Connect with us

Focus

Igli Tare miglior direttore sportivo del 2017

Published

on

Nella serata di ieri, il direttore sportivo della S.S.Lazio Igli Tare, è stato premiato da Sportitalia TV come miglior direttore sportivo dell’anno solare 2017.

Un riconoscimento più che meritato, per il DS biancoceleste, che quando ha avuto i mezzi necessari a disposizione ha sempre dimostrato grandissime doti e capacità gestionali, mettendo a segno operazioni di mercato importantissime e con risultati sorprendenti.

Andiamo a ripercorrere quelle che sono state le operazioni di mercato più significative del direttore sportivo albanese, torniamo indietro al 2008, quando dall’ Al-Sadd arriva il funambolo argentino Mauro Matias Zarate, per 17 milioni, giocatore con qualità tecniche incredibili, che nella prima stagione in biancoceleste, incanta con giocate e gol da capogiro, ma che non ha avuto nella continuità la sua dote migliore, e anche a causa di un carattere del tutto particolare, si perde poi nel corso del tempo.

Nell’estate del 2010, mette a segno un altro bel colpo, strappando alla concorrenza di mezza Europa un certo Anderson Hernanes, centrocampista brasiliano, allora in forza al San Paolo, in Brasile, giocatore fantastico dotato di tecnica, fantasia, e un tiro dalla distanza incredibile, anche lui mostra subito le sue qualità all’ombra del Colosseo, il “Profeta” diventa un punto cardine della squadra, diventando un giocatore simbolo di quegli anni, il 31 gennaio 2014, scoppia in lacrime all’uscita da Formello, poichè era stato ceduto all’Inter.

La stagione 2011-2012, inizia con una sontuosa campagna acquisti, tra i giocatori più significativi troviamo: il portiere Federico Marchetti (Cagliari) , l’estroso attaccante Djibril Cissé (Panathinaikos), il capitano della Lazio di oggi Senad Lulic (Young Boys), di cui tutti conosciamo storia e trascorsi in biancoceleste, e dulcis in fundo, quello che rappresenta la migliore operazione portata a termine dal DS della Lazio, ovvero l’acquisto a parametro zero, di un campione internazionale assoluto come Miroslav Klose, che non ha bisogno di ulteriori presentazioni.

Nell’ultimo giorno di calciomercato nel gennaio della medesima stagione, risulta importante l’acquisto di Antonio Candreva in prestito dal Cesena, che mette in mostra tutte le sue qualità, rivalutando nettamente il valore del suo cartellino, infatti nell’estate del 2016 viene venduto all’Inter per 25 milioni di Euro, facendo da apripista alle notevoli plusvalenze, concretizzate dal direttore sportivo Tare.

Due stagioni dopo nell’estate del 2013, viene acquistato un altro giocatore di livello internazionale come, Lucas Biglia capitano dall’Anderlecht per 10 milioni, divenuto successivamente capitano della Lazio nel 2015-2016, disputa 4 anni tra le fila capitoline, per poi essere trasferito al Milan nell’estate 2017 per 20 milioni, ricavandone una plusvalenza di 10 milioni.

Un altro acquisto importante nella stessa stagione fu quello di Felipe Anderson, esterno d’attacco brasiliano proveniente dal Santos, un giocatore che da subito mette in evidenza le sue doti tecniche, facendo impallidire le difese avversarie con dribbling e gol da “craque” mondiale, purtroppo anche lui pecca nella costanza, e che ancora oggi però, quando è in giornata incanta con le sue fiammate.

Nella sessione di mercato estiva  della stagione successiva 2014-2015, porta a Roma tre pilastri della Lazio attuale come: Stefan De Vrji (Feyenoord), Marco Parolo (Parma) e Dusan Basta (Udinese).

Esattamente un anno dopo, strappa alla Fiorentina, sul filo di lana, il talento serbo, Milinkovic-Savic, centrocampista fisico allora in forza al Genk, che nella Lazio di oggi rappresenta un “top player” assoluto raggiungendo cifre di mercato intorno ai 100 milioni, niente male per un  giocatore pagato poco meno di 10 milioni, ennesima plusvalenza che in futuro potrebbe fruttare e non poco. Nella stessa sessione viene acquistato a parametro zero il difensore Olandese ex AZ Alkmaar, Wesley Hoedt, bloccato già nel mercato di gennaio, e che dopo due stagioni alla Lazio, viene ceduto al Southampton per 17 milioni, altra operazione economicamente perfetta, con una plusvalenza totale.

Lo scorso anno vennero acquistati giocatori come: Jordan Lukaku (Ostenda), Quissanga Bastos (Rostov), Fortuna Wallace (Sporting Braga), che si stanno dimostrando degli ottimi calciatori e stanno costruendo una base solida nella difesa laziale, ma soprattutto uno in particolare, Ciro Immobile, acquistato dal Siviglia per 9 milioni, e che sta trascinando la Lazio di Inzaghi a suon di gol, diventando in breve tempo un simbolo ed un idolo dei laziali, e attuale capocannoniere della Serie A.

Nel mercato di riparazione della stagione 2016-2017, viene acquistato dal Liverpool il trequartista spagnolo, Luis Alberto, che soffre probabilmente il periodo di adattamento al calcio italiano, nella prima parte della sua avventura, nella quale sembra un oggetto misterioso, ma all’alba della stagione successiva si rivela un giocatore fondamentale, con le sue qualità tecniche sopraffine, soprattutto in qualità di assist man, alle spalle del bomber Immobile.

Concludiamo dunque il nostro percorso, con la stagione in corso, che vede la cessione di un calciatore cresciuto tra le giovanili della Lazio e acquistato all’età di 16 anni dalla cantera del Barcellona, si tratta dell’attaccante senegalese Keita Balde Diao che viene ceduto al AS Monaco per una cifra vicina ai 30 milioni, altro capolavoro del direttore sportivo Igli Tare.

Tra gli acquisti invece, spicca l’operazione che porta il centrocampista brasiliano Lucas Leiva, ex Liverpool, acquistato a parametro zero, per sostituire Lucas Biglia, nel ruolo di regista. Calciatore di caratura internazionale, che sta conquistando tutti con le sue prestazioni e che non sta facendo rimpiangere, il regista argentino, anzi, forse se vogliamo ha addirittura offuscato il suo ricordo.

Un altro acquisto che ha lasciato tutti a bocca aperta, è stato quello dell’esterno portoghese Luis Nani, arrivato a Roma uno degli ultimi giorni di mercato in prestito dal Valencia, un giocatore di grandissima esperienza internazionale, e un palmares di tutto rispetto, che momentaneamente non rientra nell’undici titolare, ma quando chiamato in causa, riesce sempre ad essere decisivo con la sua classe e fantasia.

L’ultima operazione in ordine di tempo finalizzata dal direttore sportivo, è l’acquisto di Martin Caceres difensore uruguagliano ex Juventus, acquistato in estate dal Southampton, ma girato fino a gennaio all’ Hellas Verona, per testarne le condizioni fisiche, visti gli infortuni recenti del ragazzo, che però ha risposto positivamente nella prima parte di stagione, e adesso è pronto a dare un apporto importante alla Lazio, altra operazione intelligente, del DS biancoceleste.

Insomma il premio se lo è meritato tutto, continui così direttore, per una Lazio sempre più forte e competitiva su tutti i fronti, servono le sue qualità.

Complimenti al miglior direttore sportivo del 2017.

Congratulazioni Igli Tare

 

 

 

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Focus

Anna Falchi Lazio, un amore a prima vista

Published

on

anna falchi lazio

Anna Falchi Lazio | La Lazio ha una tifosa d’eccezione come Anna Falchi. Ricordiamo che il derby Capitolino si svolge anche tra le showgirl e a Roma oltre le due squadre si sfidano la nostra Anna con la giallorossa Sabrina Ferilli.

Le due si sono sfidate a colpi di promesse in caso di vittoria dello scudetto. Nel 2000 lo vinse la Lazio con la romanista invece che si spogliò l’anno successivo per lo scudetto della Roma.

Anna Falchi spogliarello Lazio 2000

Lazio Anna Falchi

Anna Falchi nuda Lazio? Divenne la madrina ufficiale della Lazio nel 2000 con la sua promessa mantenuta. Una donna che ama far parlare di se e del suo corpo sempre giovane. Il suo amore per la Prima Squadra della Capitale è così immenso che partecipa annualmente alle manifestazioni della Società. Una showgirl che continua a far parlare di se e della Lazio con i suoi scatti bollenti su Instagram ad ogni vittoria biancoceleste.

Chi è Anna Falchi?

Anna Falchi si chiama in realtà Anna Kristiina Palomaki. Nasce a Tampere il 22 Aprile 1972 in Finlandia. Una carriera da attrice, conduttrice, modella e Produttrice cinematografica Italiana, viene considerata la sex symbol tra gli anni 1990 e gli anni 2000.

La sua carriera passa anche ai tanti concorsi di bellezza tra i quali nel 1988 dove arriva in finale di New Model Today. Viene notata poi da una prestigiosa agenzia di modelle dove conquisterà l’anno successivo centinaia di copertine e ingaggi pubblicitari tra Milano, Parigi e New York.

Nel 1992 recitò al fianco di Paolo Villaggio nello spot televisivo per la Banca di Roma, diretto da Federico Fellini. Da li in poi aumentarono anche le sue apparizioni nei prestigiosi film tra i quali Paparazzi e Body Guards.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Focus

Frasi e citazioni Laziali da parte dei vip

Published

on

frasi laziali

Ci sono vip e personaggi famosi che nel corso della loro vita davanti ai microfoni, hanno espresso anche frasi laziali e non.

Giulio Andreotti, da quanto si trova sul web, ne disse una contro la Lazio: Ai Laziali io riconosco a malapena i diritti civili.

Immancabile la storica frase di Giorgio Chinaglia: Di Lazio ci si Ammala inguaribilmente.

Cristian Ledesma, capitano che resterà sempre nella storia biancoceleste anche per la sua fede: È un sentimento che va a crescere giorno dopo giorno in chi non è nato laziale. Io riesco a riconoscere un romanista da un laziale già quando parla. Il laziale è diffidente all’inizio, ma quando capisce che persona sei ti dà tutto. Ho vissuto momenti bellissimi, ma anche momenti difficili e i laziali si vedono soprattutto in questo tipo di situazioni. È un popolo che sa cosa significa soffrire.

Altro storico capitano Paolo Di Canio: Essere laziale è qualcosa di speciale, diverso dalla massa. È stato l’istinto a spingermi verso i colori biancocelesti e la passione per l’aquila, un animale affascinante, regale, fiero.

Un altro giocatore che resta nella storia è Sinisa Mihajlovic: Io sono biancoceleste. Per quello che ho vinto e per quello che mi hanno dato i tifosi della Lazio. Rispetto la Roma e i suoi sostenitori, ma io sono laziale.

La Lazio è un ente morale, molto di più rispetto ad una semplice società di calcio. (Giorgio Vaccaro)

Altre Frasi per la Lazio

alberto sordi frase sui laziali

  • La Lazio è una grande tradizione e una importante entità per tutta la città. Ha insegnato ai giovani cosa è lo sport, è una scuola e una speranza di vittoria, quindi dico Forza Lazio sempre. (Gianni Alemanno)
  • Nel 1999 abbiamo perso la Supercoppa Europea contro la Lazio che in quel momento era la migliore squadra al mondo ed è forse questo il ricordo più amaro. (Alex Ferguson)
  • Ricorderò sempre lo scudetto con la Lazio. Vincere il campionato in Italia se non sei Juventus, Milan o Inter non è facile. (Sven-Göran Eriksson)
  • Siamo la prima squadra della capitale, dal 1900, quando ci ha fondato Bigiarelli, siamo la polisportiva più grande d’Europa, che ha percorso il suo iter basandosi sui colori olimpici, sui valori del sacrificio, dell’umiltà, del rispetto della dignità umana. Questo è il faro che ci deve far procedere per altri anni, e spero per secoli. (Claudio Lotito)
  • Sono stato l’unico sindaco di Roma che non ha fatto mistero di essere tifoso della Lazio. Sono i colori più belli del mondo, è una passione insuperabile. (Francesco Rutelli)

Alberto Sordi Frase sui Laziali: I laziali so quelli de fori le mura, che ce porteno l’ove fresche e le ricotte, e quanno arriveno in città, alzano la testa e dicono: “Guarda ‘nmbò che cielo limbido!”

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Focus

Scherzi a Parte Claudio Amendola Tatuaggio Lazio Video

Published

on

Correva l’anno 2005 quando Claudio Amendola rimane vittima di uno scherzo con un tatuaggio della Lazio su Scherzi A Parte. L’attore romano entra nello studio del tatuatore per tatuarsi Romolo e Remo sulla schiena. Con la scusa che la moglie ed il figlio rimangono a piedi, Gabriele lascia la macchinetta al suo collega Massimo, tifosissimo laziale.

La giornata è quella del famoso derby vinto dalla Lazio per 3-2 nei minuti di recupero. Tra il nuovo tatuatore e l’attore partono gli sfottò con riferimenti anche a quando Claudio Amendola ha vestito la maglia del Milan.

Il complice dopo vari sfottò e una mezz’ora buona dall’inizio del tatuaggio, rientra nello studio esordendo con la frase ” ma che ca**o ha combinato? Ma proprio a Claudio?

Il complice risponde: ” Ma mica l’ho rovinato, questa è vera arte”

L’attore si va a specchiare e si ritrova un’aquila stilizzata sulla schiena della Lazio. Amendola va subito in escandescenza cercando la rissa per poi essere diviso dai complici per mettersi a piangere sul lettino dello studio. Gabriele corre ai ripari cercando di calmare l’irrequieto cliente che rischia di sentirsi male per poi ripartire a 3000 dopo che Massimo rientra nel locale con ” Ariforza Lazio Claudio “.

L’attore minaccia ancora il tatuatore cercando la rissa fuori dal locale con l’appuntamento. ” Lo Ammazzo, io con questo non vado in giro, vado in carcere ( con il tatuaggio della Lazio ndr)”.

Massimo ricopre il tatuaggio poi con lo stemma di Scherzi a Parte terminando lo scherzo.

Scherzi a parte Claudio Amendola Tatuaggio Lazio video completo

Scherzo Amendola tatuaggio Lazio Scherzi a Parte, chi lo ha pensato?

A ideare lo scherzo ad Amendola con un tatuaggio della Lazio su scherzi a parte ci ha pensato Giorgio J Squarcia, uno storico autore del programma che è passato poi a lavorare con Le Iene.

Nell’edizione del 2020, l’autore è tornato a parlare della sua carriera con lo storico programma di scherzi citando i migliori che hanno siglato la storia. Ed è proprio quello di Amendola che ha voluto riportare sulle pagine di Oggi nel 2020:

  “Alcuni scherzi sono entrati nella storia, tipo il tatuaggio della Lazio sulla schiena di Amendola. Abbiamo bucato la pelle con un ago vero, ma con inchiostro che andava via. Voleva accoltellare il tatuatore e all’epoca lui conduceva il programma. Ci abbiamo messo un po’ per farlo riprendere e fargli firmare la liberatoria”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design