Connect with us

Focus

I VIP che tifano Lazio

Published

on

Il derby della Capitale è uno di quelli più sentiti, si sa, tant’è che Lazio e Roma potrebbero perdere tutte le partite della stagione ma dal confronto con l’eterna rivale bisogna assolutamente uscire vittoriosi. Sono tantissime le persone che non si perderebbero il derby romano per nulla al mondo e tra loro alcune sono anche famose; ma chi, tra i vip, porta con orgoglio la sciarpa biancoceleste? Non siete curiosi anche voi di conoscere i nomi di tutti i vip che tifano Lazio?

Tra gli sportivi troviamo il mitico Andrea Bargnani, cestista italiano oggi in NBA e anche il calciatore Alessandro Nesta che addirittura rifiutò (pare più che altro per l’insistenza del padre laziale) l’iniziale ingaggio alla Roma nei primi anni di carriera. In ambito internazionale troviamo come tifosi o per lo più simpatizzanti laziali Russell Crowe, immortalato con la maglia biancoceleste durante la visita al Colosseo per la presentazione de Il GladiatoreRobbie Williams e Mike Tyson.
Tra i nomi di tutti i vip che tifano Lazio troviamo anche tantissimi attori italiani, a partire da Asia Argento (anche suo padre Dario, il famoso regista, è di fede laziale), Enrico Brignano, Nancy Brilli, Margherita Buy e anche Christian De Sica. Oltre a questi, tra i vip che tifano Lazio non possiamo dimenticare Anna Falchi, Sandra Milo e Violante Placido.
Grandi appassionati della Lazio sono anche Pino Insegno, Enrico MontesanoRaoul Bova. Dulcis in fundo, l’attore Giorgio Pasotti.
Questi sono solo alcuni tra tutti i vip che tifano Lazio e infatti il nostro elenco non finisce qui: anche la conduttrice Ilaria D’Amico è di fede laziale, così come il grande (in tutti i sensi) giornalista sportivo Giampiero Galeazzi, una volta canottiere olimpico. Tra tutti i vip che tifano Lazio non possono poi mancare il cantante Massimo Di Cataldo e il vincitore di X-Factor Marco Mengoni. Chiudono la classifica il politico Francesco Rutelli e lo scrittore di romanzi per adolescenti Federico Moccia.

Lista di alcuni personaggi:

Acori Leonardo ( allenatore )
Agus Gianni ( attore )
Alfieri Alfiero ( attore )
Argento Asia ( attrice )
Argento Dario ( regista )
Arigliano Nicola ( cantante )
Baccini Giancarlo ( giornalista ed ex atleta Lazio Nuoto )
Barazzutti Corrado ( C.T. naz.le tennis e Campione di Coppa Davis )
Barelli Paolo ( presidente FIN ed ex nuotatore Lazio )
Bargnani Andrea  ( basket NBA )
Battisti Lucio ( cantante – lo disse il papà in un´intervista )
Bezzi W.Gianni ( giornalista RaiSport )
Biagiotti Lavinia ( stilista di moda )
Bocci Cesare ( attore )
Boggiatto Alessio ( nuotatore )
Botteri Giovanna ( giornalista Rai )
Brancoli Rodolfo ( ex-giornalista Rai )
Brega Mario ( attore )
Brignano Enrico (attore comico)
Brilli Nancy (attrice)
Buglioni Paolo ( attore e doppiatore )
Buy Margherita (attrice)
Calori Alessandro ( all´unanimità ! )
Capua Pino ( medico Coni )
Carra Enzo ( politico )
Casoni ( tutta la famiglia ” ad honorem ” )
Castellano Franco ( regista )
Ceccarelli Daniela ( Campionessa Mondiale di sci )
Cerracchio Vincenzo ( giornalista )
Cesa Lorenzo ( politico )
Cestiè Renato ( attore )
Chimenti Franco ( presidente Federgolf )
Cleri Valerio ( campione mondiale nuoto in acque libere 25km. )
Colabona Sergio ( regista TV-Rai )
Corbucci Bruno ( regista )
Costa Alberto ( giornalista e fondatore Lazio Club Milano )
Cruciani Giuseppe ( giornalista La7 )
Cucchi Riccardo ( giornalista Rai )
Curzi Sandro ( giornalista )
D´Amico Ilaria ( conduttrice SKYSport )
D´Angelo Gianfranco ( attore )
D´Angelo Laura ( attrice )
Daniele Eleonora ( conduttrice Rai )
De Angelis Guido ( editore )
De Angelis Guido ( musicista )
De Angelis Maurizio ( musicista )
De Grandis Mimmo ( giornalista )
De Sica Cristian ( attore )
Del Turco Ottaviano ( sindacalista-politico )
Di Battista Stefano ( musicista )
Di Cataldo Massimo ( cantante )
Disegni Stefano ( fumettista )
Don Lurio ( coreografo )
Donati Aldo ( cantante ed autore inno Lazio )
Elsner Gianni ( giornalista radiofonico)
Fabrizi Elena detta Lella ( ristoratrice e attrice )
Falchi Anna ( attrice )
Ferragni Fabrizio ( giornalista Rai )
Ferrari Fabio ( attore-figlio di Paolo )
Ferrari Paolo ( attore )
Ferretti Claudio ( giornalista Rai )
Ferretti Mario ( radiocronista )
Filippi Flavia ( presentatrice TV )
Fiori Publio ( politico )
Flaherty Lorenzo ( attore TV )
Focolari Furio ( giornalista e dirigente Puma )
Frajese Paolo ( giornalista )
Franzelli Marco ( giornalista RaiSport )
Galasso Giulio ( giornalista TV )
Galeazzi Giampiero ( ex stupendo-canottiere – giornalista RaiSport )
Garinei Enzo ( attore )
Garrone Riccardo ( attore )
Gentile Federica ( giornalista Rai2 )
Giorgi Eleonora ( attrice )
Giorgia Todrani ( cantante )
Giuliani Angelo ( comandante VV.FF. Di Roma )
Governi Giancarlo ( giornalista )
Governi Massimiliano ( scrittore )
Grant Hugh ( attore )
Guarnera Edoardo ( cantante )
Hampton Demetra ( attrice in Valentina di Crepax )
Howe Andrew ( atleta )
Inardi Massimo ( campione di Rischiatutto )
Insegno Pino ( attore TV )
Interlenghi Antonellina ( attrice-figlia di Franco ed Antonella Lualdi )
Interlenghi Franco ( attore )
Kostner Isolde ( ex-sciatrice )
La Porta Gabriele ( filosofo e scrittore )
Lai Ubaldo ( attore )
Leone Andrea ( figlio di Sergio e giocatore Lazio giovani )
Leone Sergio ( regista )
Leroy Philippe ( attore e paracadutista sportivo )
Lo Cicero Andrea ( rugbista )
Lovelock Ray ( attore )
Loy Nanni ( regista )
Lualdi Antonella ( attrice )
Luzzi Ezio ( giornalista Rai )
Maestrelli Massimo
Maestrelli Maurizio
Maffei Fabrizio ( direttore Rai Trade )
Maffei Michele ( schermitore )
Malco Tony ( cantante )
Mangano Silvana ( attrice )
Marchesini Anna ( attrice )
Marconi Nicola ( campione di tuffi )
Marini Franco ( sindacalista ed ex Presidente Senato )
Marino Salvatore ( attore- conduttore ) si attendono altre conferme
Marroni Stefano ( giornalista-direttore Rai 3 )
Martines Alessandra ( attrice )
Martini Luigi ( ex-giocatore, pilota e politico )
Martino Bruno ( cantante )
Masala Daniele ( ex nuotatore e pentatleta )
Masi Mauro ( dirigente RAI )
Mattei Stefano ( giornalista Rai )
Maya Veronica ( presentatrice RAIUNO )
Mazza Mauro ( direttore RAIUNO )
Mbwanga Bauna Fidel ( giornalista RAITRE )
Melillo Angela ( soubrette TV )
Melli Franco ( giornalista )
Mengoni Marco ( cantante ex X-Factor )
Milo Sandra ( attrice )
Mimùn Clemente J. ( giornalista )
Moccia Federico ( scrittore )
Moccia Giuseppe detto Pipolo ( regista )
Montesano Enrico ( attore )
Morabito Vincenzo ( procuratore calciatori )
Morace Carolina ( ex calciatrice-allenatrice )
Moretti Emiliano ( calciatore Genoa )
Moro Fabrizio ( cantante )
Napolitano Giulio ( accademico )
Neri Francesca ( attrice e poduttrice )
Noschese Alighiero ( imitatore )
Odescalchi Nicoletta ( principessa romana )
Orsini Umberto ( attore )
Panelli Paolo ( attore )
Pannella Giacinto detto Marco ( politico )
Pantano Stefano ( ex Campione del Mondo di scherma-opinionista radio )
Pasotti Giorgio ( attore )
Pasquetti Pietro ( giornalista RAITRE )
Pecci Daniele ( attore )
Pedersoli Carlo/Bud Spencer ( ex-nuotatore ed attore )
Pennacchia Mario ( giornalista e storico SS Lazio )
Pescante Mario ( politico )
Petrucci Gianni ( presidente Coni )
Picone Carlo ( giornalista )
Pietrangeli Nicola ( ex-tennista )
Pigni Paola in Cacchi ( ex-atleta )
Piperno Alessandro ( scrittore )
Pistorius Oscar ( atleta )
Placido Violante ( attrice )
Poggi Daniela ( attrice )
Portanova Daniele ( giocatore Bologna )
Previti Cesare
Putzer Karen ( sciatrice )
Recanatesi Franco ( giornalista )
Reina Daniela ( atleta )
Riva Bonavolontà Antonello ( regista ed autore TV – figlio di Mario )
Riva Bonavolontà Mario ( attore )
Rutelli Francesco ( politico )
Sabelli Fioretti Claudio ( giornalista )
Sandulli Piero ( docente universitario )
Santoni Elisa ( ginnasta olimpica )
Saráiva Martins José ( cardinale )
Savoia Mafalda Maria Elisabetta di ( principessa )
Scaccia Pino ( giornalista RAI )
Scala Delia ( oubrette )
Simoncelli Davide ( sciatore Campione Mondiale 2010 )
Simonetti Claudio ( musicista )
Simonetti Tullio ( magistrato )
Siria ( cantante )
Socillo Bruno ( giornalista Rai )
Somma Mario ( allenatore calcio )
Sortino Alessandro ( ex Iena TV )
Spagnoli Pietro ( baritono )
Spinesi Gionatha ( giocatore Catania )
Steno Vanzina ( regista )
Suor Paola
Tamburi Jenny ( attrice )
Tieri Aroldo ( attore )
Timperi Tiberio ( presentatore RAIDUE )
Todrani Giulio ( padre Giorgia-cantante anche lui )
Trilussa – Carlo Alberto Salustri ( poeta romanesco )
Turci Paola ( cantante )
Vallone Eleonora ( attrice-showgirl )
Vallone Maurizio ( ex nuotatore e giornalista RAISport )
Valori Bice ( attrice – si attendono conferme )
Vanali Monica ( valletta TV sport )
Vassart Virginie ( presentatrice TV )
Villa Roberto ( attore, fra i fondatori del Lazio Club Milano )
Violati Giulio ( marito di M.Grazia Cucinotta ex pilota auto )
Volpe Adriana ( soubrette TV presentatrice RAIDUE )
Zamparo Tania ( ex Miss Italia )

Leggi anche:   Lotito sul caso Juventus e rinnovo Milinkovic Savic

Lista “  VIP simpatizzanti “  Lazio

Base Giulio ( regista-attore TV )
Ciotti Sandro (giornalista – si attendono conferme)
Clerici Antonella ( presentatrice RAIUNO )
Collina Pierluigi ( dirigente arbitrale )
Cucinotta M.Grazia ( attrice e produttrice )
De Grenet Samantha ( presenzialista TV )
Deledda Grazia ( poetessa e premio A.Nobel )
Don Lurio ( coreografo )
Montezemolo Cordero Luca ( industriale )
Vallone Raf ( attore ed ex-giocatore Torino )
Varone Sara ( showgirl TV )
Vocalelli Alessandro e famiglia

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

Focus

Stadio Olimpico di Roma

Published

on

stadio olimpico di roma

Lo stadio Olimpico è un impianto sportivo polifunzionale italiano di Roma, che sorge presso il complesso del Foro Italico, alle pendici di Monte Mario, nel settore nord-occidentale della città.

Storia Stadio Olimpico di Roma

Nonostante sia uno stadio olimpico, dunque esclusivamente dedicato allo sport, furono anche realizzati concerti musicali, in particolar modo il concerto di Claudio Baglioni del 6 giugno 1998, che detiene tutt’ora il record spettatori all’Olimpico con un totale di oltre 90.000 spettatori, grazie al fatto che il palco si trovava al centro dello stadio e il pubblico lo circondava riempiendo tutti i posti a sedere .

Ideato nel 1927 e originariamente noto come stadio dei Cipressi, nacque su progetto di Enrico Del Debbio, per poi essere ripreso nel 1937 da Luigi Moretti e usato come quinta scenica dei giochi del periodo fascista; abbandonato durante la guerra e utilizzato come autoparco dalle truppe alleate, nel 1949 ne fu deciso dal CONI, suo proprietario, il completamento a cura di Annibale Vitellozzi, che lo ultimò nel 1953; all’epoca noto come stadio dei Centomila per via della capienza che si aggirava intorno ai 100.000 posti, fu ribattezzato stadio Olimpico dopo l’assegnazione a Roma dei Giochi olimpici del 1960.

Ospita fin dall’inaugurazione, avvenuta il 17 maggio 1953, gare di calcio, atletica leggera e altri sport, oltre a eventi extrasportivi come concerti e rappresentazioni sceniche. Dal 1953, salvo brevissime interruzioni dovute a lavori di ristrutturazione, ospita gli incontri interni delle due maggiori squadre calcistiche professionistiche della Capitale, la Lazio e la Roma; ospita regolarmente anche riunioni e competizioni ufficiali di atletica leggera, come il Golden Gala dal 1980, i campionati europei di atletica leggera del 1974 e quelli mondiali del 1987.

Come Arrivare allo Stadio Olimpico di Roma?

In autobus: nei pressi dello Stadio Olimpico si trovano le fermate “Piazzale della Farnesina”, “Boselli”, “De Bosis” e “De Bosis/Stadio Tennis”, tutte distribuite lungo il perimetro del Foro Italico fino ad arrivare al Palazzo della Farnesina, a poca distanza dallo stadio. Le linee che servono queste fermate sono principalmente il 32, il 168, e il 628.

Uno snodo utile per raggiungere lo stadio è la fermata Ottaviano, sulla linea della metropolitana A. Raggiungendo questa fermata con la metro, si potrà poi prendere l’autobus n32 in direzione stadio.

Leggi anche:   Felipe Anderson ed il suo sogno, il brasiliano si racconta a Binance

In alternativa, sempre sfruttando la linea della metro A, si può scendere alla fermata Flaminio da cui poi prendere il tram n2 fino al capolinea di Piazza Mancini .

In auto: arrivando in auto da fuori città da qualunque autostrada bisogna imboccare l’uscita n5 (Flaminia) e seguire le indicazioni per lo stadio/Foro Italico.

Ci sono tre aree parcheggio dedicate allo Stadio Olimpico, negli spazi limitrofi al Foro Italico: Piazzale Clodio; Viale XVII Olimpiade (zona Flaminia/Auditorium); Viale Tor di Quinto (altezza caserma Salvo D’Acquisto).

Capienza Stadio Olimpico di Roma

SettoreCapienzaNote
Tribuna Monte Mario14.266Include l’area d’onore così composta:Tribuna d’Onore Centrale (Centrale Sinistra – Centrale – Centrale Destra);Tribuna d’Onore Laterale (Laterale Sinistra – Laterale Destra);Tribuna Autorità (Autorità Sinistra – Autorità Centrale – Autorità Destra);Tribuna Autorità CONI (5 file di poltrone colorate di blu, rosso, giallo, verde e nero);Palchi (Centrali e Laterali);Superpalchi.Inoltre, sono presenti due aree ospitalità (“Corporate” e “Piazza Italia”). Le poltrone di tribuna autorità e autorità CONI sono riscaldate elettronicamente e godono di schermo LCD touch screen con diretta TV della partita.
Tribuna Tevere16.527Divisa in “Tribuna Tevere” e “Tribuna Tevere TOP”
Distinti Nord Est5.636
Distinti Nord Ovest5.597Settore ospiti per le partite casalinghe della Roma
Distinti Sud Ovest5.765Settore ospiti per le partite casalinghe della Lazio
Distinti Sud Est5.702
Curva Nord7.500Settore principale del tifo organizzato della Lazio
Curva Sud7.500Settore principale del tifo organizzato della Roma
Tribuna Stampa553
Totale69.046

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Focus

Stemma Lazio: la Storia

Published

on

Storia stemma Lazio | Lo stemma della Lazio è l’aquila, scelta come simbolo di potere, vittoria e prosperità. L’ha scelto Fortunato Ballerini, presidente dell’Associazione e dell’Assessorato all’Escursionismo. In varie escursioni aveva visto le aquile. Forse questo lo ha ispirato a sceglierlo come simbolo. Lo stemma ha subito nel corso degli anni diverse modifiche: il primo vero stemma ufficiale, ideato nel 1912, raffigura uno scudo a strisce verticali bianche e azzurre, con sopra un’aquila, che regge un nastro A con il nome dell’azienda, prima la c’ è un semplice scudo con i colori aziendali.

  • Lo stemma nella sua prima versione del 1912

Lo stemma nella versione del 1914

  • Lo stemma nella versione del 1921
  • Lo stemma nella versione del 1927. Il regime fascista impone l’utilizzo del fascio littorio

Storia Stemma Lazio dal 1940 al 1958

Qualche stagione dopo, sul logo della Lazio comparirà la scritta “Roma”, modificata per volere del regime di Mussolini negli anni Venti. Alla fine della dittatura, lo stemma della Blue Flower Society fu ridisegnato secondo lo stile originario.

  • Lo stemma nella versione del 1940
  • Lo stemma in un’altra versione del 1940
  • Lo stemma nella versione del 1943. Scompare il fascio littorio
  • Lo stemma nella versione del 1958

Nel 1979 la Lazio adotta anche un nuovo logo ideato da Piero Gratton e registrato presso l’Ufficio “Brevetti e Marchi Italiani”: uno stile L’aquila azzurra trasformata è ricamata anche sulla maglia. Il logo adottato nel 1982 assume però una particolare dignità iconica nella simbologia del Lazio: Cesare Benincasa, su indicazione del presidente Gian Chiarion Casoni, reinterpreta il disegno dell’aquila, semplificandone le linee. I suoi disegni elaborati sono stati utilizzati sui cosiddetti “kit bandiera”, che sono diventati parte integrante del design della maglia, avvolgendo l’intero busto.

Questa soluzione innovativa, unita all’immediatezza del design, fa sì che la popolarità dello stemma vada oltre i tifosi bianconeri: secondo la classifica del Guerin Sportivo degli stemmi più belli del calcio attraverso un sondaggio popolare, Lazio One risulta essere la terza più apprezzata in assoluto

Lo stemma nella versione del 1974

L’aquila disegnata da Piero Gratton, in uso dal 1979 al 1982

  • L’aquila disegnata da Cesare Benincasa, in uso dal 1982 al 1987

Lo stemma introdotto nel 1987 durante la presidenza di Gianmarco Calleri

L’attuale stemma della società, che ha subito l’ultimo restyling nel 1993, riprende lo stile di quelli passati, con un’aquila d’oro che si posa sullo scudo a strisce verticali bianche e celesti sul quale è inciso il nome del club. Tale emblema è stato rivisitato in una versione speciale in occasione del centenario laziale ed è rimasto per un anno esatto sulle maglie della Lazio a partire dal 9 gennaio 2000: all’interno dello scudo a bande bianche e celesti sovrastato dall’aquila era presente in forma stilizzata e a grossi caratteri il numero 100, che andava a ricordare gli anni trascorsi dalla fondazione della Polisportiva.

L’attuale stemma della Lazio in uso dal 1993

CentoLazio, per i 100 anni della Polisportiva S.S. Lazio

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Focus

La Lazio chiude il 2022 al quarto posto, Cancellieri non è il vice Immobile! Serve il Mercato

Published

on

lazio cancelleiri

Juventus-Lazio era una partita difficile e così è stato. Ma La rosa di Maurizio Sarri ha chiuso il 2022 contro il Monza allo Stadio Olimpico di Roma. Una squadra che, con assenze pesanti, dimostra di non aver una rosa idonea a supportare certi obiettivi con più competizioni sulle spalle. Complice anche la bravura di una ritrovata Juventus, Maurizio Sarri non è riuscito a cambiare il match con i suoi cambi, anzi. Nel secondo tempo la fascia destra era composta da Gila e Cancellieri. Lo spagnolo è subentrato a Hysaj che a sua volta sostituiva l’infortunato Manuel Lazzari. Il neo acquisto biancoceleste, ex Real Madrid ha ricoperto un ruolo inedito in questa Lazio visto che il suo compito è quello di stare nella coppia di centrali difensivi e non come terzino. Il risultato è stato tragico con il giocatore che ha lasciato più volte la porta aperta disputando una prestazione molto opaca e di un’insufficienza rara.

Per quanto riguarda Cancellieri, sembrerebbe che la situazione stia prendendo la piega come successe a Vedat Muriqi. Arrivato a Roma come Vice-Immobile, nonostante il ruolo non naturale come punta ma con Maurizio Sarri che ci ha lavorato tutto il ritiro di Auronzo di Cadore e settimane successive, tocca a Felipe Anderson ricoprire quella parte dello scacchiere in assenza del numero 17. L’ex Hellas Verona non riesce a trovare gioco neanche sulla fascia, una zona di campo che dovrebbe essere la sua. Spesso goffo ricoprendo il ruolo di un ingranaggio arrugginito nell’attacco biancoceleste. Psicologia? Mancanza di assimilazione del calcio di Sarri? Forse più la prima ma serve buona volontà. Basti vedere come al suo posto contro il Monza, Luka Romero a soli 17 anni, si è mangiato il pallone e gli avversari trovando anche la sua prima rete. Gol arrivato su un rimpallo si, ma con voglia e classe da giocatore opportunista davanti la porta.

Del resto comunque una Lazio spenta e mai scesa all’Allianz Stadium dove ora troverà almeno 50 giorni per lavorare e riprendere il fiato. Maurizio Sarri chiederà per Gennaio questo vice Immobile? Le voci che ci giungono dicono che forse qualcuno arriverà. Se la Lazio vuole continuare in Conference League, Coppa Italia e ambire al quarto posto in classifica, Claudio Lotito dovrà accontentare il tecnico in questa sessione di calciomercato Invernale.

Leggi anche:   Terremoto Juventus: nelle intercettazioni coinvolta anche la Roma

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza