Connect with us

Primavera

Trionfo a Gubbio : LAZIO PRIMAVERA CAMPIONE D’ITALIA

Published

on

C_3_Media_1722091_immagine_obig
Allo stadio “Pietro Barbetti” di Gubbio la Lazio vince 3 a 0 contro l’Atalanta e conquista il suo quinto scudetto Primavera. L’ultimo tricolore risaliva all’anno 2001, sulla panchina c’era sempre lui: Alberto Bollini. Sugli scudi Danilo Cataldi e Mamadou Tounkara, in assoluto i migliori in campo. Il primo apre le marcature con un gioiello d’alta scuola, il secondo la chiude con un gol da attaccante puro. È lo scudetto di Alberto Bollini che dopo l’esperienza alla Fiorentina, nel 2010 è tornato alla Lazio e in tre anni ha costruito una squadra capace di competere ad alti livelli. E’ lo scudetto di Keita,  che ha trascinato la Lazio in finale. È lo scudetto di Falasca, al suo terzo scudetto di categoria.  E’ lo scudetto di Lombardi che ha deciso la partita contro il Torini con un eurogol. È lo scudetto di un collettivo costruito pazientemente e sapientemente. Duemila circa sono i tifosi laziali arrivati da Roma per godersi questo stupendo scudetto . Cori, bandiere e striscioni biancocelesti hanno colorato lo stadio di Gubbio in questa serata di festa. Dopo la conquista della Coppa Italia da parte della prima squadra, è la Primavera di Alberto Bollini a festeggiare. Vladimir Petkovic non è voluto mancare. Il tecnico bosniaco è stato accolto calorosamente dai tifosi laziali giunti sino in Umbria. Presente anche tutto lo staff tecnico al gran completo: Rongoni, Manicone. C’erano anche il presidente Lotito, il d.s Tare e il responsabile della comunicazione Stefano De Martino.

Formazioni – Assenza dell’ultimo minuto in casa Lazio: Bollini deve rinunciare a Luca Crecco causa influenza. Lazio che si presenta con il 4-3-3: Strakosha; Filippini e Pollace sugli esterni, al centro Serpieri e Vilkaitis. A centrocampo Cataldi, Falasca e Antic. Tridente formato da Keita, Vivacqua e Tounkara. Nonostante il rientro dalla squalifica, Lombardi parte dalla panchina. L’Atalanta di Bonacina scende in campo con un 3-5-2 : Zanotti; Caldara, Milesi, Redolfi; Conti, Gagliardini, Palma, Olausson, Nava; Varano, Cais.

Primo tempo – La finale scudetto si mette subito nel migliore dei modi per i ragazzi di Bollini. Al sesto minuto Keita viene lanciato in profondità e al limite dell’area di rigore viene atterrato dall’estremo difensore bergamasco Zanotti. Sembrerebbe espulsione perchè chiara occasione da gol, ma l’arbitro Pelagatti opta per l’ammonizione e concede la punizione dal limite. Sul pallone va Cataldi che disegna una parabola fantastica. Pallone sotto l’incrocio dei pali e Lazio in vantaggio. La reazione dell’Atalanta è sterile. La squadra di Bonacina non riesce ad organizzare una manovra offensiva che sia degna di tale nome. La partita diventa molto spezzettata con tanti falli e conseguenti interruzioni di gioco. Keita si vede meno dal solito e al 38’ è clamorosa l’occasione fallita dal giocatore ex Barcellona. Tounkara gli serve una palla che chiede solo di essere spinta in rete ma il talento ex Barcellona calcia alto da pochi metri. Tegola per Bollini al minuto 40’ quando Antic infortunato è costretto a lasciare il campo per De Francesco. Sul finire del primo tempo si fa vedere anche l’Atalanta con Gagliardini che svetta di testa e manda alto sopra la traversa. Nei minuti di recupero Keita sbaglia per la seconda volta il colpo del Ko. L’assist-man è ancora una volta Tounkara, ma Keita calcia malamente a lato.

Secondo tempo – Inizia il secondo tempo e la Lazio ci mette pochissimo a rendersi pericolosa. Keita parte largo a sinistra, entra in area di rigore ma di sinistro calcio sull’esterno della rete. Fioccano le ammonizione in casa Lazio: in pochi minuti Strakosha, Pollace e Tounkara finiscono sul taccuino dell’arbitro. Dopo le numerosi occasioni fallite, la Lazio raddoppia. Tounkara è scatenato: arriva sul fondo dopo uno scatto  e dal fondo crossa in mezzo. Cataldi tutto solo non può sbagliare e sigla la sua personale doppietta. L’Atalanta reagisce poco dopo il raddoppio laziale, ma uno strepitoso Strakosha mantiene il risultato inalterato. La partita la chiude Tounkara al minuto 75’. Questa volta l’assist-man è Keita, Tounkara arriva solo davanti al portiere atalantino e non sbaglia. Terzo gol e partita virtualmente chiusa. Nessuna occasione fino la triplice fischio. La Lazio Primavera è Campione d’Italia!

LALAZIOSIAMONOI

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Ascoli-Lazio Primavera: mister Sanderra analizza la sconfitta

Published

on

ascoli lazio primavera

Nel post gara di Ascoli-Lazio Primavera, valida per la prima di campionato Primavera 2 dove i biancocelesti esordiscono con 0 punti, è intervenuto il tecnico Stefano Sanderra ai microfoni di S.S Lazio.it

“Questa partita ci ha detto che c’è molto da lavorare sotto tanti aspetti. Nel primo tempo, specialmente nei primi trenta minuti, ci siamo comportati bene, ma nella ripresa abbiamo subito un improvviso uno-due.

La squadra ha ancora dei meccanismi da rodare, dopo il pareggio dell’Ascoli è calata caratterialmente e questo non deve succedere ed anzi doveva esserci una reazione contraria.

Una volta trovato il vantaggio, l’Ascoli si è difeso abbassandosi molto e creando anche qualcosa in zona offensiva. Forse avremmo meritato il pareggio, ma non lo abbiamo trovato. È stata una partita dai due volti, nel secondo tempo credo che siamo andati in difficoltà anche fisicamente perché loro avevano giocato due gare ufficiali e noi neanche una.

Da parte di qualcuno c’è stata una buona positiva anche sotto il profilo caratteriale, mentre altri sono mancati. C’è da lavorare tanto, siamo all’inizio della stagione.

Le aree su cui migliorare non mancano, dobbiamo crescere in fretta perché il campionato non ti aspetta. Serve giocare con una mentalità diversa rispetto a oggi, dopo il pareggio ci siamo un po’ sciolti per dieci minuti non reagendo nella maniera giusta. È necessario crescere anche dal punto di vista caratteriale.

Serve del tempo per far capire ai calciatori la giusta mentalità, penso che questa partita sia un’ottima lezione per comprendere come questo sia un campionato nel quale bisogna giocare con più continuità come fatto nel primo tempo.

Dobbiamo lavorare tatticamente perché il primo gol è stato incassato a causa di meccanismi sbagliati, la squadra ancora non si identifica completamente con il mio dna che è quello di reagire sempre anche alle avversità che ci sono in partita. I ragazzi non ci sono riusciti, si sono un po’ chiusi caratterialmente. Rimbocchiamoci le maniche e lavoriamo”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Ascoli-Lazio Primavera: parte male l’esordio in Primavera 2

Published

on

ascoli lazio primavera

Esordio amaro per il nuovo tecnico della Lazio Primavera Stefano Sanderra che trova zero punti alla prima di Campionato Primavera 2. Ascoli-Lazio finisce infatti 2-1 per i padroni di casa dopo un primo tempo dominato dai biancocelesti per poi vedersi sfuggire i 3 punti in 5 minuti del secondo tempo. Apre dopo soli 4 minuti la gara Napolitano ma Rossi e Cosimi la ribaltano al 50esimo e al 54esimo del secondo tempo.

I biancocelesti affronteranno a Formello il Monopoli nel prossimo match di campionato

ASCOLI-LAZIO 2-1

Marcatori: 4′ Napolitano (L), 50′ Rossi (A), 54′ Cosimi (A)

ASCOLI (4-3-3) – Raffaelli; Camilloni, Caravillani, Rossi, Cozzoli; Di Marcello (67′ Maiga Silvestri), Carano, Ceccarelli; Palazzino, Cosimi, Re (89′ Del Moro). 

A disp.: Gentile, Amato, Regnicoli, Coticoni, Ciccanti, Graziano, Gennari, D’Alessandro. 

All.: Rosario Pergolizzi

LAZIO (4-3-3) – Magro; Bedini (65′ Rossi), Dutu, Kane, Milani; Napolitano, Coulibaly (84′ Di Tommaso), Marinacci; Castigliani, Crespi, Troise (60′ Brasili). 

A disp.: Morsa, Martinelli, Cannavaro, Nazzaro, Ahwasingi, Della Salandra, Jurczak, Adjaoudi.

All.: Stefano Sanderra

Arbitro: Emanuele Frascaro (sez. Firenze)

Assistenti: Fracchiola – Abbinante

NOTE – Ammoniti: 12′ Dutu (L), 22′ Crespi (L), 30′ Coulibaly (L), 54′ Magro (L), 63′ Rossi (A), 94′ Di Tommaso (L).

Recupero: 3′ st.

Campionato Primavera 2 | Giornata 1

Sabato 10 settembre 2022, ore 15:00

Centro Sportivo Picchio Village (AP)

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Calciomercato Lazio: Tare firma con il Rapid Vienna salutando e ringraziando

Published

on

tare lascia la lazio

Termina dopo 13 anni la sua avventura con la Lazio Etienne Tare. Il figlio di Igli Tare ha salutato compagni e società tramite un post sul suo profilo ufficiale di Instagram. Il giocatore ha firmato con il Rapid Vienna e ripartirà con la squadra B per continuare ad imparare e maturare come calciatore. Con la Lazio Primavera il giocatore ha collezionato una sessantina di partite 3 assist e 7 gol siglati.

 “Dopo 13 anni con i colori della mia squadra del cuore, volevo ringraziare la società tutti i miei compagni e lo staff per tutto quello che hanno fatto per me. Grazie di cuore, e sempre forza Lazio!”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.