande qualità a proteggere il pallone e farlo scorrere e poi trafiggere Consigli con precisione quando ormai le speranze sembravano andate. Il Panterone ha dato la zampata decisiva in una partita che sembrava destinata al pareggio nonostante la Lazio avrebbe meritato i tre punti. Non giocherà titolare perché difficile togliere Correa e Immobile, ma Inzaghi sa che ha in panchina il Panterone pronto ad entrare e chiudere la partita. 

Leggi anche:   Capello elogia la Lazio: "Da Scudetto"