Connect with us

News

Coletta: “Andato via per colpa di Lotito”

Published

on

Giulio Coletta è stato responsabile del settore giovanile biancoceleste dal 2004 al 2015. Grazie alla sua professionalità, è riuscito a ricostruire un settore che rasentava il collasso. Si è dimesso all’inizio dello scorso luglio. Il motivo? Sempre il solito, cioè a detta del presidente alcune idee non erano geniali. Coletta ha rilasciato un intervista a “La Lazio Siamo Noi”, dove ha parlato anche di Simone Inzaghi, ora chiamato a sostituire Stefano Pioli. Il nuovo tecnico laziale, infatti, ha iniziato ad allenare proprio con Coletta.

Di cosa si sta occupando in questo momento?

Attualmente collaboro a tempo perso con il Tor di Quinto, grazie al rapporto che mi lega da cinquant’anni al suo presidente. Mi hanno contattato comunque diverse società e sto valutando quelle possibilità che mi consentano di svolgere un lavoro fatto bene. Vorrei far crescere il calcio italiano che sta attraversando una crisi profonda, ormai vanno di moda solo gli stranieri. È come se gli italiani non sapessero più giocare”.

Partiamo dal settore giovanile che ha vissuto un anno di grandi cambiamenti. Qual è la sua opinione sul nuovo ciclo della Lazio?

Secondo me hanno sbagliato tutto, distruggendo undici anni di lavoro. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Purtroppo ognuno vede il calcio a modo suo. Contenti loro, contenti tutti”.

Quali sono le differenze principali tra la Lazio targata Lensen e quella di Coletta?

Lensen è un personaggio che non conosco personalmente, l’ho soltanto intravisto. Sono tuttavia a conoscenza di diverse lamentele, genitori e ragazzi sono scontenti. In tanti vengono anche a cercarmi per chiedere se ci sia la possibilità di un mio ritorno. Ma non se ne parla, io non condivido quello che stanno facendo. Per questo motivo ho dato le dimissioni e sono andato via. Sapevo che la loro politica fosse fallimentare e dunque gliel’ho lasciata attuare senza di me. Non è solo un discorso di risultati. L’anno prossimo, non avendo ragazzi del 2000, per fare gli Allievi Nazionali dovranno comprare 18 giocatori”.

Come potrebbe riassumere i suoi undici anni consecutivi come responsabile delle giovanili laziali?

Sono contento di quello che ho fatto. Sono laziale così come lo era mio padre ed ho potuto fare qualcosa per la squadra per cui ha sempre tifato tutta la mia famiglia. L’ho presa in un momento particolare, dopo il patatrac avvenuto poco prima. Lotito mi ha chiamato per dargli una mano, io mi sono rimboccato le maniche e gradualmente abbiamo creato un bellissimo settore giovanile. Poi evidentemente vedevano le cose in maniera diversa e ho preferito lasciare. Personalmente devo avere la possibilità di adottare i miei metodi, sempre nell’interesse dei ragazzi e della Lazio”.

Leggi anche:   Lazio-Spezia: l'Olimpico si ricolora di Biancoceleste, ecco il dato

Che rapporto aveva con il direttore sportivo Igli Tare?

Non avevamo nessun rapporto. Lavoravamo per compartimenti stagni, ognuno per conto suo. Non c’era alcun tipo di collaborazione o dialogo”.

L’esonero di Pioli è ricaduto anche sulla Primavera che cerca ora un nuovo condottiero. Pensa sia stata la scelta giusta?

Inzaghi lo ritengo un buon allenatore. Dopo aver smesso di giocare, ha iniziato con me prendendo gli Allievi Eccellenza Fascia B per poi passare ai Nazionali. Lavorava bene e sapeva valorizzare i ragazzi, così poi è approdato anche in Primavera. Gli ho sempre augurato di arrivare il più avanti possibile perché se lo meritava. Ora ha una grande possibilità di dimostrare quanto vale, deve stare soltanto sereno e allenare come sa. So che si è portato due collaboratori: il vice Massimiliano Farris e il preparatore atletico Fabio Ripert, due persone molto preparate e serie. Sono convinto che Simone farà bene e voglio fargli un grosso in bocca al lupo”.

