Connect with us

News

E’ vittoria, Keita ci fa sognare… Biglia non pervenuto

Published

on

Una sera non tanto calda all’Olimpico, un giorno diverso dagli altri, l’occasione di tornare in Champions è ghiotta per la Lazio e per mister Pioli, che schiera il solito 4-3-3 con Onazi favorito su Milinkovic-Savic e Cataldi, Berisha obbligatorio in porta e Lulic a sostituire Radu causa una vecchia squalifica europea. Il Leverkusen di Schmidt ha in panchina l’ex Inter Giulio Donati, ma ha la formazione migliore, con i pericolosi trequartisti dietro Kiessling.

I primi venti minuti vedono una buona fase di studio, un arbitro troppo inglese, una piccola frangia che voleva rovinare la partita con cori razzisti e una grande occasione di Parolo deviata in angolo; è proprio nel momento in cui sembrava potesse decollare la Lazio che le Aspirine iniziano a somministrare le proprie pillole, Bellarabi mette a sedere Basta e spara di poco alto, Bender beffa Berisha ma non il palo e Son viene murato da Mauricio.

Il tiro impossibile di Klose, lanciato da Felipe Anderson, sembra essere un ulteriore tentativo per spingere la squadra, ma c’è troppo nervosismo misto a paura tra le due squadre che sembra non voler decollare bene il match; il vero e proprio brivido arriva quasi alla fine del primo tempo, con il turcotedesco Calhanoglu che a circa 60 metri dalla porta di Berisha tenta l’impossibile avendo visto il numero 99 fuori dall’area di rigore, palla che (vista la distanza) esce di poco e l’albanese si salva quasi all’ultimo.

Secondo tempo che inizia senza Klose, entra Keita, l’uomo che avrebbe pochi motivi per rimanere a Roma ma che, paradossalmente, ne avrebbe tanti per dimostrare a Pioli che può ancora dire la sua nella Lazio; nel Bayer esce un Son Heung Min totalmente assente ed entra Mehmedi, che si rivelerà di sicuro più incisivo. Lo spagnolo nero mette già paura a Leno, fa fuori un difensore tedesco ma a tu per tu col portiere in maglia gialla si perde e cade, ma non è rigore, e da lì Pioli pensa che serva qualità e pieni discreti in mezzo al campo, fuori l’operaio Onazi e dentro Milinkovic-Savic (opaco a fine partita).

La parata coi pugni di Berisha sulla pericolosa punizione di Calhanoglu fa ben sperare e infatti, dopo aver sofferto con un altro tiro del tedesco e un altro di Mehmedi, Felipe Anderson riesce a crossare basso un pallone che resta faticosamente sulla riga, Keita controlla ma il suo destro è debole; Mehmedi rischia di far nuovamente gol, ma finalmente arriva la gioia biancoceleste, con Keita che si fa 30 metri palla al piede resistendo all’assalto di tre giocatori del Bayer e con l’aiuto del palo batte Leno.

Leggi anche:   Juventus-Lazio, Allegri in conferenza stampa: "Partita importante, obiettivo diverso dal campionato"

Il resto diventa ordinaria amministrazione: due sostituzioni, De Vrij mette paura perdendo momentaneamente i sensi durante uno scontro con Kiessling e Felipe Anderson fa l’egoista pur sfiorando il gol del 2-0. E’ festa all’Olimpico, la Lazio festeggia la vittoria.. e chissà forse la permanenza di Keita? Ma soprattutto, Biglia giocava?!?

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement