Connect with us

Primavera

Una festa che non finisce mai

Published

on

36
Non si smette mai di festeggiare… La finale tricolore si è trasformata in un trionfo per la Primavera di Bollini, una squadra che ha asfaltato tutti gli avversari che ha trovato sulla sua strada, dimostrando di avere più qualità, più esperienza, più fisico e di essere più squadra di chiunque altro, strameritando questo quinto scudetto biancoceleste di una storia iniziata 36 anni fa. Da Giordano, D’Amico e Manfredonia a Keita, Cataldi e Tounkara, senza dimenticare il grande assente Rozzi, con la speranza che questi ragazzi possano diventare importanti per la Lazio come lo sono stati gli uomini di punta di quella squadra che conquistò il primo tricolore nel 1977 all’Olimpico davanti a quasi 50.000 spettatori nella finale con la Juventus.

La Lazio si ricuce lo scudetto sul petto dopo 12 anni, da Bollini a Bollini verrebbe da dire. Ma se quello del 2001 fu uno scudetto arrivato a sorpresa e quasi per caso, questo è stato programmato, costruito pezzo per pezzo con gli acquisti di tanti ragazzi stranieri: Antic, Vikaitis, la stella Keita e quel Mamadou Tounkara che è stato il vero protagonista della finale con l’Atalanta. Uno scudetto conquistato dopo quello appena sfiorato un anno fa, che porta in calce la firma di un ragazzo, Danilo Cataldi, nato e cresciuto nel vivaio laziale, un prodotto del calcio romano che rappresenta un filo di continuità con il passato, con la storia di un vivaio tra i più prolifici d’Italia che dopo anni di buio completo ha ricominciato a sfornare talenti. Cataldi ha già esordito in prima squadra, Rozzi pure, per Keita e Tounkara il salto è vicino, perché Petkovic ha deciso di aggregarli al gruppo che partirà il 10 luglio per Auronzo di Cadore.

E per far sì che questo scudetto Primavera non sia solo un trofeo da aggiungere nella bacheca, bisognerebbe trovare la forza di prendere il coraggio a due mani di portare in prima squadra almeno 5-6 di questi ragazzi, di puntare sui Cataldi, i Tounkara e i Keita come la Juventus ha puntato sui Marchisio, i De Ceglie e i Marrone, per aggiungerli a campioni già affermati come è successo con D’Amico, Manfredonia e Giordano, ma anche con i Nesta e i Di Vaio protagonisti dello scudetto del 1995. Perché questo è il futuro del calcio. Perché è meglio puntare su un ragazzo cresciuto in casa piuttosto che regalare soldi a uno Stankevicius, oppure andare a cercare in Portogallo un Pereirinha qualsiasi.

Della partita, poco da dire, perché è come se non fosse mai iniziata, visto che è finita dopo pochi minuti grazie alla magia su punizione di Cataldi che ha telecomandato il pallone per farrlo finire sotto l’incrocio dei pali. Da quel momento non c’è stata storia, perché la Lazio ha sempre avuto in mano la partita, pronta a colpire in qualsiasi momento con Tounkara e Keita che giocano a memoria perché si conoscono da sempre, cresciuti insieme nella “cantera” del Barcellona. Potevano chiuderla già nel primo tempo la partita i due senegalesi cresciuti in Spagna, ci ha pensato invece ancora una volta Cataldi a mettere la parola fine con il raddoppio dopo un’ora di gioco. Da quel momento è stata solo accademia, con la perla finale del duetto tra Tounkara e Keita che ha portato al 3-0 finale.

Un trionfo, festeggiato dagli oltre 2000 tifosi laziali saliti fino a Gubbio quando Falasca ha alzato al cielo il trofeo consegnatogli dal presidente della Lega Beretta. E quella di Falasca è una storia tutta da raccontare, perché per il capitano della Lazio questo è il terzo scudetto Primavera della sua giovane carriera (più uno Allievi) dopo quelli conquistati con le maglie della Roma e dell’Inter. Un vero e proprio jolly, una sorta di Re Mida che riesce a trasformare in oro tutto quello che tocca e che avrebbe potuto fare addirittura poker visto che questa sera era uno dei due (l’altro è Cataldi) presenti in campo anche un anno fa nella finale persa con l’Inter. Ma quel passo falso è stato cancellato dal trionfo di questa sera, da questo ennesimo trofeo alzato al cielo in questo mese indimenticabile.

STEFANO GRECO – LAZIOMILLENOVECENTO

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Ascoli-Lazio Primavera: mister Sanderra analizza la sconfitta

Published

on

ascoli lazio primavera

Nel post gara di Ascoli-Lazio Primavera, valida per la prima di campionato Primavera 2 dove i biancocelesti esordiscono con 0 punti, è intervenuto il tecnico Stefano Sanderra ai microfoni di S.S Lazio.it

“Questa partita ci ha detto che c’è molto da lavorare sotto tanti aspetti. Nel primo tempo, specialmente nei primi trenta minuti, ci siamo comportati bene, ma nella ripresa abbiamo subito un improvviso uno-due.

La squadra ha ancora dei meccanismi da rodare, dopo il pareggio dell’Ascoli è calata caratterialmente e questo non deve succedere ed anzi doveva esserci una reazione contraria.

Una volta trovato il vantaggio, l’Ascoli si è difeso abbassandosi molto e creando anche qualcosa in zona offensiva. Forse avremmo meritato il pareggio, ma non lo abbiamo trovato. È stata una partita dai due volti, nel secondo tempo credo che siamo andati in difficoltà anche fisicamente perché loro avevano giocato due gare ufficiali e noi neanche una.

Da parte di qualcuno c’è stata una buona positiva anche sotto il profilo caratteriale, mentre altri sono mancati. C’è da lavorare tanto, siamo all’inizio della stagione.

Le aree su cui migliorare non mancano, dobbiamo crescere in fretta perché il campionato non ti aspetta. Serve giocare con una mentalità diversa rispetto a oggi, dopo il pareggio ci siamo un po’ sciolti per dieci minuti non reagendo nella maniera giusta. È necessario crescere anche dal punto di vista caratteriale.

Serve del tempo per far capire ai calciatori la giusta mentalità, penso che questa partita sia un’ottima lezione per comprendere come questo sia un campionato nel quale bisogna giocare con più continuità come fatto nel primo tempo.

Dobbiamo lavorare tatticamente perché il primo gol è stato incassato a causa di meccanismi sbagliati, la squadra ancora non si identifica completamente con il mio dna che è quello di reagire sempre anche alle avversità che ci sono in partita. I ragazzi non ci sono riusciti, si sono un po’ chiusi caratterialmente. Rimbocchiamoci le maniche e lavoriamo”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Ascoli-Lazio Primavera: parte male l’esordio in Primavera 2

Published

on

ascoli lazio primavera

Esordio amaro per il nuovo tecnico della Lazio Primavera Stefano Sanderra che trova zero punti alla prima di Campionato Primavera 2. Ascoli-Lazio finisce infatti 2-1 per i padroni di casa dopo un primo tempo dominato dai biancocelesti per poi vedersi sfuggire i 3 punti in 5 minuti del secondo tempo. Apre dopo soli 4 minuti la gara Napolitano ma Rossi e Cosimi la ribaltano al 50esimo e al 54esimo del secondo tempo.

I biancocelesti affronteranno a Formello il Monopoli nel prossimo match di campionato

ASCOLI-LAZIO 2-1

Marcatori: 4′ Napolitano (L), 50′ Rossi (A), 54′ Cosimi (A)

ASCOLI (4-3-3) – Raffaelli; Camilloni, Caravillani, Rossi, Cozzoli; Di Marcello (67′ Maiga Silvestri), Carano, Ceccarelli; Palazzino, Cosimi, Re (89′ Del Moro). 

A disp.: Gentile, Amato, Regnicoli, Coticoni, Ciccanti, Graziano, Gennari, D’Alessandro. 

All.: Rosario Pergolizzi

LAZIO (4-3-3) – Magro; Bedini (65′ Rossi), Dutu, Kane, Milani; Napolitano, Coulibaly (84′ Di Tommaso), Marinacci; Castigliani, Crespi, Troise (60′ Brasili). 

A disp.: Morsa, Martinelli, Cannavaro, Nazzaro, Ahwasingi, Della Salandra, Jurczak, Adjaoudi.

All.: Stefano Sanderra

Arbitro: Emanuele Frascaro (sez. Firenze)

Assistenti: Fracchiola – Abbinante

NOTE – Ammoniti: 12′ Dutu (L), 22′ Crespi (L), 30′ Coulibaly (L), 54′ Magro (L), 63′ Rossi (A), 94′ Di Tommaso (L).

Recupero: 3′ st.

Campionato Primavera 2 | Giornata 1

Sabato 10 settembre 2022, ore 15:00

Centro Sportivo Picchio Village (AP)

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Calciomercato Lazio: Tare firma con il Rapid Vienna salutando e ringraziando

Published

on

tare lascia la lazio

Termina dopo 13 anni la sua avventura con la Lazio Etienne Tare. Il figlio di Igli Tare ha salutato compagni e società tramite un post sul suo profilo ufficiale di Instagram. Il giocatore ha firmato con il Rapid Vienna e ripartirà con la squadra B per continuare ad imparare e maturare come calciatore. Con la Lazio Primavera il giocatore ha collezionato una sessantina di partite 3 assist e 7 gol siglati.

 “Dopo 13 anni con i colori della mia squadra del cuore, volevo ringraziare la società tutti i miei compagni e lo staff per tutto quello che hanno fatto per me. Grazie di cuore, e sempre forza Lazio!”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.