Biava torna su Atalanta Lazio:” Chiedo scusa per il gol”

Biava si scusa per il gol dell”ex”

BIAVA TOTTI

Giuseppe Biava, un passato nella Lazio che ha ammutolito tutti coloro che lo criticavano. Poco conosciuto ma tanto amato dal popolo biancoceleste. Un punto di riferimento della difesa, un’esperienza che spesso portava un rinforzo mentale a tutta la linea difensiva ma sopratutto un punto fondamentale nella Lazio di Ieri.
Il difensore bergamasco torna sulla partita scorsa e sul suo gol chiedendo scusa.
Hai segnato contro di noi, ma non hai esultato…

“Purtroppo è capitato, non avrei mai potuto esultare…”

Una tua visione di Atalanta-Lazio?

Noi dell’Atalanta abbiamo fatto la miglior partita dell’anno e loro forse non si aspettavano una partita del genere da parte nostra. Poi hanno reagito e l’hanno pareggiata. L’assenza di Klose ha pesato lì davanti, se lui fosse stato in campo avrebbe potuto sfruttare le occasioni create”

Ma la prestazione è stata merito di Reja?

Leggi anche:   Ancelotti ed il Napoli arriva l'esonero dopo la vittoria con il Genk

“Da quando è arrivato Reja siamo migliorati pian piano e con la Lazio abbiamo fatto la nostra miglior partita. L’importanza della gara ci ha dato la spinta per fare un buona partita e ci siamo riusciti”

Guardando la classifica della Lazio, hai qualche rimpianto per averla lasciata quest’anno?

“Guardando il campionato che ha fatto e la posizione in classifica un po’ di rammarico c’è. Il dispiacere c’è stato, è stata la scelta più difficile della mia vita calcistica perché sapevo quello che lasciavo. Però ho avuto modo di stare vicino alla mia famiglia”

Cosa ne pensi dell’assenza di de Vrij?

“Ho visto parecchie partite della Lazio, l’assenza di de Vrij si è fatta sentire di più di altre. E’ un giocatore importante. Pure Gentiletti che ha giocato poche partite, ma mi ha impressionato per la personalità. I biancocelesti hanno trovato due centrali di ottimo livello”

Sul gol Mauricio ti ha lasciato spazio…

Leggi anche:   Serie A: le designazioni della sedicesima giornata. Ecco l'arbitro di Cagliari - Lazio

“La Lazio sinceramente marca a zona, quindi non credo sia la colpa di un singolo. Chiunque attacchi se la difesa marca zona basta il tempo giusto per buttarla dentro. Non è stato errore di Mauricio, lo sarebbe stato se la marcatura fosse stata a uomo”

Hai mai pensato che avresti meritato qualche cosa in più nella tua carriera?

“Io sono arrivato tardi in Serie A e il mio percorso è giusto che sia andato così, da giovane non ero pronto. Poi sono arrivato alla Lazio a trentadue anni e mi sono giocato le mie chance anche lì facendo buoni campionati. Ho fatto il massimo, più di così non potevo fare”

Qualche tuo ex compagno di squadra ti ha detto qualche cosa sul gol?

“Sì, Radu, Marchetti e Candreva. Mi sentivo un po’ in difficoltà visto il risultato della Roma,avrei preferito segnare la settimana prima a Cesena e vincere la partita. Mi hanno detto ‘Ma proprio con noi dovevi fare gol? ‘. Però non posso programmare certe cose”

Chi merita la Champions secondo te?

“Se dovessi guardare il campionato penso sia proprio la Lazio che merita di andare in Champions, la sua sfortuna è avere un calendario duro. Il nostro pareggio può avere dato una scossa. Con noi sono arrivati troppi sicuri di se e avendo preso una mezza sberla magari trovano lo stimolo per riprendere il cammino”

Vuoi dire qualche cosa ai tifosi laziali per il gol che hai segnato?

“Posso chiedere scusa, sperando che il mio gol e il pareggio di domenica non compromettano nulla”

Vuoi continuare a giocare?

Leggi anche:   Cagliari - Lazio affidata a Maresca: i precedenti

“Io mi diverto a giocare, ho voglia di giocare ancora. Se l’Atalanta vorrà tenermi sarò lieto di continuare”

Fonte 1900tv\lalaziosiamonoi