Pioli: “Non dobbiamo sottovalutare nessuno, girone competitivo”. Mentre le altre temono la Lazio

Stefano Pioli ha così commentato il sorteggio dei gironi di Europa League ai microfoni Lazio Style Radio 89.3: “Girone molto competitivo. Cercheremo ovviamente di passare il turno, ma non dobbiamo sottovalutare nessuno. Il Dnipro è una squadra che va rispettata, visto che l’anno scorso è arrivata anche in finale. Lo stesso St. Etienne nella precedente stagione ha fatto molto bene. Anche il Rosenborg può essere temibile”. Secondo il tecnico biancoceleste, quindi, un girone di tutto rispetto, dove bisognerà conquistare con le unghie e con i denti la qualificazione.

Se Pioli pensa che il girone sia abbastanza ostico, le altre squadre, invece, temono i biancocelesti. Christophe Galtier, l’allenatore del Saint-Étienne, ha così commentato il sorteggio dell’Europa League ai microfoni dell’Uefa: “È un piacere essere l’outsider del gruppo, è bello giocare con questi avversari. La Lazio? Ha fallito l’accesso alla Champions ma fa parte di un grande campionato. È sicuramente la favorita del girone“. Anche Bernard Caïazzo, co-presidente della squadra francese, ha commentato il sorteggio alla stampa francese: “È un sorteggio molto difficile, servirà un’impresa per passare il girone. Nella passata stagione c’era l’Inter, quest’anno la Lazio. Il Dnipro è stato in grado di raggiungere la finale di Europa League, dimostrandosi una formazione solida. Per quanto riguarda il Rosenborg invece, è almeno equivalente al Qarabag,

Cattura
affrontato nel gruppo della passata edizione. Il nostro obiettivo è quello di avanzare il più possibile per affrontare grandi squadre europee. In questo modo potremo offrire al pubblico grandi spettacoli e maturare esperienza come organico. Questa manifestazione europea permette infatti a squadre e giocatori di crescere. La scorsa stagione avevamo una grande carica emotiva, oggi sono convinto che i ragazzi saranno capaci di superarla per esprimere al meglio le loro potenzialità durante le partite”.
Il club francese ha anche twittato ai biancocelesti, poco dopo il sorteggio dei Montecarlo, con queste parole: “Ciao Lazio! Sarà un piacere venire all’Olimpico”, con l’hashtag #AllezLesVerts, forza i Verdi. La risposta della Lazio non si è fatta attendere:“È un piacere anche per noi incontrarvi al Geoffroy Guichard”.

Kåre Ingebrigtsen, allenatore del Rosenborg, invece, ha così commentato le avversarie della sua squadra: “Siamo soddisfatti del sorteggio. Affronteremo ottime squadre, ma penso che possiamo dire la nostra. Siamo abbastanza inesperti per pensare di poter mettere in difficoltà le nostre avversarie”.

Il tecnico del Dnipro, Myron Markevych, ha parlato così al sito della UEFA: “Mi ricorda il gruppo dell’anno scorso, con la Lazio al posto dell’Inter e il Rosenborg al posto del Qarabağ. La Lazio è un’ottima squadra, ma la sconfitta contro il Bayer Leverkusen suggerisce che manchi un po’ d’esperienza. Se sono loro la squadra favorita? Non so, è presto per dare giudizi del genere. Considerato che nella scorsa edizione abbiamo raggiunto la finale, la qualificazione ai sedicesimi è l’obiettivo minimo per noi”. Artem Fedetskiy, difensore del Dnipro classe ’85, infine, ha commentato così il sorteggio: “Ogni squadra si preparerà ad affrontarci con una motivazione particolare, ma la nostra esperienza dovrebbe esserci d’aiuto. Abbiamo iniziato male questa stagione, ma sono certo che in autunno riprenderemo a correre. La Lazio è probabimente la favorita nel nostro gruppo, ma anche il Rosenborg è forte e il St-Étienne lo conosciamo bene. Il nostro obiettivo è ripetere un percorso simile a quello della scorsa stagione”.

Leggi anche:   La Spagna ufficializza la data di ripartenza della Liga