Sarà un’occasione importante per Simone Inzaghi. Ritiene sia possibile una sua riconferma anche per la prossima stagione?

A Simone glielo auguro perché se lo merita. Spero vada tutto bene e che sia sereno, ma soprattutto che ragioni con la sua testa. Deve far chi giocare chi lui ritiene opportuno. Ripeto: sono convinto comunque che farà bene”.

A gennaio ha lasciato la Lazio Federico Rausa che ha appena esordito con la Primavera del Vicenza. Un ragazzo su cui i biancocelesti non hanno deciso di puntare:

Rausa era tra i portieri più bravi che aveva la Lazio. Lo posso affermare con serenità, avendo gestito il settore giovanile dal dicembre dal 2004 al giugno del 2015. È un ragazzo che secondo me meritava tranquillamente di fare gli Allievi Nazionali, una sicurezza tra i pali. Evidentemente si è optato per soluzioni diverse, gettando al vento un prodotto delle giovanili paragonabile a Guerrieri. Ritengo sia stato fatto un grandissimo errore. Hanno perso un grosso giocatore di cui ne riparleremo presto”.

Ritornando al suo addio, c’era stato un momento in cui, dopo le dimissioni, Lotito l’aveva richiamata e lei sembrava essere tornato sui suoi passi. Poi cosa è accaduto?

Io sono andato via, così Lotito mi ha convocato per una riunione con l’obiettivo di chiarire tutto. L’abbiamo fatta, ma loro volevano convincermi ad operare secondo il loro modo di vedere le cose. Io non le condividevo, non ritenendole positive. Per questo ho deciso di lasciare l’incarico”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Lazio-Spezia, Gotti in conferenza stampa: ” La Lazio è una squadra di alto livello”

Published

on

Vigilia di Serie A in casa Spezia. La squadra allenata da Gotti domani nella gara delle 12.30 affronterà la Lazio di Sarri. A presentare il match in conferenza stampa è lo stesso tecnico dei liguri. Queste le sue parole:

LA SOSTA – “Purtroppo il filo conduttore di queste due settimane sono state le assenze. Abbiamo pagato un dazio troppo importante, con tre infortunati con le nazionali. In qualche modo, tra il passaggio di stagione con influenze e acciacchi, abbiamo parecchi giocatori che non sono a disposizione o lo sono per un minutaggio relativo. Li porterò sfruttando ogni possibilità. E comunque andremo in campo in undici”.

Rivedremo lo Spezia con i correttivi tattici visti con Sassuolo e Napoli?
“Qualcosa lo rivedremo, come concetto di sicuro. Ma gli interpreti sono diversi, è ovvio che faccia ragionamenti per cercare di far fare ai nostri cosa fanno meglio”. 

Non seguire Sarri alla Juventus le ha aperto un portone involontario?
“È la vita che è così, è sorprendente. Non sempre accade una cosa che sembra negativa e si tramuta in positiva, o viceversa. È difficile dire cosa è bene o cosa male. La storia è cambiata in questa direzione, ma non è detto che sia un bene in assoluto”. 

Bastoni può giocare sulla sinistra?
“Sì, è una cosa che valuto. Ma mi dispiacerebbe toglierlo da dove sta facendo bene”. 

Ellertsson può giocare dall’inizio?
“Ekdal è cresciuto e si è avvicinato molto alla condizione che può permettergli un certo minutaggio in Serie A. Su Ellertsson ho già speso parole molto buone: è un ragazzo che continua a crescere, è un eclettico, può adattarsi in diverse zone e lo prendo sicuramente in considerazione”. 

