Connect with us

News

Il 2015 della Lazio: primavera di Maggio, Giugno europeo

Published

on

Il percorso laziale del  2015 entra nei mesi più caldi della stagione, 60 giorni dove la Lazio trova molte soddisfazioni sia nel settore giovanile che in quello della prima squadra.

Il mese di Maggio si apre con un trofeo in casa Lazio dove i baby di Inzaghi portano a casa un trofeo che vale doppio: battono i cugini nel derby per 2-0 portando a casa la Coppa Italia, una finale che ripercorre le orme dei grandi da quello  storico 26 Maggio  nel quale Lulic mise la sua firma nei libri di storia del calcio capitolino. Il protagonista però è il giovane Oikonomidis che grazie alla sua doppietta ribalta il risultato dell’andata.LAZIO PRIMAVERA

Passano 2 giorni, esattamente il 3 Maggio, la Lazio di Pioli gioca la trasferta a Bergamo dove rimedia un pareggio contro l’ex Reja ma la firma che toglie 2 punti quasi certi ai capitolini, è di Biava, un altro ex giocatore che ha dato un grandissimo contributo alle file difensive laziali nel passato. Quella gara fu molto importante per le aquile romane, difatti in quei giorni si lottava per il secondo posto della classifica e sia la Roma che il Napoli si fermarono con due pareggi; in caso di 3 punti contro la Dea, Candreva e compagni potevano piazzarsi nella seconda piazza sorpassando così i cugini.

Una prima decade di Maggio dalle mille sorprese ma segna anche il ritorno della prima squadra della capitale in Europa. Che sia Champions o che sia Europa league ancora non ci fu la certezza ma il bersaglio Europa fu raggiunto grazie al Torino che venne sconfitto dall’Empoli regalando così la qualificazione matematica all’esercito di Pioli.

11 Maggio la Lazio di Pioli arranca e rimedia una sconfitta pesante per entrare nell’Europa che conta, un altro ex sgambetta la sua squadra, stessi colori dell’ex Biava ma il nome della società cambia, parliamo infatti dell’Inter e di HerHERNANES nanes. Il match finì 2-1 per i milanesi ma il risultato non fu molto limpido. Quella  gara vide un andamento arbitrale che indirizzò i 3 punti verso il duomo di Milano espellendo Mauricio dopo soli 20 minuti di gioco ed assegnando una punizione al limite dell’aria. Punizione che apre la strada della vittoria alla squadra interista con un netto fuorigioco di Medel che ostrì la visuale di Marchetti. La classifica al termine dei 90 minuti non cambia la Lazio rimane  1 punto sotto dal secondo posto occupato dalla Roma.

Leggi anche:   Delio Rossi: "Sono legato ai giocatori che ho allenato nella Lazio"

Arriviamo al 17 Maggio, una data molto importante per un giocatore laziale. Stiamo parlando di Gentiletti, che riassapora il campo dopo 237 giorni dal pesantissimo infortunio rimediato a Settembre contro il Genoa. Da Marassi a Marassi questo fu il titolo di alcune testate giornalistiche, il difensore infatti regala i 3 punti alla Lazio segnando in quel campo maledetto contro la Sampdoria.gentiletti-lazio-coppa-italia-maggio-2015-ifa

21 Maggio, la Lazio affronta la Juventus per portare a casa la coppa Italia. Ennesima finale della Tim Cup in pochi anni ma questa volta la banda di Pioli un po’ per sfortuna ed un po’ per stanchezza non riesce ad aggiudicarsi il trofeo, perdendo il vantaggio iniziale per 2-1. Un match che però è stato fin da subito equilibrato con i giocatori che mettevano anima e cuore per arrivare all’obiettivo finale.

25 Maggio. Ennesimo match a pochi giorni di distanza, ennesima partita importante quella per gli uomini laziali ma stavolta l’avversario non è solamente una squadra, la partita non è solamente un match di campionato, quei 90 minuti erano racchiusi nel nome del Derby! Match che oltre ad essere importante a Roma era anche un’occasione per aggiudicarsi il secondo posto e superare i cugini in classifica sperando così nella qualificazione diretta per la Champions League. Ma così non fu, la Lazio perse il derby per 2-1. La nota negativa di quella giornata, oltre ad i 3 punti fondamentali persi, fu il gestaccio di De Rossi dove mostrò un doppio dito medio ai tifosi laziali.

dito medio

Il mese di Maggio va concludendosi con delle notizie secondarie tra le quali sono il terzo scudetto del passato, Lotito infatti sta cercando tutt’ora di riportarlo a Roma come giusto sia e la rivelazione delle nuove maglie per la stagione in corso (15/16) con le aquile stilizzate sul petto.

Passiamo al mese di Giugno con la rinascita laziale dopo i flop delle ultime gare, grazie ad un 4 a 2 ai danni del Napoli gli uomini di Pioli si aggiudicando il terzo posto in classifica con annessa possibilità di qualificarsi all’Europa dei grandi.sorteggi-champions-europa-league-2014-milan-juve-lazio-napoli-fiorentina

Giugno va così concludendosi con due cessioni, la prima è quella di Novaretti al Leon, la seconda è quella di Ledesma.

Concludiamo questo bimestre con la data del 18 Giugno. Una data amara per gli uomini di Inzaghi che perdono la finale scudetto contro un Torino in gran forma.

 

 

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Stadio Flaminio | Onorato risponde a Lotito ” Chiacchiere da bar da 20 anni…”

Published

on

loitito flaminio

Lo Stadio Flaminio tiene banco ancora in casa Lazio con Lotito che ha risposto all’assessore Onorato e quest’ultimo che ribatte ancora.

Io il progetto ce l’ho chiaro, non ho mollato. Ho detto a Cragnotti che questo è l’ultimo tassello che manca a questa Lazio per essere grande. Il progetto è pronto” queste erano le parole di Claudio Lotito nella scorsa giornata.

Alessandro Onorato risponde a Lotito sullo Stadio Flaminio

.“Abbiamo visto Lotito a luglio e ad agosto. La Lazio ha chiesto la documentazione al dipartimento dello sport, che è titolare del bene. Abbiamo mandato tutto tre mesi fa, ma a oggi non abbiamo ricevuto alcun progetto. Il tema è semplice: il Flaminio è in pessimo stato da ormai 15 anni e vogliamo recuperarlo, potrebbe senza dubbio essere la nuova casa della Lazio ma per farlo si dovrebbe parlare meno e fare di più. Servono progetti su cui confrontarsi, se avessimo ricevuto uno studio di fattibilità avremmo seguito l’iter classico con la conferenza dei servizi e tutto quello che ne segue. La Roma a Pietralata sta portando avanti la sua idea concreta di stadio, per cui abbiamo un progetto e un complesso iter avviato con un investimento molto importante, sul Flaminio non abbiamo nulla. Se non arriverà nulla, nonostante le buone intenzioni, dovremo evitare gli errori fatti da chi ci ha preceduto e lo ha lasciato nello stato in cui oggi versa. Rispetto alle chiacchiere del passato, noi siamo pronti”.

Ma si può davvero fare lo stadio della Lazio al Flaminio? A questa risposta ci si arriva solo attraverso la presentazione di un progetto. Senza, sono chiacchiere da bar che a Roma vanno avanti da 20 anni, chiacchiere che ci fanno perdere attrattivi. Pensiamo al fallimento del progetto stadio della Roma: non ha colpito solo la società sportiva, ma la città tutta perché ha fatto perdere fiducia agli investitori”.

Leggi anche:   Stadio Flaminio Lazio: parla Lotito, progetto chiaro!
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Lazio niente ritiro all’estero: parla Lotito

Published

on

ritiro lazio 12 22 dicembre

Maurizio Sarri alla fine opterà per il ritiro in casa Formello. Non dovrebbe essere più scelta la destinazione della Turchia con il tecnico che non vuole distrazioni. A parlare del ritiro di dicembre è lo stesso Claudio Lotito che però vuole organizzare qualche amichevole estera per tenere alto il passo in Conference League:

È chiaro che Sarri non voglia più muoversi da qui, nemmeno per il ritiro. Mica ha torto. Vedremo di conciliare il tutto nella fase finale di dicembre con le amichevoli all’estero“.

Leggi anche:   Shock in casa Juventus: un terremoto che scioglie tutto il CdA, Agnelli e Nedved
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Intervista

Lazzari nel giorno del suo compleanno festeggia il rinnovo e la ripresa degli allenamenti

Published

on

rinnovo lazzari

Nel giorno del suo compleanno, Manuel Lazzari è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel

La Lazio

“Alla Lazio sto veramente bene. È il quarto anno che sono qui, sia io che la mia famiglia, ci troviamo benissimo. Speriamo di rimanere qui a lungo.

Formello e recupero

Oggi sarò a Formello per completare il recupero in vista della ripresa. Questa è una stagione un po’ anomala con il Mondiale in inverno. Abbiamo giocato ogni tre giorni per qualche mese e ciò ha portato via molto sia a livello mentale che fisico. La sosta in tal senso ha aiutato, ma la ripartenza di gennaio sarà comunque un grande punto di domanda. In questo mese di dicembre dovremo lavorare bene per ripartire nel migliore dei modi. Siamo carichi per riprendere da dove ci siamo fermati.

Il nuovo ruolo

Ho voluto imparare il ruolo da terzino anche considerando lo schema della nazionale che ora invece gioca con la difesa a tre (ride n.d.r.). Sono comunque felice di questa nuova posizione, voglio migliorare ancora.

Valorizzazione e Sarri

Quando un calciatore ricopre varie posizioni in campo si valorizza ancor di più. Personalmente, il ruolo di terzino può aiutarmi perché è leggermente meno dispendioso rispetto alla posizione da quinto di centrocampo. Mister Sarri devo solo ringraziarlo.

Rinnovo

Rinnovo? Di solito serve molto tempo per trovare un accordo, io invece ho risolto il tutto con soli due incontri. Questo è un motivo d’orgoglio per me, sono felice della Lazio e credo che il Club lo sia di me. Voglio ringraziare la Società per la fiducia dimostrata. Sono contento di essere qui e di poter lottare ancora con questa maglia.

Compagni genitori

Negli ultimi tempi io e tanti miei compagni siamo diventati genitori, è bello che i nostri figli siano nati in una città bella come Roma.

Milinkovic e Anderson

Con Milinkovic e Felipe Anderson ormai ci capiamo benissimo. Grazie a loro posso anche attaccare con maggiore libertà perché loro che mi coprono le spalle.

Mondiale

Sto seguendo il Mondiale, guardo soprattutto le partite dei miei compagni. È un torneo molto equilibrato, ma credo che il Brasile e la Francia abbiano qualcosa in più rispetto alle altre. C’è il rammarico dell’assenza dell’Italia, ma sono sicuro che si riuscirà a ripartire bene.

Leggi anche:   Stadio Flaminio | Onorato risponde a Lotito " Chiacchiere da bar da 20 anni..."

Milinkovic può calciare di destro e di sinistro, è un calciatore completo. Può giocare in qualsiasi posizione.

Luka Romero

Siamo fortunati di vedere ogni giorno in allenamento Romero. È ancora giovanissimo, ma tra qualche anno sarà un giocatore fortissimo. Deve continuare a lavorare ogni giorno e si toglierà sicuramente molte soddisfazioni. La Lazio ha in casa un ottimo talento.

Tifosi e compleanno

Ringrazio tutti i tifosi per gli auguri e gli dico che devono ancora un po’ di pazienza prima di ripartire. Quando torneremo in campo faremo di tutto per renderli felici. Ci vediamo allo stadio”.

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza