Connect with us

Intervista

Di Canio intervista Del Vecchio. Poi sulla Lazio: “Solo Biglia sopra la media. Non c’è un progetto”

Published

on

Paolo Di Canio, ex mai dimenticato dai tifosi laziali, da un po’ di tempo conduce un programma che va in onda ogni lunedì su Fox Sport e che si chiama House of Football. L’ex biancoceleste, alla Lazio dal 1987 al 1990 e poi dal 2004 al 2006 ha collezionato con la squadra capitolina 104 presenze.

Nel corso dell’ultima puntata della sua trasmissione ha ospitato Marco Del Vecchio, ex della Roma, con cui ha fatto una lunga chiacchierata. Tra molte risate e molte battute, Di Canio e Del Vecchio si sono divertiti a ricordare i rispettivi anni passati a Roma. L’ex giallorosso ricorda con piacere le sfide contro la Lazio:

Il derby di Roma era la partita più bella che si potesse giocareTi dava un’emozione unica, anche perché lo stadio non era come adesso che è sempre vuoto. Era pieno zeppo, con gente in piedi e le coreografie. Ricordo con maggior affetto il derby vinto 3-1(della stagione 1997/1998, ndr) dopo averne persi quattro di fila: è stato il derby della svolta, da quell’anno abbiamo ricominciato a vincerli dopo un periodo senza vittorie. Ho vissuto bellissimi momenti a Roma, io con la Lazio avevo rapporti bellissimi (ride, ndr)”.

delvecchio

Tocca poi all’ex biancoceleste che mostra fiero il gol realizzato nel derby del 6 gennaio 2005 e rivolgendosi all’amico dice:

Te lo ricordi questo?

Del Vecchio prima ride e poi esclama:

Sei scorretto perché io in quel derby non c’ero e a me sarebbe piaciuto tantissimo vincere il derby contro un simbolo della lazialità come te”.

C’è spazio, infine, anche per un commento finale sulla Lazio attuale. Di Canio è come sempre critico sulla gestione della squadra e non reputa Lotito all’altezza della situazione:

È una squadra che alterna un anno buono a uno disastroso, un chiaro sintomo di mancanza di progettualità. Non c’è la capacità e l’interesse di migliorare le cose e il problema si lega alla qualità della rosa. L’unico sopra la media del gruppo è Biglia, gli altri sono giocatori normali di un campionato come la Serie A che è al 3° o 4° posto nell’ambito europeo. Non rientra quindi neanche fra i migliori”.

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement