Assedio Mediatico: ” Infastidisce ma non ci spaventa e ci compatta”

Torna a parlare Arturo Diaconale in merito all’assedio mediatico che sta colpendo la Lazio. Parole che abbiamo letto e che “quotiamo” su ogni singola virgola.

Chi ci segue da anni sa benissimo quale è la nostra linea di pensiero ed i nostri passati ” schieramenti ” che possano piacere oppure no. Ma ultimamente, in questi ultimi anni le asce di guerra tra le fazioni createsi nel mondo della Lazio vengono abbandonate e questo grazie anche i ripetuti attacchi. NB non parliamo a nome di tutti ma almeno a nostro nome. Attacchi da destra a sinistra, sul campo, fuori dal campo e sui giornali. Sempre soli contro tutti ma l’intento non è riuscito e ne mai riuscirà, perchè se volevano distruggerci, ci hanno compattati tutti quanti!

Leggi anche:   De Martino sul momento della Lazio: "I primi dispiaciuti sono all'interno del Centro sportivo"

Arturo Diaconale ha pubblicato oggi sul suo sito, il taccuino biancoceleste in merito alle ultime guerre intraprese dai giornalisti verso la Lazio:

Taccuino biancoceleste – Sbagliano quanti pensano che aggredire personalmente Claudio Lotito e creare tensioni attorno alla Lazio possano provocare la moltiplicazione di ostacoli insormontabili sulla strada che la squadra biancoceleste intende percorrere alla ripresa del campionato.

Leggi anche:   Spadafora su Gasperini ed il suo Club Manager: "Giusto che si attivi la Procura Federale".

Il clima d’assedio mediatico può infastidire ma non spaventa perché a questo clima la società ed i giocatori sono abituati da anni ed anni di aggressioni e di pregiudizi sempre e comunque infondati. Chi vuole intimidire, quindi, rischia di provocare l’effetto opposto. Cioè di compattare un ambiente, squadra e tifoseria, perfettamente consapevoli che questo è il prezzo da pagare per chi osa sfidare i poteri tradizionali e consolidati in anni ed anni di predominio incontrastato. Vincere in queste condizioni sarà ancora più importante, piacevole ed esaltante!

Leggi anche:   Inzaghi :" Dobbiamo uscire da questo momento"