Connect with us

News

Sconfitta annunciata con tanti colpevoli

Published

on

lacrime balzaretti
La vita è fatta di vittorie e di sconfitte… più o meno scritte. E come era nell’aria, considerata quasi scontata quella della Roma il 26 maggio, in un certo senso lo era anche quella della Lazio di oggi, annunciata in tutti i modi anche fuori dal terreno di gioco. Ed è una sconfitta che ha molti padri. Questo non significa che la Roma abbia rubato qualcosa o che non abbia meritato, perché certi rosicamenti li lascio volentieri ad altri. La Roma oggi ha meritato nella stessa misura in cui noi abbiamo demeritato, nel senso che ha sfruttato una serie di errori commessi dalla Lazio. Da tutta la Lazio, perché mai come questa volta Petkovic ci ha capito poco di quello che stava succedendo in campo, soprattutto nella ripresa: sia prima che in particolare dopo il gol di Balzaretti. E quando nel calcio sbagli, alla fine meriti di perdere, nonostante certe decisioni arbitrali che fanno sorridere per come alcuni direttori di gara stravolgono il regolamento, come ha fatto Rocchi oggi in occasione dell’espulsione di Dias. Ma ci sta tutto, anche questo, quindi non c’è nulla da recriminare.

La Roma oggi ha dimostrato di avere più fame, ma soprattutto di avere quei ricambi che noi non abbiamo, nonostante la leggenda dei 22 titolari raccontata da Lotito. Perché noi non abbiamo una vera alternativa a sinistra, visto che Konko in quel ruolo è inventato, perché continuiamo ad andare avanti sperando che Floccari possa fare quello che non ha mai fatto da quando è arrivato alla Lazio, decidere una partita in corsa, risultare decisivo entrando dalla panchina. E a questi handicap, si è aggiunta anche la scarsa lucidità di Petkovic, che levando Cavanda per inserire Ederson (mentre c’era lulic completamente cotto, ad esempio), ha rotto definitivamente gli equilibri di una partita che si poteva sbloccare solo con un episodio. La Lazio la sua chance l’ha gettata al vento con quella deviazione fallita da klose a porta vuota, la Roma l’ha sfruttata grazie ad una distrazione collettiva (l’ennesima di questo inizio stagione) della difesa della Lazio, con Ciani che sull’angolo non è salito e con Konko che si è completamente perso Totti su uno scambio corto scontato come il sole che sorge e tramonta ogni giorno all’ora stabilita. E una volta che è stata colpita, la Lazio si è definitivamente afflosciata, dimostrando di avere poco dentro in questo momento, sia a livello di energie fisiche e mentali che di cattiveria. Non la cattiveria che si mostra scalciando gli avversari, ma quella che ti porta ad affondare sempre il tackle, a inseguire anche i palloni che sembrano persi, a fare quel qualcosa in più che nelle partite equilibrate fa la differenza. E la Lazio queste cose oggi non le ha. Io non lo so se è la sindrome del 26 maggio o la pancia ancora piena per quel successo, ma è una realtà con cui bisogna fare immediatamente i conti, un problema da risolvere se non si vuole scivolare domenica dopo domenica in classifica illudendosi di avere uomini e mezzi per risalire. Perché purtroppo non è così. E lo scopriremo già mercoledì.

Leggi anche:   Torino - Lazio, 1200 biglietti staccati per il settore ospiti

Con Ciani uscito per infortunio, Radu, Novaretti e Biava lungodegenti in infermeria e Dias squalificato, gli unici difensori abili e arruolati al momento sono Cana (che è un difensore inventato) e i due laterali Cavanda e Konko, sapendo bene che far giocare tre partite in una settimana al francese è un rischio enorme. Ma non ci sono alternative, se non quella di buttare allo sbaraglio il giovane Elez. E sarà così per molte settimane, forse addirittura fino al mercato di gennaio, inutile come tutti i mercati di riparazione dal 2010 a oggi…

C’è poco altro da dire per quel che mi riguarda su questa partita che non lascia quella scia di rabbia tipica di tanti altri derby persi, ma solo l’amarezza per un ko che si poteva evitare con un pizzico di attenzione in più, anche se un pareggio non avrebbe cambiato secondo me il destino della Lazio in questa stagione. Noi siamo questi, inferiori alla Juventus (come dimostrano ampiamente gli 8 gol incassati in 2 partite contro una squadra che tranne che contro di noi in questo inizio di stagione ha vinto sempre di misura e faticando), siamo inferiori al Napoli, ma siamo inferiori anche ad una Fiorentina che continua a vincere anche senza Gomez, di un’Inter che ha ritrovato un pizzico di normalità e la quadratura del cerchio dopo una stagione folle. Proprio come la Roma. Perché non è né una vergogna né lesa maestà dire che loro (anche se oggi non si è visto fino a quando siamo stati concentrati) a livello di organico sono più forti di noi. Perché noi, ad esempio, non abbiamo un Ljiaic da far entrare dalla panchina per cambiare le partite, come non abbiamo un Borriello o un destro che ci avanzano in attacco, dove dietro Klose c’è il vuoto e fino ad oggi si è visto per giunta solo il fratello stanco del Klose che ricordiamo. E loro non sono fenomeni, perché stanno almeno un livello sotto Juventus e Napoli.

Quindi, l’unica possibilità che abbiamo per uscire da questo tunnel e prendere coscienza che lo scorso anno abbiamo vinto un trofeo, ma che il nostro reale valore era testimoniato dal piazzamento in classifica, ovvero dal 7° posto. E rispetto allo scorso anno, tranne l’Udinese che sta tornando alla normalità, noi non siamo migliorati e tutti gli altri sì, compresa l’Inter che ci stava dietro. E prima ne prendiamo coscienza e meglio è. Ma la vedo dura se il primo a dire che siamo fortissimi e super competitivi è proprio il capo della società, quello che pur di non ammettere di aver commesso anche un solo piccolo errore nega anche l’evidenza. Quindi, sarà un’annata dura, durissima, e lo sapevamo anche prima di questo derby.

STEFANO GRECO

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

La pirateria uccide il calcio, Dazn rianima la pirateria

Published

on

dazn

Con la prima giornata di Serie A tutta l’Italia ha testato con mano la problematica di Dazn e del calcio moderno. Mi ricordo da piccolo con poco più di 5000 lire ti ritrovavi in un bar con dei tifosi laziali a guardare la partita quando non riuscivi ad andare allo stadio. Pian piano questa pay tv si sono accaparrate tutto il calcio e sei costretto ad attivare un abbonamento che prima costa 10, poi 15, poi 20, poi 40. Costi che aumenta ma con qualità che scarseggia da quando la Lega Serie A, ha avuto la fantastica idea di dare i diritti tv ad una piattaforma che si basa solo ed esclusivamente ad Internet. Una rete che in Italia non è abbastanza potenziata e non pronta a certi carichi ma soprattutto con degli utenti di una certa età e cultura che non possono o permettersi la piattaforma o non ha i mezzi idonei.

La prima giornata si è conclusa con il vero odio verso l’azienda Dazn che era già finita sotto le critiche degli utenti per l’aumento esponenziale del loro abbonamento base. Un aumento che sfiora i 40 euro mensili dove l’utente non vuole più le interruzioni, non vuole più vedere quel codice che vaga sullo schermo ( è un codice che dovrebbe fixare bug pre esistenti ). Invece no, account che si disconnettevano e le solite scuse da parte della piattaforma. Scuse che non sono state accettate da nessuno, anzi, sono intervenuti anche alcuni politici, la Codacons e altri enti pronti a denunciare la piattaforma.

Solo pochi giorni fa la Lega Serie A sul loro profilo ufficiale, lanciava la campagna sulla pirateria con “La pirateria uccide il Calcio “ .

In molti sui social hanno deriso questa iniziativa con ” Dazn uccide il calcio “, ” La pirateria salva il calcio ” etc etc.

Il comunicato di Dazn

“Dazn è consapevole di quanto sia importante il proprio servizio per gli appassionati di sport, prendiamo questa responsabilità seriamente e ci scusiamo profondamente con tutti gli utenti che non sono riusciti ad accedere al proprio account durante il weekend. Si è verificato un evento di natura eccezionale che ha impattato alcuni utenti in diversi mercati in cui Dazn è presente. Come soluzione temporanea, abbiamo predisposto un’alternativa per seguire le partite tramite un link che abbiamo trasmesso ai clienti. Abbiamo tecnici che stanno lavorando ininterrottamente per risolvere la situazione. Forniremo nuovamente un’alternativa per seguire gli eventi in diretta, ove necessario. In Italia, nel rispetto delle regole esistenti, provvederemo ad erogare un indennizzo a ciascun cliente interessato, che verrà corrisposto secondo modalità rese note nei prossimi giorni. È nostra responsabilità far sì che tutto funzioni. Questo l’impegno che ci prendiamo”. 

Oltre al comunicato possiamo notare come la piattaforma delega poi alla visione tramite dei link. Link che per gli utenti che usufruiscono delle app sulle smart tv, Play Station e dispositivi che non siano pc, tablet o smartphone, non sono raggiungibili. Una toppa di qua, una toppa di la, ma la situazione non cambia.

Leggi anche:   Lazio: ecco la lista dei giocatori depositati, Acerbi e Akpa In

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Tribune senza restrizioni, Laziali secondi in classifica nella nuova normalità

Published

on

biglietti venduti lazio bologna

Riparte finalmente il calcio dove gli spettatori possono finalmente riabbracciare le loro tribune. Dopo un periodo di restrizioni con la normalità che si è riattivata con il campionato in corso della scorsa stagione, i tifosi hanno riempito nuovamente i loro posti per ammirare i loro beniamini.

Nelle ultime ore è arrivata l’ufficialità sulle presenze degli spalti tra Serie A e Serie B con i tifosi biancocelesti che conquistano una classifica particolare sulle presenze della prima di campionato.

Milan-Udinese 70.197 (Serie A)
Lazio-Bologna 44.664 (Serie A)
Juventus-Sassuolo 38.725 (Serie A)
Fiorentina-Cremonese 34.461 (Serie A)
Salernitana-Roma 26.006 (Serie A)
Lecce-Inter 25.353 (Serie A)
Palermo-Perugia 21.835 (Serie B)
Sampdoria-Atalanta 20.047 (Serie A)
Verona-Napoli 16.967 (Serie A)
Parma-Bari 11.459 (Serie B)
Monza-Torino 10.739 (Serie A)
Benevento-Cosenza 9.109 (Serie B)
Ascoli-Ternana 8.456 (Serie B)
Spezia-Empoli 8.360 (Serie A)
Modena-Frosinone 8.109 (Serie B)
SPAL-Reggina 7.489 (Serie B)
Venezia-Genoa 5.263 (Serie B)
Brescia-Sudtirol 4.771 (Serie B)
Como-Cagliari 4.570 (Serie B)
Cittadella-Pisa 2.905 (Serie B)

Leggi anche:   Lazio-Bologna | Ciro Immobile: " Gol che pesava tantissimo..."
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Infermeria

Maximiano salta un turno, torna Casale mentre Pedro…

Published

on

infortunio pedro

Manca ancora qualche giorno per la rifinitura in vista di Torino-Lazio e Maurizio Sarri deve fare i conti con gli assenti. Assente ancora Pedro dopo l’intervento duro ricevuto nell’amichevole contro il Valladolid. Lo spagnolo potrebbe tornare in campo a breve con i compagni ma è ancora da valutare la sua condizione fisica.

Per quanto riguarda invece gli squalificati, torna Casale che ha scontato la prima giornata di Serie A per un a squalifica rimediata nell’ultima partita della scorsa stagione in Lazio-Hellas Verona. Per quanto riguarda il reparto tra i pali, Maximiano dovrà scontare un turno di squalifica per la sua espulsione lampo di Lazio-Bologna. Strada spianata per Provedel tra i pali biancocelesti.

Leggi anche:   Abbonamento ss Lazio 2022-2023, dati alla mano
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design