La Lazio può vincere lo scudetto?
“La Lazio ha di sicuro alcuni giocatori di primo livello, anche se probabilmente sulla carta sembrerebbe ci siano squadre più attrezzate a lungo termine. Questa valutazione l’hanno fatta gli addetti ai lavori l’anno scorso con il Milan. Ci sono crocevia durante i campionati, positivi o negativi, si creano dinamiche che fanno moltiplicare gli aspetti positivi o negativi. Non so cosa accadrà, di sicuro la Lazio è di alto livello”. 

State facendo una tabella per avere un riferimento da qui alla sosta per il Mondiale?
“Adesso non è più tempo di tabelle, fatta la sosta per le nazionali avremo nove partite da qui a novembre, tra campionato e Coppa Italia. C’è da giocare, niente tabelle. Il periodo di latenza del campionato lo utilizzeremo con il miglior percorso per la squadra”. 

Tre portieri cresciuti nell’Udinese in nazionale. Come la analizza?
“Per una serie di motivi, in quella società sono usciti tanti portieri forti. Non solo loro tre: Perisan, Scuffett, tutti nati tra il ’94 e il ’97. L’Udinese è una società particolare, in cui la maturazione forse arriva prima. Non è sempre facile chi individuare come portiere di alto livello tra i giovani. All’Udinese sono state fatte scelte: negli Allievi hai tre portieri e tutti arrivano in Serie A, non è facile immaginarlo. All’Udinese sin da quando i ragazzi sono piccoli ci sono persone e istruttori molto competenti, e mano a mano che i ragazzi crescono trovano persone che implementano il loro percorso. Tutti i nomi fatti non sono solo ottimi portieri, ma sono anche ragazzi splendidi”.

Leggi anche:   Infermeria Lazio: la situazione non è delle migliri
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Lazio Sky Channel sbarca su Sky in chiaro

Published

on

Mancano solo le ufficialità ma la rivoluzione in casa Lazio procede anche sui canali di comunicazione. Potrebbe arrivare a breve l’ufficialità su Lazio Style Channel in chiaro su Sky. Il portavoce della Lazio, Rao, sta limando le ultime cose per togliere l’abbonamento al canale e far usufruire a tutti gli abbonati sky Laziali, i contenuti della società biancoceleste senza ulteriori abbonamenti al canale.

Arriva L’Ufficialità!

Dal 3 ottobre, per la prima volta, il canale Lazio Style Channel sarà in HD e disponibile a tutti gli abbonati Sky del pacchetto Calcio, senza alcun costo aggiuntivo. Il passaggio tecnico per gli abbonati al canale tematico biancoceleste avverrà automaticamente, senza la necessità di disdire il precedente contratto.

Dalla prossima settimana, Lazio Style Channel inizierà a offrire un palinsesto rinnovato e migliorato, che comprenderà numerosi eventi in diretta, gli allenamenti della prima squadra, il racconto live delle partite di questa stagione della Primavera e, in differita, della Lazio Women, nonché l’audiocronaca delle gare della prima squadra (la trasmissione video avverrà in differita al termine del post partita). In aggiunta, le repliche di tutti gli incontri ufficiali della stagione e le immagini delle partite che hanno scritto i nostri 122 anni di storia.

Leggi anche:   Gianluca Rocchi contro Sarri: " Ha esagerato...."
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Biglietteria

Lazio-Spezia: l’Olimpico si ricolora di Biancoceleste, ecco il dato

Published

on

biglietti venduti lazio spezia

Lazio-Spezia sarà il match del pranzo domenicale con le due squadre che si affronteranno alle ore 12.30 di domenica 2 Ottobre 2022. Anche se l’orario può sembrare scomodo, arrivano ottime notizie dalla biglietteria biancoceleste con 35000 spettatori sugli spalti a spingere la rosa di Maurizio Sarri.

Come sottolineato anche da Il Tempo, oltre ai 26193 abbonati, sono stati comprati oltre 8000 biglietti da chi non ha aderito alla campagna Avanti Insieme. Un Olimpico che si tinge nuovamente di biancoceleste con il 12esimo uomo in campo

Leggi anche:   Lazio-Spezia: ecco le statistiche e la designazione dell'Arbitro
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.