Pregliasco sulla riapertura degli stadi: ” Solo al pubblico di casa”

Se da una parte l’emergenza con il coronavirus ha portato la chiusura di alcune attività e limitazioni nello stile di vita in Italia mentre gli aeroporti registrano positivi di importazione da altri paese, dall’altra c’è la questione della riapertura negli stadi.

A parlare sulle frequenze di Radio Punto Nuovo è Fabrizio Pregliasco, docente di Igiene e Medicina Preventiva dell’Università Statale di Milano

Leggi anche:   Stagione finita, Inzaghi rompe le righe e lascia riposare i suoi. Ecco quando si ricomincia!

“Riapertura degli stadi? Non è facile attuarla dal punto di vista dell’organizzazione e dell’attenzione dei tifosi che potrebbero non seguire le linee guida per quanto riguarda le attese per poter accedere allo stadio. In Italia la situazione è migliorata, ciò che abbiamo ora sono una serie di focolai in diversi territori legati a tre aspetti: disattenzione dovuta a degrado sociale, lavori a rischio e persone provenienti dall’estero. Sfidare la fortuna, il caso, ad oggi non è opportuno. Possibile parziale riapertura seguendo l’iter della Lega? Sì, ma con la sola tifoseria di casa”.