Inzaghi torna a vincere, espugnato Marassi in rimonta

La Lazio torna alla vittoria, lo fa su un campo particolarmente ostico come quello blucerchiato di Marassi, e nel modo più esaltante: ribaltando un risultato che inizialmente era favorevole ai ragazzi di Giampaolo. Quello che serviva per rilanciarsi e per riportare la Lazio in scia al gruppo di testa, a 2 lunghezze dalla zona Champions e con una gara ancora da recuperare.

In attesa dei recuperi di Wallace e Felipe Anderson, Inzaghi non stravolge gli interpreti della sua formazione tipo e schiera i titolarissimi: Strakosha, De Vrij, Radu, Bastos, Marusic, Milinkovic, Leiva, Parolo, Lulic, Luis Alberto, Immobile. Formazione che ormai può essere ripetuta quasi a memoria. Cambia qualcosa invece Giampaolo, alle prese con assenze importanti soprattutto nel reparto arretrato, Praet e Murru prendono il posto lasciato libero da Linetty e Strinic mentre davanti la coppia d’attacco è composta sempre da Zapata e Quagliarella.

Leggi anche:   Kumbulla e compagni a Formello prima del match contro la Roma

La partita è da tripla, aperta a qualsiasi risultato, e ne abbiamo una dimostrazione fin da subito con ritmi altissimi e tante occasioni sia da una parte che dall’altra. L’approccio dei padroni di casa sembra migliore ma la Lazio, dopo qualche minuto di studio, passa al contrattacco e ha le sue occasioni per far male sui piedi di Immobile e Luis Alberto. Tra i protagonisti anche Strakosha, bravo a negare il gol prima a Ramirez e poi a Zapata. La prima frazione di gioco si conclude allora a reti inviolate.

Leggi anche:   Verso Udinese-Lazio: assente Leiva in allenamento, Cataldi verso il posto da titolare

Con l’avvio della ripresa la Lazio ha subito l’occasione per passare in vantaggio ma il tiro di Parolo si stampa sul palo e carambola successivamente tra le braccia di un incredulo Viviano. Gol sbagliato, gol subito, la dura legge del calcio colpisce ancora una volta e dopo pochi minuti Zapata raccoglie una sponda in area di Quagliarella e trafigge Strakosha. Per la Lazio è una doccia fredda, prende gol nel suo momento migliore quando sembrava sul punto di avere in mano le redini della partita. Inzaghi si guarda alle spalle e fa affidamento alla partita: dentro Patric, Lukaku e Caicedo.

Leggi anche:   GIOCATORI DIFFIDATI & SQUALIFICATI ALLA TRENTATREESIMA GIORNATA

La squadra si mette a trazione anteriore e i risultati non tardano ad arrivare: punizione battuta da Luis Alberto, Parolo va a raccogliere il pallone che in mischia viene buttato dentro da Milinkovic. Continuano a spingere i biancocelesti, c’è anche un rigore sospetto per le mani di Bereszynski in area ma l’arbitro lascia proseguire. Siamo ormai nel recupero, e quando la tavola sembra imbastita per il secondo pareggio consecutivo, Caicedo trova il primo gol in Serie A respingendo in gol una corta respinta di Viviano sulla conclusione di Immobile. E’ il gol della vittoria, una vittoria pesantissima per il morale ma anche per la classifica.