Se ti piace il nostro Format, aiutaci a rimanere online con una semplice donazione di 0,80 €

Primavera Lazio: il post partita di Rossi e Spizzichino

La Lazio conquista l’accesso agli ottavi di coppa Italia, dopo la partita vinta per 3 reti a 2 ai danni dei partenopei Rossi e Spizzichino intervengono nel post partita ai microfoni biancocelesti.

Rossi:

“Siamo sempre stati così, quelli dell’ultimo minuto. Abbiamo sempre quel pezzo di cuore in più. Quando c’è pareggio a livello tattico e tecnico, si vince con il cuore. Mi dovevo far perdonare per aver sbagliato qualcosa. Mi dispiace per Ceka, non riesco ad essere felice. E’ stato uno dei migliori oggi. Speriamo non sia stato niente di grave.E’ stata una bella rivincita. Al Mister non andava giù la sconfitta contro il Napoli in campionato, ci aveva chiesto di vincere qui al Fersini e di dare il massimo. Qui siamo a casa e abbiamo una spinta in più. L’abbiamo portata a casa e va bene così.Ogni anno c’è il passaggio del testimone, dell’eredità dei più grandi. Noi siamo lo specchio del nostro tecnico. Bonatti ci sta trasmettendo tanto, soprattutto la sua grinta, come fece gli scorsi anni Inzaghi.Il mio sogno è esordire con la prima squadra, ho un ottimo rapporto con Inzaghi e Farris. Quest’ultimo per me è come un padre e mi farò trovare pronto quando arriverà la chiamata. Ci sono tanti ragazzi nella Primavera pronti per fare questo passo.Oggi ho sbagliato un paio di gol ma la Rossi-dipendenza non c’è. Quest’anno mi sto muovendo meglio ma è la squadra che lavora per le mie finalizzazioni. Sono in un momento di forma particolare ma la squadra lavora coralmente.Vincere ti porta a vincere, ci dà una bella spinta e continueremo a lavorare perché il percorso in questa stagione è ancora lungo. Noi ci crediamo, piano piano giocheremo partita dopo partita senza pensare ad altro.La Sampdoria ha molti giocatori importanti, siamo due squadre molto forti. Ogni partita è una gara a sé. Si sentirà l’assenza di Ceka ma se chi lo sostituirà giocherà come hanno fatto i subentrati oggi, non c’è da temere”.

Spizzichino:

“E’ stata una partita sofferta. Tra le due squadre abbiamo meritato noi, nonostante lo svantaggio. Volevamo vendicare la sconfitta di un mese fa. Ci siamo allenati molto e abbiamo rivisto i nostri errori in allenamento correggendoli.Ci abbiamo creduto fino all’ultimo perché la sconfitta in campionato contro il Napoli non ci è andata giù. L’anno scorso sfortunatamente ho preso varie volte il palo, oggi al mio primo tiro in porta ho trovato il gol.Alessandro Rossi è un grandissimo giocatore ma non vince da solo, dietro di lui c’è tutta la squadra.Ci troviamo bene con questo assetto tattico disegnato dal nostro allenatore, siamo sempre molto disponibili con lui. Alla fine conta più la testa delle gambe perché in campo tutti avevamo i crampi, noi siamo stati più forti mentalmente e abbiamo vinto.La partita è durata 120’ e le sostituzioni sono servite. Mentalmente stiamo bene e siamo ancora più carichi in vista della sfida contro la Sampdoria. Il Mister ci ha detto di goderci questo momento e di pensare poi alla gara del prossimo week-end.In allenamento ci stimolano molto mentalmente e così abbiamo acquisito questa voglia di vincere sempre. Quest’impostazione mentale la trasmettiamo poi in partita. Come terzino mi trovo meglio, credo d’aver trovato il mio ruolo.Giocare al Fersini con i nostri tifosi è tutta un’altra cosa. Sabato chi arriverà al match più pronto tra noi e la Sampdoria, vincerà. Stiamo migliorando sotto tutti i punti di vista e continuiamo a giocare tutte le gare come se fossero delle finali con la speranza di agguantare sempre i tre punti”.