Gli anticipi della 24^ giornata di Serie A Tim

La giornata si apre con la sfida salvezza tra Lecce e Spal, la spuntano i pugliesi che vanno in vantaggio con Mancosu su rigore nel finale di prima frazione, ad inizio ripresa il bomber dei ferraresi, Petagna riporta la situazione in parità, ma a metà del secondo tempo Majer inventa un gol al volo straordinario che vale i tre punti per gli uomini di Liverani e la prima sconfitta per Di Biagio sulla panchina biancoceleste.

Alle 18 a sorpresa un Genoa in netta ripresa disintegra fuori casa un Bologna che non siamo abituati a vedere così spento e senza grinta, gli ospiti vanno in vantaggio alla mezz’ora con il nuovo arrivato Soumaoro su assist di Masiello, la partita peró subisce un input importante quando il Var espelle Schouten degli emiliani a metà del primo tempo.

A pochissimi istanti dall’intervallo Sanabria raddoppia per i liguri, che avevano perso dopo appena un quarto d’ora Pandev per infortunio, allo scadere Denswil sbaglia un controllo e per recuperare il pallone atterra il diretto avversario con un intervento molto pericolo in area, scatta il calcio di rigore e il secondo giallo al difensore, della battuta si incarica il capitano Criscito che non sbaglia e chiude la gara sullo 0-3 per i suoi.

Nell’ultimo anticipo di giornata, l’Atalanta ospita la Roma, situazioni di forma diverse per le due compagini, i bergamaschi in uno stato di grazia e i giallorossi reduci da due sconfitte con altrettante pessime prestazioni; la partita la fanno i nerazzurri ma in vantaggio passano i giallorossi allo scadere di primo tempo, svarione clamoroso di Palomino che concede un’autostrada a Dzeko che con un piatto destro batte Gollini sul secondo palo.

Inizia la ripresa e subito proprio il difensore argentino su assist di Djimsiti sugli sviluppi di un corner si fa perdonare insaccando il gol del pari, poi a mezz’ora dal termine entra Pasalic al posto di uno stanco Zapata e non passa neanche un minuto che dopo una bellissima azione corale, lo stesso croato con un tiro di destro a giro magnifico la infila sotto l’incrocio battendo un incolpevole Pau Lopez.