Connect with us

News

Juve-Lazio, Allegri in conferenza stampa: ” Il prossimo capitano sarà Bonucci “

Published

on

Max Allegri nella consueta conferenza stampa della vigilia di serie A. I bianconeri domani ospiteranno la Lazio del ex Maurizio Sarri. Qui di seguito le parole rilasciate ai cronisti di mister Allegri:

Come sta la squadra?

“Per quelli che siamo stiamo bene. È l’ultima che giochiamo in casa e dobbiamo onorarla al meglio. Poi è l’ultima di Chiellini e anche l’ultima di Dybala”.

A questa squadra serve qualcuno più vincente e con più personalità?

“Parlare di mercato ora non ha senso. A livello di personalità la squadra è cresciuta molto. La partita con l’Inter in campionato ha frenato la nostra rincorsa anche se magari non avremmo vinto lo stesso. L’altra sera è stata una serata di sport veramente bella con una gara avvincente e una cornice di pubblico straordinaria ma non siamo riusciti a portare a casa la coppa. Soprattutto quando non si riesce a vincere bisogna concentrarsi su quello che si deve fare e stare in silenzio”.

Chi sarà il nuovo capitano della Juve?

“Il nuovo capitano per gerarchie sarà Bonucci”.

Reputa giusto definire fallimentare questa stagione?

“Questo fallimento lo sento da mesi. Quando sei alla Juve hai delle aspettative alte. Sono undici anni consecutivi che la Juve partecipa alla Champions ed è un risultato importante. Il prossimo anno dobbiamo prepararci per vincere lo scudetto ed è un obiettivo chiaro a tutti. Lo era anche quest’anno”.

Che voto da a questa stagione?

“Sono domande banali. Dico 3 così sei a posto? Quando sei alla Juventus l’obiettivo massimo è quello di vincere, ma raggiungere la Champions non è un risultato banale. Non arrivare in Champions per squadre come: Juventus, Inter, Milan, Napoli e Roma vuol dire avere un buco economico.

Un ricordo che aveva di Pogba? È un profilo che può servire?

“Pogba è un giocatore del Manchester e parleremo di mercato a fine stagione. Dobbiamo valutare a 360 gradi su tutto quello che è successo in questa stagione e non solo di mercato. Un ricordo? Mi sono dimenticato di Pogba perché sono passati tanti anni e ho la memory card piena”.

C’è il rischio dell’ultimo giorno di scuola in queste due partite?

“Lazio e Fiorentina sono squadre in corsa per l’Europa League. Tra l’altro domani arriva Sarri che è l’allenatore dell’ultimo scudetto della Juve, sarà accolto in maniera giusta perché se lo merita. Dobbiamo onorare al meglio queste due partite, abbiamo alcune defezioni. Domani non ci saranno alcuni giocatori: Danilo ha finito la stagione per questa fascite plantare, Arthur con la caviglia è dolorante e quindi avrà finito anche lui. Rientra De Sciglio. Zakaria ha preso, durante la partitella, un colpo sulla coscia ribattendo un tiro e dobbiamo valutare ma domani non ci sarà. McKennie vediamo se mercoledì può essere a disposizione ma per quello che potrà essere, abbiamo visto anche Locatelli che era fermo da un mese. Ci sarà qualche ragazzo giovane, domani giocherà di nuovo Miretti”.

Da dove si riparte dopo questa stagione?

Leggi anche:   Ritiro Lazio: ecco le due amichevoli in Turchia

“Sono soddisfatto per il percorso di crescita che ha avuto la squadra e per l’obiettivo raggiunto. Non sono soddisfatto perché non abbiamo vinto nessun trofeo. Non ero abituato a non vincere ed è stata una cosa strana e nuova. Dobbiamo portarci dietro la sconfitta di mercoledì perché è una cosa che io difficilmente dimenticherò e dobbiamo portarcela dietro”.

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Lotito sul caso Juventus e rinnovo Milinkovic Savic

Published

on

lotito milinkovic savic

Claudio Lotito è intervenuto dal palco del premio Colalucci parlando a 360 gradi. Le sue parole sono state riportate dalla testata giornalistica Il Messaggero:

CLIMA LEGA E REBECCA CORSI – «Si tratta di creare un clima di collaborazione, l’unione fa la forza, da soli non si va da nessuna parte. Abbiamo inserito una donna in Lega, stiamo facendo sul serio. È la prima che è stata eletta. Se l’ho spinta io? Ha l’esperienza, ha gestito il calcio femminile, l’Empoli. È una città che riesce a sfornare sempre talenti, è giusto che ricopra un ruolo all’interno della governance».

CASO JUVENTUS – «Non sono preoccupato. Se continuiamo a parlarne, facciamo preoccupare tutti. Siamo fuori dai Mondiali, alcune persone dovrebbero farsi delle domande e darsi delle risposte. Non penso dipenda dalla Lega di Serie A. Rischi che si allarghi il caso Juve? Non so, non conosco comportamenti delle altre squadre. Sicuramente non si allargherà coinvolgendo la Lazio, non abbiamo problemi di questa natura. Questo per me è un fatto di orgoglio e tranquillità. Soprattutto per il modo in cui sono partito, una situazione drammatica. Agnelli? L’ho visto al Senato e l’ho abbracciato. Dire che la Juve sia il male del calcio italiano non è giusto. Oggi tutti si scatenano per creare dissidi nei confronti della Juve. Un conto è la politica, un altro il valore umano. Andrea è uno che lavora. Ci incontravamo in ufficio da me alle 8, vuol dire che si svegliava alle 5, alle 6. Plusvalenze? Non so cosa siano, io sono per le valenze. Quando uno vale, lo mette sul campo. Valgono i fatti, nella vita contano i fatti e non parole».

MILINKOVIC – «I contratti si fanno quando scadono. Dal punto di vista tecnico, la Lazio ha interesse perché è un grande giocatore e un grande uomo. Mi auguro che altrettanta valutazione la faccia il giocatore. Appuntamento in agenda? Che stiamo facendo calciomercato?! Nella vita tutto ciò che ha inizio ha anche una fine, a partire dalla vita stessa. Milinkovic è un giocatore su cui la Lazio punta, è un valore aggiunto. Quello che manca sono i presidenti, non abbiamo problemi a trovare giocatori o allenatori. Gli italiani rimasti sono pochi, che lo fanno con dedizione. Il denaro non è tutto nella vita, conta il cervello e le idee».

NAZIONALE – «Non significa che in Italia non ci siano giocatori di qualità. Pongo degli interrogativi: come mai Immobile è diventato capocannoniere e Scarpa d’Oro e in Nazionale non segna così tanto».

Leggi anche:   Ritiro Lazio: ecco le due amichevoli in Turchia
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Ritiro Lazio: ecco le due amichevoli in Turchia

Published

on

ritiro lazio

Alla fine la Lazio farà il ritiro invernale in Turchia. Dopo alcuni dubbi ed un Maurizio Sarri che stava per optare ad un ritiro a Formello, la scelta sembra esser stata presa e sarà a Belek.

Come riporta il corriere dello sport, tra il 12 ed il 17 dicembre ci saranno due amichevoli contro il Galatasaray ed il Besiktas. Il 14 dicembre dovrebbe esserci la prima amichevole mentre il 17 dovrebbe disputarsi la seconda. Come riporta la testata giornalistica, il club biancoceleste dovrebbe soggiornare all’Hotel Regnum Carva, un albergo con una struttura sportiva completa e molto all’avanguardia.

Leggi anche:   Primavera 2 | La Primavera vola in classifica con un poker alla Ternana
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Lotito attacca Matteo Renzi rispondendo alle sue critiche

Published

on

lotito matteo renzi

Nei giorni scorsi, nella politica italiana, Matteo Renzi aveva attaccato Claudio Lotito per gli aiuti al calcio professionistico e alla Serie A. Nella giornata odierna, il presidente biancoceleste risponde all’ex PD attraverso i microfoni dell’Ansa

Uno dei più grandi esperti di conflitto di interessi della storia recente, non perde occasione per acquisire visibilità sfruttando il mio nome. Peccato vederlo ridotto a rincorrere la peggiore demagogia”. 

Leggi anche:   Federico Marchetti torna al 26 Maggio: " Non mi reggevo più in piedi..."
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza