Vincenzo Mirra, il suo pensiero su Milinkovic e Correa

Vincenzo Mirra ai microfoni biancocelesti su Milinkovic Savic e Correa

Vincenzo Mirra è intervenuto ai microfoni biancocelesti parlando di Lazio e di Milinkocovic Savic con Correa.

“Le parole di Milinkovic sul suo futuro hanno sicuramente fatto piacere a tutto l’ambiente biancoceleste, hanno mostrato attaccamento e appartenenza. Se dovesse rimanere, sarebbe sicuramente motivato. Ha svolto anche un ottimo lavoro la società, mostrando una chiarezza d’intenti senza chiudere le porte a un trasferimento del serbo. Non mi sorprenderebbe vederlo a settembre in un nuovo ruolo nel 3-5-2 di Inzaghi. La Lazio quest’anno ha fatto un mercato intelligente, dovesse rimanere Sergej sarebbe come un grande colpo di mercato.

L’ideale sarebbe trovare un altro attaccante con caratteristiche diverse in rosa, così da potersela giocare con tutti perché quest’anno non ci saranno gerarchie definite. Il gap si è ridotto di molto, anche tra le squadre di vertice e quelle che lo scorso anno lottavano per non retrocedere. Il prossimo sarà sicuramente uno dei campionati più belli e incerti di sempre. La Lazio ha il vantaggio di aver cambiato poco, dovrà sfruttare questo fattore nelle prime giornate.

Correa ha avuto un grande precampionato, prima peccava di continuità perché aveva poca consapevolezza nei propri mezzi, ora ce l’ha. Il finale dello scorso campionato e queste amichevoli però gli hanno regalato un salto di qualità. Ha tutto, ha le armi giuste per far decollare il gioco di Inzaghi. Lui, Luis Alberto e Milinkovic regalano tanta qualità. La Lazio gioca da tanti anni con la stessa struttura, questo è un aspetto positivo. Sono arrivati giocatori perfetti per il 3-5-2 di Inzaghi, già rodati. Non è il massimo giocare il derby subito, però potrebbe favorirne lo spettacolo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *