Connect with us

Calciomercato Lazio

Il business dell’aquila…

Published

on

AURONZO OLYMPIAPremessa: non è un articolo di critica, perché nel calcio moderno “business is business” e tutto o quasi è lecito o comunque giustificato pur di portare un po’ di soldi a casa. Questo è un articolo scritto per raccontare una storia che non tutti sanno e che molti che sanno fanno finta di non vedere o di non sapere, ma che nelle ultime settimane ha sollevato più di qualche mugugno tra i tifosi della Lazio, specie quelli che hanno organizzato nei vari paesi un evento per festeggiare la conquista della Coppa Italia o quelli che hanno partecipato alle feste. Questa è la storia dell’aquila Olympia, di come è arrivata a Roma e del business che gira intorno a questo volatile diventato oramai una star che da quasi tre anni ha preso casa a Formello ed è l’immagine vivente di quel simbolo scelto dai fondatori.

A ottobre del 2010, Olympia ha firmato un contratto da 125.000 euro all’anno, rinnovabile di stagione in stagione. Più di quello che guadagna oggi Cavanda o che guadagnano i vari Tounkara, Crecco, e Cataldi aggregati alla prima squadra. E come tutte le star o i calciatori, Olympia è sbarcata a Roma alla fine del 2010 con un suo staff privato, di addestratori e di “procuratori” che ne curano sia l’allenamento quotidiano che gli interessi economici. Si tratta di tre falconieri spagnoli guidati da Juan Bernabé che fanno parte della “Eagle & Victory Srl”, società che l’ha acquistata per 7.500 euro. Ai quali si aggiunge un veterinario messo a disposizione dalla Lazio.

Olympia pesa 12 chili, ha un’apertura alare di due metri e mezzo che lascia sempre tutti a bocca aperta quando vola all’Olimpico prima dell’inizio delle partite, ha 8 anni, è una femmina “testa bianca di mare”, una specie della famiglia dell’aquila reale americana che può vivere fino ad 80 anni, come un essere umano.

Olympia non è un calciatore, ma è trattata come una star. La sua “casa” è una sorta di albergo a 5 stelle per animali, si ciba di pollo, salmone o coniglio una volta al dì e ha anche una stanza tutta sua per le giornate piovose.

Lotito, la scelse nel 2010 dopo un’estate non facile, figlia di una stagione che si era chiusa con una retrocessione evitata per un soffio grazie al cambio di allenatore, al reintegro di Ledesma e all’unica vera campagna acquisti invernale fatta in 9 anni di gestione, quella che portò a Formello in un colpo solo Floccari, Biava e Dias. La campagna abbonamenti era stata un disastro, lo stadio era vuoto e serviva qualcosa per dare una piccola scossa all’ambiente, per riavvicinare il popolo laziale alla squadra. Ma anche per dimostrare di non essere così insensibile a simboli e tradizioni. E dopo aver visto in un filmato all’opera un’aquila simile prima delle partite del Benfica, decise di firmare quel contratto con la “Eagle & Victory Srl”.

“Tutti i club che hanno ammirato il volo al Da Luz sono rimasti impressionati. Così la Lazio ci ha contattato per riproporre l’esibizione che facevamo a Lisbona allo stadio Olimpico”, raccontò Juan Bernabé il giorno della presentazione in pompa magna di Olympia, come si addice ad una star che firma per una squadra di calcio. Lotito, firmò con la “Eagle & Victory Srl” un contratto quasi identico a quello che Juan Bernabé e soci avevano con il Benfica: 5.000 euro per ogni volo allo stadio e altri 5.000 euro al mese garantiti per le foto e i diritti d’immagine. Lotito, chiaramente, ha trattato e ha ottenuto lo sconto: invece che versare 155.000 euro, ne ha pagati 125.000 e si è fatto cedere i diritti d’immagine dell’aquila. E da lì è iniziato il piccolo “business di Olympia”. Visite guidate dei tifosi a Formello per vedere l’aquila e 20 euro a persona per ogni foto fatta con il simbolo della Lazio. Un business che va avanti da quasi tre anni, ma che ha cominciato a rendere e molto dalla fine di maggio, dopo la conquista della Coppa Italia. Tutti gli organizzatori degli eventi messi su per festeggiare quella coppa alzata in faccia ai cugini che si sono rivolti alla Lazio per chiedere la presenza di dirigenti e calciatori, si sono sentiti rispondere che i giocatori erano tutti in vacanza, ma che a disposizione c’era Olympia. A 2000 euro a presenza, esclusi chiaramente i canonici 20 euro a persona per le foto. Qualcuno ha rifiutato, molti hanno accettato. Molti tifosi hanno sgomitato per farsi una foto insieme a Olympia, qualcuno sentita la richiesta ha rinunciato, altri hanno risposto con il solito sarcasmo tutto romano: “20 euro per una foto con l’aquila? Ma manco pe famme na foto co Belen li spenderei”

Leggi anche:   Tra Tare e la Lazio spunta la Juventus? Tuttosport lancia la bomba

Successo nelle feste di piazza e nei paesi, successone ad Auronzo di Cadore dove Olympia trascorre le sue vacanze estive ed ha il suo posto riservato vicino al campo di allenamento dove poter fare le foto con i tifosi che seguono la squadra in ritiro. A Roma Olympia si allena ogni giorno per tre ore sulle note dell’inno biancoceleste, poi una volta alla settimana si addestra all’Olimpico. Pure ad Auronzo si allena tutti i giorni, lasciando però con il fiato sospeso i suoi proprietari. Come è successo lo scorso anno, quando Olympia decise di prendersi una vacanza nella vacanza volando libera tra le montagne, facendo perdere per quasi un giorno le sue tracce. Olympia è assicurata, ma se sparisse da un momento all’altro si dovrebbe ripartire da zero, fermando il piccolo business.

Soldi benedetti per la Lazio, che quest’anno aveva accumulato un bel debito con la “Eagle & Victory Srl”. A metà maggio, la società spagnola aveva accumulato un credito di sei mensilità arretrate e con i soldi arrivati dal Credito Sportivo per l’ipoteca da 8,1 milioni di euro accesa sull’immobile di Via Valenziani, Lotito pagò solo una delle mensilità arretrate. Segno di una crisi economica evidente, come aveva ampiamente testimoniato l’ennesima trimestrale chiusa in rosso. Grazie ai soldi del Credito Sportivo la situazione economica della Lazio è migliorata e grazie alla Coppa Italia e agli 1,8 milioni di euro garantiti dalla finale del 18 agosto con la Juventus all’Olimpico la società ha ripreso fiato. Quello di Olympia, rispetto a queste cifre, è un piccolo business, sia chiaro, ma è la dimostrazione lampante di come nel calcio di oggi si cerca di fare soldi con qualsiasi cosa. Anche con un’aquila…

STEFANO GRECO

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

Calciomercato Lazio

Maurizio Sarri e la Promessa di Lotito: il tecnico farà mercato al posto dei ds

Published

on

sarri calciomercato lazio

C’è un accordo tra Maurizio Sarri e Claudio Lotito sul calciomercato. Sembrerebbe che il tecnico biancoceleste potrebbe seguire le orme di Sir Alex Ferguson con un progetto allenatore-manager.

L’allenatore toscano ha delle doti innate e lo stesso presidente biancoceleste dichiarò che lui vive di calcio h24 e la prova è che ha portato la Lazio al quarto posto.

Quello che si vocifera sui prossimi calciomercato, è che Sarri avrà carta bianca e sarà lui a decidere a prescindere se ci sarà Tare, Fabiani o eventuali altri ds in caso di partenza dell’albanese.

L’intuito che ha il tecnico toscano è davanti gli occhi di tutti, un allenatore che non chiede nomi eclatanti ma che riesce a scovare delle occasioni gratis o lowcost valorizzando la rosa. Basti vedere anche come ha fin da subito bocciato Fares e Kamenovic con Muriqi e Vavro.

L’obiettivo attuale è ancora quello di lavorare su Matteo Cancellieri e Marcos Antonio fino a rivalutare Maximiano come portiere anche se non è attualmente idoneo allo stile di gioco della sua Lazio.

Leggi anche:   Milinkovic Savic pronto a ritornare a Formello, pausa e recupero fino a Lunedì
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Tra Tare e la Lazio spunta la Juventus? Tuttosport lancia la bomba

Published

on

tare juventus

Igli Tare ha un contratto con la Lazio in scadenza. Il ds biancoceleste, secondo tuttosport sarebbe entrato nel taccuino della Juventus con Federico Cherubini che dovrebbe dire addio alla vecchia signora a fine stagione.

Come riporta la testata giornalistica, non sarebbe un profilo idoneo per la società che vorrebbe un DS che sappia scovare dei giovani talenti e non giocatori da strapagare. I nomi citati per sostituirlo infatti sarebbero: Igli Tare, Giuntoli e Petrachi.

Ma per ora sono solamente delle voci in quanto l’operazione Prisma sta prendendo sempre più forma e la Juventus ha già avvisato ai suoi azionisti che non è esclusa una retrocessione dalla Serie A. Bisognerà vedere anche se il ds biancoceleste rinnoverà il suo rapporto con Claudio Lotito dopo alcuni attriti nell’ultimo calciomercato.

Leggi anche:   Tra Tare e la Lazio spunta la Juventus? Tuttosport lancia la bomba
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Milinkovic Savic pronto a ritornare a Formello, pausa e recupero fino a Lunedì

Published

on

milinkovic savic

Milinkovic-Savic ha terminato la sua avventura con la maglia della Nazionale nel mondiale del Qatar. Il centrocampista serbo, attualmente si trova nella sua nazione e sta smaltendo l’infortunio rimediato durante la competizione.

Ma il Sergente tornerà a pieno regime e l’appuntamento con Maurizio Sarri è fissato per Lunedì. Il giocatore avrà poi anche degli incontri con la società e con il suo procuratore Kezman per delineare il suo futuro. Dall’altra parte Claudio Lotito è convinto che la pedina fondamentale del centrocampo resterà alla Lazio. Non dovrebbe partire nel mercato di gennaio ma il suo futuro con la casacca biancoceleste, sarà discusso nel mercato estivo.

Leggi anche:   Tra Tare e la Lazio spunta la Juventus? Tuttosport lancia la bomba
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza