Connect with us

News

La lettera di Diabolik

Published

on

Fabrizio-Piscitelli-Diabolik
Finalmente ho avuto modo di risentire la mia Voce della Nord, format editoriale prima e anche radiofonico poi, creato da me e portato avanti negli anni con validi collaboratori tutti provenienti dalla Curva Nord. Il format nacque come contenitore in cui la Lazio e il calcio in generale non era, non è e non sarà mai l’argomento principale. Anzi, tutt’altro. Detto questo ciao a tutti, sono Fabrizio Diabolik, e inanzitutto voglio ringraziare coloro i quali sono venuti al Gianicolo dando il via ad una sonora ‘battitura’ avvenuta qui a Regina Coeli. Anche se non posso sentire e vedere che poche persone, sono sicuro che tutto il carcere vi ringrazia per richiamare quell’attenzione che nemmeno l’ultimo grave scandalo è riuscito a destare in tutti gli italiani. A coloro i quali sono soliti giudicare e condannare ogni persona che per un motivo o per un altro cade nelle maglie della magistratura, ricordo e tendo a sottolineare che non sto qui a piangere per me, nonostante viva in gabbia tutto il giorno, bombardato di terapie per tenermi buono e calmo, così pensano loro. Sono abituato a soffrire, cari benpensanti, e a soffrire con la dignità che mi contraddistingue. A prescindere dai fatti tutti da appurare che mi costringono ancora una volta al carcere preventivo, ricordo a coloro i quali sono soliti condannare e giudicare una persona solo perché sia in carcere, che una buona parte dei detenuti sono ancora in attesa di giudizio e, fino a prova contraria, ancora innocenti. A questi dico, inoltre, che dovreste lamentavi più perché c’è un Ministro della Giustizia – quella giustizia che dovrebbe essere uguale per tutti – che si prodiga e si dà da fare, riuscendoci – e mandando a casa dopo pochi giorni – i membri di una famiglia, facendo ricadere l’Italia nelle conseguenze contro tutti i cittadini, e quindi anche su di voi cari benpensanti, costringendoci a pagare le tasse più alte del mondo. Detto questo, chi di voi vuole parlare di me deve farlo, ma deve farlo solo per chi mi conosce veramente e fino in fondo, chi più e chi meno. Per chi lo avesse già dimenticato, nonostante i miei 47 anni suonati ormai, di cui 32 passati in Curva, io sono sempre lo stesso ultras che per la Lazio e la mia curva si è sempre schierato in prima linea. Che per i miei ragazzi si è sempre fatto in quattro, che per le ingiustizie che ci riguardavano ho sempre messo la mia faccia in prima persona e sempre rischiando. Lo stesso che di fronte al secondo tentativo di rubarci lo scudetto non ci ha pensato due volte a farsi massacrare e sparare addosso da pochi metri di distanza dal boia di turno, che sparò quel lacrimogeno ad altezza d’uomo, colpendomi per poi accanirsi su di me, che avevo portato il gruppo sotto la Federazione. Voi che volete sentire parlare solo di Lazio e che ve ne fregate di tutto, eravate a casa ma poi avete festeggiato uno scudetto che solo 300 persone erano riuscite a vincere. E cioè, quelle presenti quel giorno di una stupenda battaglia vittoriosa. Ora c’è un’altra battaglia da combattere, ed è quella della libertà e della dignità dell’essere umano, contro l’ingiustizia che in Italia la fa da padrone, grazie anche a gente come voi che deve augurarsi di non trovarsi mai nelle condizioni che vivono i detenuti in Italia, perché sicuramente non avrete la dignità mia e quella di molti altri detenuti che vivono come bestie nei lager di Stato. Nel salutarvi, tengo a sottolineare che non riconosco l’autorità che mi tiene qui dentro, in quanto palesemente ingiusta. Una autorità che manda a casa pedofili, violentatori e che lascia in giro assassini riconosciuti e che fa uscire i loro compagni di merenda solo perché amici e soci in affari loschi. Per quanto mi riguarda, io qui dentro posso pure morire, ma allo specchio, guardandomi, vedo sempre il Diabolik che ero, che sono, e che sperò sarò fino alla morte. Ciao ragazzi, avanti Curva Nord”.

Leggi anche:   Stadio Flaminio Lazio: parla Lotito, progetto chiaro!

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Ritiro Lazio: spunta nuovamente la Turchia

Published

on

ritiro lazio

Nella rassegna stampa di Radiosei, si parla come la Lazio potrebbe andare in Turchia per il ritiro invernale. Nelle passate ore, Claudio Lotito aveva parlato di un ritiro a Formello con qualche amichevole estera per mantenere alto l’allenamento dei giocatori in vista della ripresa di Gennaio. Manca l’ufficialità per quanto riguardano le date e le amichevoli della rosa di Maurizio Sarri.

Sembrerebbe che la zona, in caso di partenza, sia quella di Antalya. Sembrerebbe che il Team Manager biancoceleste, Derkum, sia volato nella terra turca per un sopralluogo dei campi. La Lazio dovrebbero fermarsi tra i 7 e i 10 giorni giocando 2 partite con una terza prevista da un’altra parte.  Una zona dove il clima non è freddo e gli uomini del tecnico toscano troveranno circa 20 gradi.

In caso si confermasse invece il ritiro in casa Formello, i 3 match amichevoli dovrebbero essere sempre giocati in giro per l’Europa. Si attende solamente l’ufficialità sulla scelta.

 

Leggi anche:   1 Dicembre 1948: Nasce Re Cecconi
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Maneskin vs Lazio: la società risponde a Damiano dopo lo sfottò della fan con la maglia della Lazio

Published

on

maneskin lazio

Nell’ultimo concerto dei Maneskin avvenuto a Philandelphia, c’è stata una rissa. Damiano per stemperare gli animi ha attaccato la Lazio ed una sua fan che indossava la maglia biancoceleste tra le prime file degli spettatori. Tramite il suo profilo Twitter ha sottolineato come la cosa peggiore della Rissa fosse stata la maglia della Lazio indossata proprio dalla sua fan, scatenando uno sfottò sull’ultimo derby della Capitale.

Non poteva mancare la risposta della Lazio tramite il profilo Twitter citando proprio una loro canzone Zitti e Buoni:  «Sai com’è… – Cit.».

 

Leggi anche:   Maneskin vs Lazio: la società risponde a Damiano dopo lo sfottò della fan con la maglia della Lazio
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Il regalo della Lazio a chi ha sottoscritto l’abbonamento Tribuna Tevere Top

Published

on

lazio tribuna tevere top

La S. S. Lazio ha organizzato due giornate dedicate ai tifosi biancocelesti che hanno sottoscritto per questa stagione l’abbonamento in Tribuna Tevere Top.

Domani venerdì 2 dicembre e sabato 3 dicembre, questi abbonati potranno farsi fotografare insieme al nostro simbolo vivente, l’aquila Olympia, con il suo falconiere Juan Bernabé.

Queste indimenticabili foto potranno essere effettuate:

– venerdì 2 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 21:00 presso il Centro Commerciale Roma Est all’interno dello spazio antistante il Lazio Style 1900 Official Store;

– sabato 3 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 19:00 nella piazzetta di via della Mercede, accanto al Lazio Style 1900 Official Store di via di Propaganda 8A.

Sarà sufficiente esibire il proprio abbonamento di Tribuna Tevere Top per poter usufruire gratuitamente del servizio e scattare la foto con Olympia.

Vi aspettiamo!

Leggi anche:   1 Dicembre 1948: Nasce Re Cecconi
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza