Musiche biancocelesti: Lazio Caput Mundi (Testo e Audio)

Me so svegliato presto stamattina
La LAZIO gioca in casa ancora c’è la brina
Er fatto è che de sabato la notte dormo poco
Me giro e me rigiro ..poi dicono che ’n gioco.

Due passi in centro, un cornetto e un cappuccino
L’edicola di fronte, nun ce spenno piu’ ‘n quatrino
E ora d’ annà ar campo io ce abito vicino
A Roma ce sò nato ce vado in motorino

Leggi anche:   Cagliari-Lazio numeri a confronto: i sardi non vincono dal 2013

Città de Roma te voglio bene
Er Tevere me scorre nelle vene
nun po’ esse che con un la
c’hanno rovinato na città
che dai tempi dè Nerone
già giocavano a pallone
come noi ndaven’ a punti
solo per te Caput Mundi

e poi tutta la gente in mezzo a tanti amici
in campo una legione che stritola nemici
e me ne rivado al centro con la bandiera ar vento
cor foco che c’ho dentro fa freddo e nun lo sento

Leggi anche:   Kiyine alla Lazio

arrivo qui a San Pietro che er Papa ce vò bene
da la benedizione sò gioie nun sò pene
e poi ritorno a casa c’ho fame e sò contento
te guardo sei piu’ bella lo sai che avemo vinto

Città de Roma te voglio bene
Er Tevere me scorre nelle vene
nun po’ esse che con un la
c’hanno rovinato na città
sta tranquilla c’è la LAZIO che gira er monno e te fa grande
LAZIO, celeste e bianca..
nà nuvola dar cielo pija la forma…
dell’ AQUILA gigante…

Leggi anche:   Cagliari - Lazio affidata a Maresca: i precedenti

Er Tevere me scorre nelle vene
nun po’ esse che con un la
c’hanno rovinato na città
che dai tempi dè Nerone
già giocavano a pallone
come noi ndaven’ a punti
solo per te Caput MUNDI 

di Enrico Lenni