Connect with us

Calciomercato Lazio

Un click e si dimentica tutto: il passato recente e l’importanza di Hernanes

Published

on

Men in Black movie image Tommy Lee Jones and Will Smith
Lo sapevo che sarebbe finita così. Lo sapevo che quella coppa alzata al cielo avrebbe sortito lo stesso effetto del neuralizzatore, quel piccolo aggeggio usato dagli agenti governativi Tommy Lee Jones e Will Smith in “Men in black” per cancellare la memoria a breve termine di tutti coloro che entravano a contatto con gli alieni. Un oggetto che quando uscì 15 anni fa il film sembrava un aggeggio da film di fantascienza, ma che ora esiste realmente (è uscito sul mercato americano a maggio 2012 al prezzo di 399 dollari…) ed è stato prodotto dallaFactory Entertainmentin 1500 esemplari andati letteralmente a ruba. E chissà che uno, vista la cifra abbastanza modica a cui sono stati venduti, non se lo sia assicurato proprio Lotito…

Basta ascoltare un po’ di discorsi al bar, ascoltare qualche trasmissione in radio, fare un salto su forum e social network per capire che qualcuno il neuralizzatore lo ha usato. Quella coppa, infatti, ha sortito sull’ambiente laziale lo stesso effetto dello “spara flash alla Men in Black”, perché in un amen ha fatto dimenticare mesi di nefandezze e di promesse non mantenute. In un solo istante ha cancellato mesi di incazzature per l’ennesima campagna acquisti non fatta che aveva impedito per l’ennesima volta alla Lazio di fare il salto di qualità, quando arrivati alle porte del paradiso ci siamo ritrovati spinti all’indietro in una sorta di limbo. Certo, tutti abbiamo goduto per quel successo perché dall’altra parte c’era la Roma e solo in pochi (e io non sono tra quelli) avrebbero barattato l’eventuale sconfitta con la fuga di Lotito. Ma quelli che portano gli occhiali scuri per neutralizzare gli effetti dello “spara flash”, sono rimasti vigili e pur nel legittimo stordimento per un successo già entrato nella storia non hanno perso la memoria: né quella breve né quella a lungo termine. Gli altri, invece, e sono tanti molti più di quanto non si possa immaginare, hanno rimosso tutto. E ora in nome di quella vittoria sono pronti e disposti ad accettare a cuor leggero qualsiasi cosa, anche la cessione di Hernanes, considerata inevitabile, quasi giustificata e in alcuni casi anche un grande affare. La Lazio sta per vendere il più grande talento che ha in rosa, uno che giocando centrocampista e spesso e volentieri in un ruolo non suo e di sacrificio ha segnato qualcosa come 37 gol in 3 stagioni e la gente è quasi contenta all’idea di incassare 30 milioni di euro e di comprare con quei soldi Felipe Anderson e Belfodil. E parliamo dello stesso ambiente che scatenò la guerra per la cessione di Pavel Nedved, l’unico centrocampista della storia della Lazio che ha viaggiato alla stessa media-gol di Hernanes. E questa, secondo me, è la più grande vittoria di Lotito, infinitamente maggiore dei 3 trofei messi in bacheca in 9 anni.

Il tifosi laziale oramai è quasi rassegnato a veder partire qualsiasi giocatore, a giustificare la monetizzare dell’investimento, senza pensare che ogni cessione eccellente significa dover ripartire da capo, tirare una coperta sempre corta come hanno dimostrato le cessioni di Lichtsteiner e Kolarov, venduti bene ma mai del tutto sostituiti, perché con i soldi ricavati dalla loro cessione si sono tappate altre falle. Ma è batata quella coppa alzata al cielo per far dimenticare anche questo, come la promessa che nessuno dei big sarebbe partito, al grido di: “la Lazio non ha bisogno di vendere per comprare, perché noi vogliamo rinforzare la squadra, non indebolirla”… Detto, fatto. Nel giro di un paio di settimane Hernanes sarà solo un ricordo, l’ennesima maglia da mettere in un cassetto o l’ennesimo poster da staccare dal muro per tanti ragazzi che oramai non fanno più neanche a tempo ad affezionarsi ad un campione, in una società che come unica bandiera ha una banconota, possibilmente da 500 euro…

Leggi anche:   Mattia Zaccagni: ecco le cifre per blindarlo alla Lazio

Tutto giusto, tutto giustificato: perché ti dicono che c’è la crisi, che tutti i club italiani fanno la stessa cosa, perché è una legge di mercato comprare, valorizzare e poi rivendere per guadagnare. E qui, però, mi perdo. Se questa legge di mercato vale per i giocatori, perché non deve valere per un  presidente? Perché è accettabile l’idea che si compra Hernanes spendendo 14 e lo si rivende a 30 perché è un affare ma non si pretende che se qualcuno si presenta da Lotito offendo gli il doppio o il triplo di quello che ha speso (senza calcolare poi quello che ha guadagnato…) per acquistare la Lazio lui debba vendere o quantomeno accettare di mettersi seduto a trattare? Perché si legittima il fatto che Lotito non è obbligato a vendere la Lazio ma al tempo stesso si legittima il fatto che per consentirgli di restare in sella alla Lazio e di tappare i buchi di bilancio lui possa vendere l’Hernanes di turno? Se lui dice che non vende la Lazio “per una questione di cuore e di principio”, perché il “cuore e il principio” finisce in un cassetto e lascia il posto al business quando c’è di mezzo un giocatore? Hernanes è un professionista, non è nato a Roma e neanche laziale, ma siamo convinti che lui sia meno laziale di Lotito? Siamo convinti che Lotito abbia fatto per la Lazio più di quello che ha fatto Hernanes? E che non sia più insostituibile Hernanes di Lotito? E a chi obbietta che Hernanes è pagato per fare il bene della Lazio, faccio notare che Lotito sono nei primi 9 mesi della stagione 2012-2012 da dati di bilancio ha incassato dalla Lazio qualcosa come 5 milioni di euro finiti nelle casse delle sue aziende, comprese quelle della Salernitana. Chi è più pagato tra i due?

Ma oramai il neutralizzatore ha colpito e tutti hanno dimenticato. Magari si sveglieranno dal torpore e cominceranno a ricordare qualcosa a gennaio-febbraio, in occasione della consueta flessione della squadra e dell’ennesimo salto di qualità mancato. Ma va bene così, tanto Hernanes era incostante, quasi un lusso superfluo per una Lazio che deve solo galleggiare e che come dice lo stesso Klose “non è pronta per partecipare alla Champions League”. Ma la Lazio che non è pronta, è quella rappresentata da Tare e Lotito, non quella che scende in campo. Per quella che indossa la maglietta celesta sarebbe anche pronta per salire sul grande palcoscenico, a patto di investire, di comprare senza dover per forza di cose vendere, a patto di aggiungere nuovi pezzi per costruire e non di dover smontare per ricostruire. Ma per vedere e capire questo, bisogna girare con gli occhiali neri da sole per evitare di essere accecati dallo spara flash: altrimenti basta un click per essere flashati e per dimenticare tutto, anche le prodezze e le capriole di Hernanes! Click…

STEFANO GRECO – LAZIOMILLENOVECENTO

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

Calciomercato Lazio

Lotito a Il Messaggero: ” Nessun patto per il mercato di gennaio, Formello? Primo nel mondo…”

Published

on

lotito calciomercato

Claudio Lotito rilascia un’intervista a Il Messaggero riguardante il mercato di gennaio e il ritiro del 12-22 dicembre 2022.

RITIRO – «Formello ormai è diventato uno dei primi 4-5 centri sportivi nel mondo, parola del presidente Fifa Infantino, dopo averlo visitato. È chiaro che Sarri non voglia più muoversi da qui, nemmeno per il ritiro. Mica ha torto. Vedremo di conciliare il tutto nella fase finale di dicembre con le amichevoli all’estero».

MERCATO – «Non c’è alcun patto per comprare a gennaio un giovane terzino sinistro, anche perché, lo ripeto ancora, deve uscire prima eventualmente qualcuno da un organico ampio. Kamenovic e Fares? Loro già non giocano...».

Leggi anche:   Lotito a Il Messaggero: " Nessun patto per il mercato di gennaio, Formello? Primo nel mondo..."
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Mattia Zaccagni: ecco le cifre per blindarlo alla Lazio

Published

on

rinnovo zaccagni lazio

Lotito sta preparando un rinnovo di contratto per Mattia Zaccagni. Secondo la rassegna stampa di Radiosei, il presidente della Lazio vuole blindare il suo arciere. Arrivato nell’agosto del 2021 ha firmato un contratto con la Lazio fino al 2025 per 1,5 milioni di euro.

Diventato quasi subito una pedina fondamentale nello scacchiere di Sarri, l’esterno biancoceleste potrebbe firmare a breve un contratto che lo legherà alla Lazio fino al 2027 passando da 1,5 milioni di euro più bonus a stagione a 2,5 milioni di euro a stagione.

Leggi anche:   Lotito a Il Messaggero: " Nessun patto per il mercato di gennaio, Formello? Primo nel mondo..."
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Difficile l’addio di Muriqi al Mallorca a gennaio

Published

on

muriqi mallorca

Dopo una brutta esperienza in maglia biancoceleste, con quasi 50 presenze ed un solo goal in una stagione e mezzo, Vedat Muriqi è rinato in Spagna con il Mallorca dove sta dando prova di grandi prestazioni.

Nelle ultime ore si è parlato del possibile addio del kosovaro a gennaio verso squadre come l’Aston Villa ed il Siviglia. Il suo contratto scade nel 2027 e contiene una clausola rescissoria di circa 40 milioni di euro. La Lazio ha il diritto al 45% su una futura rivendita, per questo la società starebbe monitorando la situazione.

Nonostante i rumors, l’attaccante non sembrerebbe essere totalmente interessato a lasciare la sua squadra dopo le ottime prestazioni. Sono 8 i goal dopo solo 12 presenze in Liga quest’anno, dietro solamente ad un certo Lewandoski. Il Mallorca si trova attualmente all’undicesimo posto, lontano dalla zona retrocessione.

Vedremo durante il mercato invernale come si evolverà la situazione.

Leggi anche:   Mattia Zaccagni: ecco le cifre per blindarlo alla Lazio
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza