Simone Inzaghi a Dazn: ” Conosco Pandev, ci ho giocato insieme, le partite qui non sono facili”

Ancora una prova di maturità per la Lazio che ha giocato con Vavro al posto di Acerbi, Marusic al posto di Lulic e Jony partito titolari al posto di Lazzari. Un’ottima prova che ha portato la vittoria al Marassi in un campo difficile per tutte le squadre con i rossoblu che hanno tenuto testa fino all’ultimo alla Lazio ma che si ritrovano ancora in zona retrocessione.

Lo sa benissimo Simone Inzaghi che al termine della gara è intervenuto ai microfoni di Dazn:

«Sapevamo che qui al Marassi non sono mai partite semplici, abbiamo fatto un’ottima partita con una squadra in salute. In qualche occasione dovevamo essere più lucidi con il rigore e i cinque minuti di recupero ci hanno destabilizzato un po’. Vavro è un ottimo giocatore e si sta inserendo nel migliore dei modi, davanti a sé ha Acerbi che oggi dopo tantissimo tempo ha dato forfait e Vavro si è fatto trovare pronto. Acerbi ha avuto un problema giovedì nell’allenamento, rimanendo in riposo tra venerdì e sabato. Oggi ha sentito dolore al polpaccio anche se Francesco voleva comunque giocare. Marusic è una grandissima opzione che mancava da più di due mesi e Lazzari ha fatto molto bene al suo posto. Non avendo a disposizione Lulic, Marusic si sta ritagliando sempre di più spazio e se lo merita da come gioca in campo. Alla base di tutto c’è il sacrificio di tutta la squadra: Correa, Caicedo e Immobile fanno un grande lavoro con Luis Alberto e Milinkovic che fanno tantissimo lavoro di qualità e quantità. Ero stato chiaro con loro, potevamo andare avanti a mille se lo facciamo tutti insieme e così è stato. Nel primo tempo abbiamo fatto un’ottima mezz’ora, ci siamo abbassati nell’ultimo quarto d’ora e ci siamo abbassati un po’ troppo a causa del Genoa. Da tutte le occasioni che abbiamo perso qui a Marassi abbiamo insegnato tanto. Ho fatto i complimenti per il gol ma gli ho detto di mantenere la posizione: Pandev e Iago Falque erano appena subentrati e conoscendo il modo di giocare di Goran, l’ho raccomandato di mantenere la posizione. Alla festa di Immobile ho scoperto che Danilo faceva la mia imitazione e mi è piaciuta molto».

Leggi anche:   Romagnoli tra rinnovo e futuro