Primavera, una pazza Lazio batte la Ternana 4-3, terzo posto al sicuro

Prima prende due gol, poi in dieci uomini vince 4-3, a Terni la Lazio Primavera salda il terzo posto battendo i pari categoria locali. Nel primo tempo i giovani umbri segnano con i gol di Battista su punizione e Tedesco dopo un intervento di Borrelli su Rocchi. La Lazio reagisce con Murgia prima dell’intervallo, e sarà un gol importante perchè chiudere il primo tempo senza gol sarebbe stato più complicato, ma non impossibile.

Nel secondo tempo, dopo tanto volume biancoceleste arriva la concretezza col gol di Palombi, servito da Rossi, che trafigge Scarsella, è pari. Ma non finisce qui, infatti da un cross di Germoni arriva il colpo vincente di Folorunsho che dà il sorpasso incredibile dei ragazzini di Inzaghi. Poco più tardi arriva il 4-2, un capolavoro di Murgia che supera diversi avversari, con Scarsella che impedisce il gol della giornata al centrocampista, ma che non può far nulla sulla corta ribattuta di Palombi che con la doppietta porta più in là i biancocelesti.

Dal quel momento inizia il thrilling, con Manoni che viene espulso direttamente a causa di qualche parola eccessiva, una reazione di orgoglio della Ternana che culmina con il gol di Terracciano che batte Borrelli e un gol che viene annullato proprio agli umbri. Fischio finale che dà respiro agli aquilotti, a maggior ragione quando si viene a sapere che il Frosinone, concorrente con la Lazio per il terzo posto, va a perdere sul campo del Napoli.

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio Primavera, ai microfoni di Lazio Style Channel ha analizzato così la partita: “Mi aspettavo di soffrire perché la Ternana aveva recuperato parecchi giocatori. È nel dna di questa squadra. Sono molto arrabbiato per l’espulsione di Manoni perché non abbiamo neanche Dovidio,ma lo aiuterà a crescere. Mi è piacuto molto Bezziccheri, voglio il suo spirito da parte di tutti. Il modulo non ha inciso sui gol, anzi grazie a questo abbiamo rischiato pochissimo dietro. Siamo stati bravi a rimanere in partita. È una vittoria importante che ci da morale. Il calendario è un po’ strano e non ci aiuta in preparazione del derby. Però adesso dobbiamo pensare solo a lavorare e ad arrivare nel migliore dei modi”

Sempre a Lazio Style Channel ha parlato Simone Palombi, in particolare la prova di oggi, il Derby Primavera della prossima settimana e un pensiero alla prima squadra per il prossimo anno: “Non era semplice, siamo partiti un po’ sottotono. La squadra ha sprecato tanto, ma i tre punti erano fondamentali. Cambio modulo? Abbiamo provato tutta la settimana, credo sia adatto anche se oggi era la prima volta ed eravamo un po’ spaesati. Prima squadra? Non aspetto altro. A giugno valuterò il da farsi. Non vedo l’ora di dimostrare che sono pronto per il calcio dei professionisti. Sull’espulsione di Manoni troppa mancanza di lucidità, bisogna usare la testa. Certe ingenuità vanno evitate perché mettono in difficoltà la squadra. Sul derby non mi sento di dire niente, è una partita che vale il primato cittadino, la gloria. La prepareremo nel migliore dei modi, ce la metteremo tutta per portare a casa i tre punti. Non siamo inferiori a nessuno, tanto meno alla Roma. Si inizia già a sentire, ma non temiamo nessuno anche se sappiamo che affronteremo una grande squadra. Non dovrà mancare l’approccio, dobbiamo vincere e basta. Se saremo compatti e con la testa giusta ci toglieremo grosse soddisfazioni”