Connect with us

Accadde Oggi

Accadde Oggi: Lazio-Campobasso 1-0. Il ricordo di Fabio Poli

Published

on

Torniamo indietro nel tempo fino al 5 luglio 1987, un salto lungo 29 anni. Al San Paolo di Nappoli si affrontavano Lazio e Campobasso in una partita decisiva per il futuro di entrambe le squadre. Si giocava, infatti, lo spareggio per la permanenza in serie B. La squadra di Eugenio Fascetti, penalizzata di 9 punti ad inizio campionato, affrontava la compagine molisana in una partita da dentro o fuori. Come tutti sappiamo finì 1-0 per la squadra capitolina, grazie al goal di Fabio Poli. Così i biancocelesti poterono festeggiare la permanenza nella serie cadetta. Perdere avrebbe voluto dire scomparire dal calcio che conta, ma per fortuna ciò non accadde e la Lazio fu ancora viva. Un giorno indimenticabile per tutto il popolo laziale.

A quasi 3 decenni di distanza da quel pomeriggio a Napoli, proprio colui che con una sua rete salvò i biancocelesti, Fabio Poli, ha voluto ricordare, ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3, i momenti di quel giorno indimenticabile:

Ho avuto la fortuna di trovarmi in area su un cross di Piscedda: ho colpito bene la palla con la testa e per fortuna andò in rete. Lì per li non mi resi conto della situazione. Una volta finita la partita capii e capimmo quello che avevamo fatto. La cosa più bella non è il gol in sé, ma quello che ha significato in questi ultimi 30 anni. I tifosi mi hanno sempre omaggiato come fosse una cosa successa ieri, il loro amore non si placa mai. I laziali sono fantastici per questo”

Poi Poli continua parlando della difficoltà di quella stagione:

Quel campionato fu veramente difficile, partivamo con 9 punti di penalizzazione, in quel periodo con ogni vittoria ne prendevi due, vuol dire che abbiamo dovute vincere 5 partite per recuperare. Eravamo quasi riusciti a salvarci tranquillamente, ma un paio di sconfitte ci ributtarono nella mischia. La partita col Campobasso ovviamente fu fondamentale, ma la più difficile a livello emotivo fu quella con il Vicenza, l’ultima in campionato, per fortuna andò tutto bene”.

In conclusione l’ex attaccante biancoceleste parla anche di mister Fascetti, facendo un paragone moderno:

Era un uomo straordinario. Un padre per noi. A volte non ti parlava a volte era calmo e gentile. Ma teneva alla sua squadra in maniera straordinaria. Ci difendeva e ci proteggeva da qualsiasi squadra. Fece diventare la Lazio una famiglia e creare un gruppo all’interno di una squadra è fondamentale. Conte, per esempio, è stato straordinario in questo. La Nazionale prima di essere un gruppo di calciatori, in questo Europeo è stata un gruppo di amici e di uomini e così era anche la banda del meno 9”

E noi non smetteremo mai di ringraziare Fabio Poli, ma anche Eugenio Fascetti e tutti i protagonisti di quella fantastica squadra che con l’aquila stilizzata sul petto salvò la Lazio dagli abissi della Serie C.

Continua la Lettura
Advertisement

Since1900, Affiliato ufficiale di Binance

Advertisement

Ultime notizie

Classifica

Advertisement

Copyright © 2023 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.