Se ti piace il nostro Format, aiutaci a rimanere online con una semplice donazione di 0,80 €

Gli Irriducibili contro i giornalisti e le fake news. Ecco la verità di Marsiglia

Gli Irriducibili raccontano la verità sui fatti di Marsiglia

Un comunicato ufficiale scritto tramite la loro pagina ufficiale di Facebook, così gli Irriducibili smascherano i giornalisti che hanno scritto fake news sui fatti di Marsiglia.

LA TRASFERTA:

Dall’ uscita del calendario, quella di Marsiglia, era una della trasferte più attese.
Gli ultras Laziali ci sono stati e ci saranno sempre. Con questa nota vogliamo soltanto riportare i fatti, fuorviati da una stampa meschina che cura i propri interessi tralasciando la cronaca e la ricerca della verità.
A raccontare la trasferta di Marsiglia, non servono parole, bastano i fatti. Gli Ultras della Lazio sono arrivati a Marsiglia Mercoledi e sono tornati, tutti, nella giornata di Venerdi dopo la gara.
Nessuna testa di maiale, anche se ci avrebbe fatto ridere non poco, nessuno ha lasciato la città il giorno della partita, nessuno è rimasto chiuso in Hotel per paura. Basterebbe fare un giro sui siti dei tifosi del Marsiglia per capire come sono andati i fatti.
IL giorno della partita abbiamo trovato una polizia francese meno permissiva della sera prima, avevano limitato fortemente le nostre libertà di poterci muovere liberamente per bere o mangiare. Abbiamo fatto da noi, aspettando anche tutti gli altri tifosi provenienti da Roma, ci siamo radunati e siamo arrivati allo stadio uniti e compatti con tutti gli striscioni. All’interno dello stadio, la polizia francese, ha assunto un comportamento rigido e incomprensibile. Viene fatto divieto assoluto di fare entrare lo striscione” IRR con tutti gli altri striscioni al seguito”. La polizia non ci ha permesso di rimanere tutti sotto al settore ma ci ha obbligato ad entrare all’interno dello stadio, permettendo solo ad una delegazione di rimanere li sotto a sorvegliare le pezze, cosi alcuni di noi sono rimasti tutto il tempo sotto al settore mentre altri occupavano spavaldi i seggiolini all’interno dello stadio , spingendo la squadra alla vittoria.
Era una trasferta da fare tutti insieme, e cosi è stato!
Queste poche righe, servono solo, una volta per tutte, a porre la parola fine a tutta una seria di bugie che il giornalista mitomane da quattro soldi è stato costretto a raccontare per portare a casa un risultato (FATE SCHIFO COME I TOPI CHE GIRAVAMO LIBERAMENTE PER TUTTA LA CITTA’ DI MARSIGLIA)
Come vedete dalla foto qua sotto il gruppo c’era, c’è stato, e sempre ci sarà. fieri, spavaldi, eternamente degni di essere Laziali.
IRRIDUCIBILI LAZIO OVUNQUE