Connect with us

News

Cana: “Sono fiero di aver giocato nella Lazio! Biglia capitano è la scelta migliore”

Published

on

Lorik Cana ha lasciato la Lazio, dopo quattro stagioni, per firmare con il Nantes. Il difensore albanese ha parlato ieri sera ai microfoni di Radio Olympia raccontando la sua esperienza con la maglia biancoceleste: “Sono fiero di aver indossato la maglia della Lazio. Sono stati anni intensi e ho vissuto tante emozioni. Tutti i tifosi sanno che quando ho vestito questa maglia non ho mai mollato neanche per un secondo, lottando sempre. Sono stato anche fischiato qualche volta ma non è un problema, in passato a volte sono stati fischiati anche grandi campioni come Boksic e Veron figuriamoci io. Ringrazio tutti i tifosi perché ho sempre sentito il loro sostegno e auguro la miglior fortuna a loro e a tutta la Lazio”. Cana ha poi parlato del suo addio e della sua decisione di tornare in Ligue1: “E’ stata un’estate particolare. Lo scorso anno ho incontrato la società e il mister, ma non avevamo preso una decisione definitiva. Poi è arrivata un’offerta da una squadra francese e la società mi ha dato il permesso di trattare perché la rosa per il prossimo anno era già fatta e completa, lasciandomi la possibilità di trovare un’offerta da un altro club. Il Nantes è un’opportunità importante per giocarmi l’Europeo, ho avuto anche altre trattative e avrei voluto definire il trasferimento un po’ prima, ma con il presidente Lotito non è sempre facile (ride, ndr). Ci sono stati problemi per trovare l’accordo sulla buona uscita e la rescissione. Ho bisogno di giocare con continuità per arrivare in condizione per l’Europeo”. Cana ha anche commentato la nuova rosa biancoceleste: “I nuovi acquisti della Lazio meritano fiducia. Hoedt ha doti importanti e può imparare molto, è bravo anche nel gestire il pallone, sia nel disimpegno corto sia nel lancio lungo. Kishna è veramente un ottimo calciatore con grandissima prospettiva, però è giovane e deve ambietarsi e capire la piazza di Roma. Ma le sue doti le ha già mostrate. Berisha ha qualità importanti, è molto tranquillo e sereno. E’ un portiere fantastico diventerà uno dei migliori portieri in Europa, ne sono convinto. Marchetti è un grande portiere e non è semplice fare il secondo, dover dimostrare tutto in quelle poche occasioni a disposizione. Ma lui ha la giusta serenità e le sta sfruttando bene”. Poi sulla scelta di Lucas Biglia come capitano: “Ho passato quattro anni a Roma e ho vissuto tante situazioni, belle e brutte. Momenti sereni ed entusiasmanti e periodi difficili da superare. Per questo dico che avrei fatto la stessa scelta. Biglia è la scelta migliore. Lo scorso anno ha preso per mano il centrocampo e tutta la squadra. Ha giocato una finale mondiale e ha la giusta esperienza internazionale. La Lazio ha deciso di costruire intorno a lui la squadra del futuro. Per essere capitano non basta essere amato dalla gente, non bastano le presenze con la maglia o i gol. Capitano si nasce. E Biglia è un leader carismatico. Il capitano si preoccupa della condizione della squadra, vive tutti i momenti della settimana con una visione diversa. Lui è stato capitano in Belgio, io sono diventato capitano giovanissimo nell’OM e so cosa significa”. Infine un commento sulla scelta di richiamare Stefano Mauri: “L’ho frequentato molto in questi anni. E’ il simbolo di questa società. Equilibrato e con la testa sulle spalle, conosce molto bene la piazza e quando c’è stata la possibilità di riprenderlo la Lazio ha fatto bene a non farsi scappare l’occasione. Non è il mio capitano ideale perché è molto calmo, interpreta il ruolo in modo diverso, organizzando e gestendo i compagni. Però è un simbolo e in campo indispensabile. La Lazio ha fatto bene a riprenderlo”

Leggi anche:   Biglietti Roma-Lazio 2022: info e costi
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Sturm Graz-Lazio, Sarri in conferenza stampa: ” Partita di coppa europea stasera, alta intensità e aggressività “

Published

on

lazio hellas verona

La Lazio esce con un buon pari in terra austriaca. La qualificazione come prima del girone in attesa della partita tra Feyernood e Midtjylland, ora appare dura ma non impossibile. Al termine della gara mister Sarri ha commentato il match in conferenza stampa:

Che partita è stata?

Partita di coppa europea, alta intensità e aggressività. Abbiamo in parte sofferto, in parte ci abbiamo messo del nostro. non possiamo sbagliare così tanto tecnicamente, un po’ anche per il terreno, troppe palle perse in modo banale. Non abbiamo fatto bene, ci sono aspetti positivi, una squadra che perde così tanti palloni mette la difesa in difficoltà. Potevamo sfruttare di più il loro calo. Si poteva perdere non avendo espresso il meglio. 

La testa non fa muovere le gambe?

Ho visto errori tecnici, qualcuno anche banale. Fosse stato un problema di testa non saremmo rimasti solidi, avremmo perso. 

Lo scorso anno questa partita si sarebbe persa? 

Uno degli aspetti positivi la solidità difensiva, anche Gila ha fatto una gara di altissimo livello. Tanti aspetti positivi, quando si gioca così spesso la serata in cui giochi sporco tecnicamente può uscire fuori. Mentalmente la partita non è stata sottovalutata, i ragazzi in campo c’erano, poi si può giocare bene o male. Ma ci siamo stati. 

Condizioni difensori?

Gila penso abbia contrattura per il dolore sentito. Romagnoli ha avuto un disturbo gastrointestinale a fine gara. 

Leggi anche:   Biglietti Roma-Lazio 2022: info e costi
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Sturm Graz – Lazio, le pagelle

Published

on

La Lazio pareggia in casa dello Sturm Graz nell’ultima partita di andata dei gironi di Europa League. Uno zero a zero che non convince e che porta i biancocelesti a soli quattro punti in classifica dopo tre giornate.

LAZIO (4-3-3) -Provedel 7; Hysaj 6, Gila 6 (29′ st Patric 5.5), Romagnoli 6.5, Marusic 7- (1′ st Lazzari 5.5); Milinkovic 5 (18′ st Vecino 5), Cataldi 5.5, Luis Alberto 6; Felipe Anderson 5(1′ st Zaccagni 6), Immobile 5.5, Pedro 6(27′ st Cancellieri 5.5).  A disp.: Maximiano, Magro, Radu, Marcos Antonio, Basic, Romero. All. Sarri

Leggi anche:   Lazio-Sturm Graz: le formazioni ufficiali
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Sturm Graz Lazio 0-0| cronaca e tabellino del match

Published

on

La Lazio non centra i 3 punti nella sua seconda trasferta europea della stagione e complica ancora di più la corsa al primo posto nel girone. I ragazzi di Sarri confermano il trend negativo fuori casa delle ultime stagioni, e l’ultima vittoria in Europa League lontana dalle mura amiche risale ormai allo scorso novembre contro la Lokomotiv Mosca.

LA CRONACA DEL MATCH

PRIMO TEMPO

Al 18’ Provedel sbaglia un rilancio, Vick intercetta e serve Horvat che dal limite non inquadra lo specchio.

Al 32’ ancora lo Sturm con Prass, che dalla distanza spara alto.

SECONDO TEMPO

Al 51’ sul cross di Dante si inserisce Ajeti, la palla poi finisce sui piedi di Affengruber che da buona posizione non trova la porta.

Al 61’ Zaccagni conclude con il sinistro e Siebenhandl si immola in tuffo salvando i suoi.

Al 62’ sul cross di Pedro si distende Immobile che però manda fuori con il destro.

Al 79’ il Var annulla un gol alla Lazio per posizione di fuorigioco di Immobile.

Al 81’ lo Sturm rimane in dieci per la doppia ammonizione di Gazibegovic.

IL TABELLINO DEL MATCH

STURM GRAZ-LAZIO 0-0

STURM GRAZ (4-3-1-2): Siebenhandl; Gazibegovic, Affengruber, Wuthrich, Dante; Hierlander (76′ Ljubic), Stankovic, Prass (84′ Ingolitsch), Horvat (70′ Kiteishvili); Ajeti (76′ Sarkaria), Boving (70′ Fuseini).

A disp.: Maric, Schutzenauer, Borkovic, Jantscher, Oroz, Schnegg, Wels.

All.: Christian Ilzer

LAZIO (4-3-3): Provedel; Hysaj, Gila (74′ Patric), Romagnoli, Marusic (46′ Lazzari); Milinkovic (63′ Vecino), Cataldi, Luis Alberto; Felipe Anderson (46′ Zaccagni), Immobile, Pedro (72′ Cancellieri).

A disp.: Maximiano, Magro, Radu, Marcos Antonio, Basic, Romero.

All.: Maurizio Sarri

Arbitro: Benoît Bastien (FRA).

Assistenti: Hicham Zakrani (FRA) – Aurélien Berthomieu (FRA)

IV uomo: Jérémie Pignard (FRA)

V.A.R.: Rob Dieperink (NED)

A.V.A.R.: Ingmar Oostrom (NED)

NOTE. Ammoniti: 23′ Ilzer (S), 25′ Cataldi (L), 34′ Hierlander (S), 35′ Gazibegovic (S), 88′ Patric (L), 90′ Siebenhandl (S), 90’+5′ Kiteishvili (S).

Espulsi: 81′ Gazibegovic per doppia ammonizione (S)

Recupero: 5′ st.

UEFA Europa League | Gruppo F, 3 ª giornata

Giovedì 6 ottobre 2022, ore 18:45

Stadion Graz Liebenau, Graz (AUT)

Leggi anche:   Sturm Graz-Lazio, Sarri in conferenza stampa: " Noi possiamo crescere per poter diventare competitivi, non vincenti ".
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.